Lucio Beltrami

Biografia

twitter: @zioluc
anobii e goodreads: zioluc

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La vampira della porta accanto - Christopher Moore

Forse sono esigente o forse l'intento di Moore era di rivolgersi a un pubblico di ragazzini molto giovani (come linguaggio e temi fanno intuire), fatto sta che in questa storia di una ragazza trasformata in vampira nella San Francisco degli anni novanta cercavo molto umorismo e un po' di avventura, ma ne ho trovato solo tracce omeopatiche.
Ho trovato "Il vangelo secondo Biff" decisamente più inventivo ed esilarante.

L'amore è una pianta verde - Loustal

Brevi testi (poesie? Canzoni? A un cerfto punto arriva anche un blues) accompagnano illustrazioni colorate e pop, rozze nelle forme ma raffinate nella composizione. Un po' datato, sa di anni '80 ma non per questo non è saporito.

La pausa - Nicholson Baker

Arno Strine ha un potere: congelare il tempo essendo l'unico a potersi muovere a proprio piacimento, e lo usa per realizzare la fantasia masturbatoria di spogliare le donne che gli piacciono.
Baker sa scrivere molto bene e l'idea su cui si basa il romanzo poteva essere intrigante: invece nelle sue mani è solo noiosissima.

L'avventura è del tutto assente, l'erotismo latita (salvo nel caso di un paio di racconti pornografici extradiegetici inutilmente infilati a forza e piuttosto scialbi), riflessioni serie non ce ne sono e lo humour non è pervenuto.
Quello che in compenso abbonda è la pedanteria nel descrivere nei dettagli come funzionerebbe questo potere di blocco del tempo, e soprattutto la fastidiosissima insistita pretesa di far passare il protagonista narratore come un galantuomo che sì, abusa delle persone senza il loro consenso, ma sempre rispettandole (?), sempre facendo loro piccoli favori (?), sempre mantenendosi entro una tremenda deontologia del guardone che viene ripetutamente propinata al povero lettore il quale vorrebbe finire il libro il prima possibile.

Ho letto una recensione secondo cui l'uomo che ha un tale superpotere e lo usa per squallidi fini onanistici sarebbe una metafora che parla di Baker, scrittore abilissimo che produce monnezza. Secondo me chi ha scritto questa recensione è una mente fine, Baker un cialtrone.

Gerusalemme - Amos Elon

Gerusalemme è la città più affascinante che io abbia visto, soffocata dai tanti strati della sua storia, straziata dai conflitti etnici e religiosi ma vitale e misteriosa nei suoi riti religiosi e sociali.
Questo libro è un racconto non strutturato, una libera chiacchierata di una persona che conosce molto bene la città e di volta in volta si sofferma sulle guerre e gli assedi, poi sugli edifici e sugli scavi archeologici, quindi sull'impronta lasciata dagli Ebrei, dai Cristiani, dai Musulmani, dagli Inglesi, dai Russi e così via. Abbastanza piacevole da leggere, riporta molti aneddoti interessanti anche se non è particolarmente approfondito e non è aggiornato (è stato scritto negli anni '80).

Alain e i Rom - Guibert, Keler, Lemercier

Come in IL FOTOGRAFO, Guibert e compagnia ibridano fotografia e fumetto per realizzare un reportage "aumentato". Qui si racconta la pluriennale frequentazione delle comunità europee dei Rom da parte dell'autore, con il lodevole intento di sensibilizzare sulla discriminazione di cui sono oggetto.
Ma se IL FOTOGRAFO è un'opera straordinaria sia sul piano stilistico che su quello dei contenuti, qui i vari episodi non raccontano granché e offrono squarci molto scarni sui Rom e sulle loro condizioni di vita. Particolarmente pietoso il capitolo sui balli, di cui si scrive che sono talmente coinvolgenti e commoventi che si consiglia di andarsi a vedere un video (con tanto di URL), perché evidentemente né le foto né i disegni né le parole sono capaci di raccontarle: e in effetti non mi hanno nemmeno fatto venire voglia di andare a cercare quei video.
Sconsigliato, a meno di un interesse spasmodico per l'argomento (ma a me interessa eh, se no non l'avrei letto). Recuperate IL FOTOGRAFO piuttosto.

