Community » Forum » Commenti ai titoli

Io che amo solo te
2 2 0
Bianchini, Luca <1970- >

Io che amo solo te

Milano : Mondadori, 2013

Abstract: Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la First Lady. È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet semicascante della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti.

Moderators:

244 Visite, 2 Messaggi
p134123
6 posts

un libro che non vale la pena di leggere... che non valeva la pena di scrivere.

u024291
51 posts

Sarà che ho visto con i miei occhi un parente pugliese fotografo di matrimoni all'opera, alle prese con il montaggio di un video in cui faceva suonare le campane del Big Ben invece che quelle di una chiesa di Molfetta e in cui l'immagine della Madonna di Lourdes compariva in sovraimpressione al momento del sì all'altare; sarà che ho visto album di matrimonio delle dimensioni di un divano e ricoperti dalla stessa pelle primo fiore; sarà che ho nelle orecchie le infinite e accanite discussioni fra parenti in cui volavano epiteti irripetibili e per me divertentissimi; sarà che in ogni famiglia ci sono storie di amori infelici e irrisolti (ma sospetto che in Puglia più che altrove); sarà tutto questo ma è anche che il romanzo di Bianchini è ben scritto. Perciò mi sono divertito moltissimo a seguire le vicende serratissime dei personaggi nell'arco delle poche ore in cui la vicenda si snoda, ore di bilanci, di arrivi e ripartenze esistenziali...

  • «
  • 1
  • »

2640 Messaggi in 2266 Discussioni di 352 utenti

Attualmente online: Ci sono 25 utenti online