Andergraund
0 0 0
Risorsa locale

Pazzi, Gian

Andergraund

Abstract: Questa storia parla della formazione di un ragazzo; o magari sarebbe meglio dire Sformazione. Che poi c'ha già più di vent'anni; ma certe adolescenze, delle volte, durano anche più dell'età prevista. E quindi finisce che uno, pur essendo uguale a tutti gli altri, non sa mica tanto come sbrogliare certe cose. Che si potrebbe riassumerle, queste cose, dicendo Relazioni umane; o forse semplicemente Amore.E allora succede che uno inizia a pensare al significato della vita, ma ogni volta che gli sembra d'aver capito qualcosa, vai un po' a vedere te, si ritrova invece al punto di partenza. Come se fosse un gioco di società e avesse pescato la carta Torna al via.E così Arlecchino Banti, il protagonista, finisce per fare i conti colle norme e gli stampini della società, dovendosi districare tra l'amore non corrisposto che prova per una ragazza, i nervosi che gli fan venire gli amici e una tragica famiglia che rimbalza tra il comunismo e le panche della chiesa; il tutto filtrato dal suo ruolo di bassista in una band di rock alternativo (con testi politici), e un'occupazione in manicomio.Attraverso uno stile che riprende il ritmo e le divagazioni del parlato, Gian Pazzi prova a raccontare gli ingredienti di una vita uguale alle altre, eppur differente.Perché "uguale" e "differente", delle volte, sono come sorelle.O forse sono solo due mosse dello stesso magico gioco.


Titolo e contributi: Andergraund

Pubblicazione: Robin Edizioni, 13/01/2017

EAN: 9788867408856

Data:13-01-2017

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 13-01-2017

Questa storia parla della formazione di un ragazzo; o magari sarebbe meglio dire Sformazione. Che poi c'ha già più di vent'anni; ma certe adolescenze, delle volte, durano anche più dell'età prevista. E quindi finisce che uno, pur essendo uguale a tutti gli altri, non sa mica tanto come sbrogliare certe cose. Che si potrebbe riassumerle, queste cose, dicendo Relazioni umane; o forse semplicemente Amore.E allora succede che uno inizia a pensare al significato della vita, ma ogni volta che gli sembra d'aver capito qualcosa, vai un po' a vedere te, si ritrova invece al punto di partenza. Come se fosse un gioco di società e avesse pescato la carta Torna al via.E così Arlecchino Banti, il protagonista, finisce per fare i conti colle norme e gli stampini della società, dovendosi districare tra l'amore non corrisposto che prova per una ragazza, i nervosi che gli fan venire gli amici e una tragica famiglia che rimbalza tra il comunismo e le panche della chiesa; il tutto filtrato dal suo ruolo di bassista in una band di rock alternativo (con testi politici), e un'occupazione in manicomio.Attraverso uno stile che riprende il ritmo e le divagazioni del parlato, Gian Pazzi prova a raccontare gli ingredienti di una vita uguale alle altre, eppur differente.Perché "uguale" e "differente", delle volte, sono come sorelle.O forse sono solo due mosse dello stesso magico gioco.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.