Twilight - photographs by Gregory Crewdson

Crewdson con numerosi modelli, set ricchi e luci articolate crea costruitissime scene oniriche: fenomeni sovrannaturali sconvolgono una cittadina tra luci divine (o aliene?), donne incinte che vagano nude di notte, lupi, montagne di fiori, persone attonite e rapite. Affascinante per l'impegno, ma alla quinta foto ero già annoiato. Freddezza, inconsistenza, ripetitività. Solo pochissime foto hanno una potenza iconica tale da far soffermare lo sguardo. I lunghi titoli di coda delle ultime pagine comunicano solo dispiacere per lo spreco. L'introduzione dello scrittore Rick Moody invece è fresca, inventiva, simpatica e forse merita più del lavoro che presenta.

Lo scontro quotidiano - Manu Larcenet

Volume conclusivo della storia del fotografo Marco. Una storia semplice, e forse l'effetto è amplificato dai disegni buffi e cartooneschi, eppure così ben raccontata e ricca di sfumature da mantenere l'interesse dall'inizio alla fine. Molto meglio della media delle autobiografie a fumetti che hanno a volte il sapore di contenitori per l'ego dell'autore. Bravo Larcenet!

Al capolinea - Joe Matt

Cronaca autobiografica precisa e spietata nel raccontare lo squallore di giornate dedicate alla dipendenza dalla pornografia o a chiacchiere lamentose con gli amici (fumettisti anch'essi) al bar. Nonostante possa sembrare tremendo, l'effetto è di freschezza sincerità e spesso umoristico e il tratto di Matt mi piace molto.

Les éphémérides - Stéphanie Hochet

Il libro segue gli ultimi mesi dell'umanità (a quanto pare per qualche motivo Il 21 marzo il mondo finirà) attraverso tre o quattro vicende parallele di personaggi tra loro legati per quanto non sempre vicini. L'aspetto apocalittico/fantascientifico è del tutto collaterale, non importante e volutamente vago: l'attenzione è dunque sulle vicende soprattutto interiori dei personaggi, che però hanno un interesse pari a zero.

[spoiler minori da qui in poi]

In una inutile ambientazione britannica ci troviamo quindi tra lesbiche che si sentono realizzate allevando una razza di cani superiore che resisterà all'apocalisse (WTF?), una bambina inquietante (personaggio potenzialmente interessante ma per nulla sviluppato) con genitori irrilevanti e scialbi, per finire con gli unici personaggi degni di questo nome, il pittore e la cantante misteriosa, che da soli con le loro eccentricità esibite fastidiosamente non bastano per salvare questo abbozzo di romanzo.

Atlas géopolitique d'Israël - Frédéric Encel

Atlante tematico che mostra l'evoluzione di Israele dalla costituzione dello stato al 2010 circa. Mappe storiche, infografiche e diagrammi interessanti ma non eccezionali, sottorappresentata la parte palestinese. Resta una iniziativa editoriale notevole.

Copenaghen - Michael Frayn

Pièce teatrale a sfondo scientifico e morale uscita nel 1998 e rappresentata con grande successo.

Nel 1941 Werner Heisenberg viaggia dalla Germania nazista alla Danimarca occupata per parlare con il suo vecchio collega e maestro Niels Bohr. Cosa si dissero i due mostri sacri della fisica? Negli anni in cui la guerra mondiale spingeva verso la realizzazione di un'arma atomica e la fisica nucleare faceva passi da gigante i due scienziati potevano parlare del comportamento delle particelle come di risentimenti personali, di politica come di accademia, di ricordi come di tradimenti, di scrupoli come di proposte di collaborazione o offerte di lasciapassare.

Frayn, documentatissimo, mette in pentola tutto questo delineando inoltre un parallelo tra le teorie fisiche (l'indeterminazione su tutte) e il comportamento dei personaggi, che come elettroni vagano attorno agli argomenti lasciando intendere solo un pezzo di verità alla volta.

Il linguaggio scientifico c'è, ma più di una volta è una vera commozione umana che emerge dalle parole di questi tre spettri (c'è anche la moglie di Bohr) che pur attaccati alle proprie passioni e alle proprie vite forse hanno potuto decidere delle sorti dell'umanità.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

libro prenotato risulta inesistente

Buongiorno, il libro

"Il volto del tempo : sessanta ritratti di uomini e donne del XX secolo" / August Sander
bct.comperio.it/opac/detail/view/sbct:catalog:213080

è stato da me prenotato qualche settimana fa, ora risulta che non ne esistono copie. Cosa è successo?
Grazie.

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate