Canti Orfici
0 0 0
Risorsa locale

Campana, Dino - Barricalla, Fabio (a cura di) - Lanzola, Andrea (a cura di)

Canti Orfici

Abstract: "Se à ancora una copia dei 'Canti Orfici' me la mandi, mi farà molto piacere: io li ebbi solo in lettura da Boine che li ricevette indirettamente": così scriveva, nel gennaio del 1916, Mario Novaro, industriale oleario, poeta-filosofo e direttore della rivista "la Riviera ligure" di Oneglia, a Dino Campana, autore 'unius libri', che nell'estate del 1914 aveva pubblicato, presso un tipografo del suo paese, quella che ebbe a definire "la sola giustificazione della 'sua' esistenza". Il "poeta notturno", già collaboratore della rivista dell'"Olio Sasso", l'avrebbe accontentato qualche giorno più tardi, inviando una copia dei 'Canti Orfici' con dedica autografa. Ora quell'esemplare, tuttora custodito presso la Biblioteca della "Fondazione Mario Novaro" di Genova, è riprodotto per la prima volta in questa edizione anastatica curata da Fabio Barricalla e Andrea Lanzola, arricchita non solo da un testo apocrifo di Marco Ercolani, e da una nota di Veronica Pesce, ma anche dal celeberrimo 'plauso' di Giovanni Boine, che tanto avrebbe contribuito alla fama del pazzo di Marradi. Con questa operazione culturale, in collaborazione con la "Fondazione Novaro", Matisklo edizioni intende mettere a disposizione di un amplissimo pubblico, di studiosi e di semplici lettori, un esemplare poco o nulla conosciuto di un'opera capitale del Novecento poetico italiano.


Titolo e contributi: Canti Orfici

Pubblicazione: Matisklo Edizioni, 02/01/2017

Data:02-01-2017

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB/PDF con DRM Adobe

Nomi:

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 02-01-2017

"Se à ancora una copia dei 'Canti Orfici' me la mandi, mi farà molto piacere: io li ebbi solo in lettura da Boine che li ricevette indirettamente": così scriveva, nel gennaio del 1916, Mario Novaro, industriale oleario, poeta-filosofo e direttore della rivista "la Riviera ligure" di Oneglia, a Dino Campana, autore 'unius libri', che nell'estate del 1914 aveva pubblicato, presso un tipografo del suo paese, quella che ebbe a definire "la sola giustificazione della 'sua' esistenza". Il "poeta notturno", già collaboratore della rivista dell'"Olio Sasso", l'avrebbe accontentato qualche giorno più tardi, inviando una copia dei 'Canti Orfici' con dedica autografa. Ora quell'esemplare, tuttora custodito presso la Biblioteca della "Fondazione Mario Novaro" di Genova, è riprodotto per la prima volta in questa edizione anastatica curata da Fabio Barricalla e Andrea Lanzola, arricchita non solo da un testo apocrifo di Marco Ercolani, e da una nota di Veronica Pesce, ma anche dal celeberrimo 'plauso' di Giovanni Boine, che tanto avrebbe contribuito alla fama del pazzo di Marradi. Con questa operazione culturale, in collaborazione con la "Fondazione Novaro", Matisklo edizioni intende mettere a disposizione di un amplissimo pubblico, di studiosi e di semplici lettori, un esemplare poco o nulla conosciuto di un'opera capitale del Novecento poetico italiano.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.