Community » Forum » Commenti ai titoli

Il dio delle streghe
0 1 0
Murray, Margaret A.

Il dio delle streghe

Roma : Ubaldini, [1972!

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Moderators:

26 Visite, 1 Messaggi

Questo libro è stato molto importante per l'inizio del fenomeno della cosiddetta "New Age" che ha contribuito a diffondere a livello di massa argomenti sino ad allora appannaggio esclusivo di studiosi, antropologi, esoteristi. Il libro è infatti citatissimo in molte opere, sia dotte che di "facile consumo".
Da molti anni mi capitava di veder citata quest'opera di Margaret Murray, ma solo ora mi sono deciso a leggerlo, approfittando della sua disponibilità presso le Biblioteche civiche.
Non ho gli strumenti per scriverne una vera recensione, posso però dire - da lettore profano - che si tratta di un testo che presenta molti aspetti di sicuro interesse.
"Il dio delle streghe", pubblicato per la prima volta nel 1933, ha un taglio accademico che però non impedì al libro di diventare un vero e proprio best seller tra il pubblico profano. Il linguaggio usato dall'autrice è infatti chiaro e comprensibile, scelto apposta - io credo - sia per proclamare le sue tesi al mondo accademico che per incuriosire ed interessare un tipo di pubblico che oggi verrebbe definito "generalista".
La tesi antropologica di M. Murray è che una religione pagana, identificata nel culto di un "dio cornuto", sia sopravvissuta di nascosto nonostante la diffusione capillare, e forzata, del cristianesimo in Europa.
Tale tesi viene discussa dall'autrice con capitoli che descrivono in che modo, con quali riti e secondo quali culti la "vecchia religione" avrebbe prosperato tra le popolazioni europee dall'alto medioevo per arrivare quasi sino ai nostri giorni.
Si può quindi capire come questo libro sia divenuto un testo importantissimo per la cosiddetta "rinascita della stregoneria" (Wicca, soprattutto) che in concomitanza con l'avvento del XX secolo si è andata sviluppando specialmente nei Paesi di lingua inglese.
Notevoli e molto interessanti le illustrazioni a corredo del volume (disegni, riproduzioni e fotografie in bianco e nero) che documentano un mondo, una tipologia di riti e di folklore che forse sono andati oramai totalmente perduti.
Libro importante che sono molto felice di aver letto!

  • «
  • 1
  • »

2406 Messaggi in 2057 Discussioni di 336 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online