Community » Forum » Commenti ai titoli

Pantaleón e le visitatrici
2 1 0
Vargas Llosa, Mario

Pantaleón e le visitatrici

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 1987

Moderators:

68 Visite, 1 Messaggi
Giuseppe Sirugo
114 posts

Il capitano Pantaleón Pantoja è il tipico ufficiale che nella vita non ha alcun tipo di vizio, non fuma, non beve, non va a donne, ed è uno sposo novello che insieme alla compagna Pochita vivono a casa della mamma Leonor.
I superiori di Pantaleón lo scelgono fra oltre ottanta ufficiali per un’importante missione: deve lavorare col massimo segreto e con la più totale descrizione. A Iquitos, nelle Amazzoni, i soldati di cinta vivono in cattive condizioni. E oltre le difficoltà che riscontrano per sopravvivere nel pieno della selva persiste il problema che non ci sono nemmeno donne. I militari si dedicheranno a perseguire e violare le femmine di quella ragione. Tanto è che i generali preoccupati dell’esigenze dei sottufficiali hanno ideato una soluzione: si creerà un servizio di "visitadoras" per le condizioni di piacere dell’esercito. Pantaleón Pantoja è un’eccellente ufficiale e obbedisce gli ordini; frattanto, per sorpresa della moglie e della madre i suoi abiti sono stai cambiati con quelli borghesi. L’ufficiale comincia a uscire la notte e rientra a casa nelle ore del presto mattina, moventi stessi che ha iniziato a intraprendere il nuovo lavoro con coscienza: già il primo resoconto inviato ai superiori l’ha dettagliato nella forma e nello sfondo, fatto con una minuziosa esposizione di come è l’ambiente della prostituzione nella città di Iquitos: dovrà reclutare un numero determinato di prostitute, conosciute come le "visitadoras", che siano proporzionali al numero totale dei soldati che hanno bisogno di servizi da meretrice. Per cui il capitano realizza alcun calcolo approssimativo, ai soldati include persino il numero dei coiti settimanali più convenienti.
Un individuo chiamato Porfirio Wong lo mette in contatto con ambienti diversivi nei quali concorrono le prostitute, e mediante questo tafferuglio conosce a Chuchupe, pseudonimo di Leonor Curinchila, un’organizzatrice di uno dei locali: Chuchupe mette al corrente l’obbligazione dettagliata che realizzano queste donne di lusso, tipo il tempo di durata più conveniente che a determinata prestazione può attingere il cliente come anche la tariffa per completo con la quale vendono il corpo. Poco alla volta l'incaricato si va convertendo in uno specialista della materia, un po’ con la medesima attenzione che da sempre ha svolto il proprio lavoro da militare. Non smentendo l’impegno, con estrema minuziosità dedica tutti i suoi sforzi al compimento degli ordini ricevuti. Il "Servicio de Visitadoras" comincia a prendere forma. Pantaleón trova un locale che hanno pulito, ordinato, include pure un’infermeria con medicamenti. Tuttavia, mentalmente, al capitano l’indiscutibile atto di servizio che sta portando a termine con successo inizia a impregnarsi di angoscia. Dalla più intima sicurezza il povero ufficiale comincia a suscitare la preoccupazione che un giorno o l’altro la sposa Pochita e la mamma Leonor scoprono la verità. L’unica cosa certa è che dirigeva già una compagnia di prostitute uniformata, anche se si sente umiliato per questo. Prova vergogna e dolore quando la compagnia che ha creato sfila davanti ai superiori: sotto quelle uniformi del suo esercito c’è la presenza di Porfirio Wong, l’organizzatrice Chuchupe e il resto dello standard femminile. Prima o poi, pensa, sua moglie e la signora Leonor avrebbero intuito. Inoltre, da quel momento era arrivato fratello Francisco, un uomo che per tutta l’estensione delle Amazzoni contava già moltissimi seguaci; il predicatore recandosi lì avrebbe assolto tutti coloro che in passato hanno misfatto le proprie madri.
Il servizio speciale di Pantoja si perfeziona al punto che per il trasferimento delle visitadoras nelle distinte guarnizioni dispone di una barca e un aereo. Toccò il cielo con un dito! Ha conseguito un servizio talmente straordinario ed efficace che la notizia è stata divulgata per tutta la città di Iquitos e lo hanno battezzato col nome di "Pantilandia". Il giovane capitano riesce a mantenere i conti al centesimo; il medico alle prostitute fa un controllo periodico al fine di prevenire eventuali malattie. Segue tutto con assoluta onestà, serio, come sempre, una persona tutta d’un pezzo. Sino a quando non appare la brasiliana, una prostituta recentemente arrivata dal Brasile e che anteriormente era conosciuta negli ambienti notturni di Iquitos. Il povero Pantoja si sente irrimediabilmente attratto da lei.
Frattanto i rumori nei confronti della missione che sarebbe dovuta essere segreta e che invece fu nominata "Pantilandia" si estesero per tutto il dipartimento di Loreto. Non esiste un loretano che ignora che un certo Pantaleón Pantoja dirige il più prosperoso negozio di prostituzione della regione. Sua moglie, che sta aspettando un figlio, ignora le voci che circolano, anche se via radio ha già sentito parlare della missione Pantilandia. Nel mentre, fratello Francisco sceglie di captare aneddoti per tutta la selva: a istanza sua, durante un rito per sollecitare la pioggia sono stati messi in crocifissione un bambino e un anziano, in ogni modo non deve allarmarsi poiché attinente al ruolo che svolge nella selva tale sacrificio è cosa normale, si crocifiggono animali per tutte le Amazzoni.
Un noto annunciatore, il Sinche, si elegge come portavoce morale dell’antisetta pseudo-cristiano: questo speaker non essendo riuscito a diventare partecipe del negozio di Pantaleón, mediante una trasmissione radio diffonde il nome e cognome del capitano. Da quel momento la moglie di Pantaleón ha conosciuto la verità e sceglie di abbandonare il marito portandosi con sé la figlia che intanto era nata. Assuefatto del proprio dovere lui tiene duro, però si sente una persona sporca e ferita: come se non bastava quello che accadde, alle visitadoras adesso deve passare delle riviste e sta circostanza gli rende la sensazione che le prostitute si sono trasformate in un mostro gigantesco che avanzano verso lui sino a inglobarlo. Ma a dispetto di tutto, lui preferisce mollare i suoi vecchi principi sentimentali per rifarsi una vita con la brasiliana, non riesce più a farne a meno.
Il generale Collazos propone a Pantaleón di ampliare il servizio delle visitadoras per i sottoufficiali e gli ufficiali. Al generale non sembra giusto che il resto della truppa gode di tali privilegi mentre gli ufficiali no. Il buon capitano ascolta il superiore e mette mano nuovamente a l’incarico assegnato: dov’è basata la missione e per tutta la guarnizione non si parla d’altra cosa. Il servizio delle visitadoras è un assunto ascendente, prioritario per la troupe. Quindi i restanti membri della missione rimangono con l’accordo di una revisione per il piano di ampliamento.
Intanto Fratello Francisco insieme ai suoi seguaci che si contano già in diverse migliaia d’unità seguono avanzando nella selva. In pochi mesi, anomalamente, o per alcun nesso, hanno crocifisso a sei persone: prima che accadesse questa situazione, l'esercito decide d’inviare un distaccamento per fermare e arrestare il predicatore Francisco.
Del frangente corrente la disgrazia decide di abbracciare l’ufficiale e la sua organizzazione. Un giorno mentre le donne stavano viaggiando in barca e sul fiume nella direzione imminente di cinta un gruppo di uomini le rapiscono per abusare di esse. Appena dopo, quando i soldati sono andati a riscattarle, la brasiliana muore per un colpo di pistola; i sequestratori approfittano di questo incidente hanno inchiodato in un albero la brasiliana in maniera che la colpa dell’omicidio crollasse ai seguaci di fratello Francisco. Il capitano si sente moralmente distrutto e per il funerale della brasiliana organizza un’onoranza militare. Successivamente, gli abitanti di Iquitos e tutti i media di comunicazione, davanti a questo distacco militare in onore di una prostituta furono scandalizzati. Tutto il paese finisce col sapere l‘accaduto e il rumore della protesta immancabilmente è arrivato ai superiori di Pantaleón: a livello ufficiale sorge una controversia, l’esercito non ha niente a che fare con l’assunto delle visitadoras, perché secondo la comunicazione che queste hanno ricevuto sono state arruolate come militari. Oltre a ciò l’esercito ha incaricato un solo ufficiale per organizzare il servizio. Si tratta di un contesto civile e il regime militare non deve avere unione con la cerimonia. Quindi il capitano si converte il solo responsabile per la chiusura della bara. I soldati che scortano il feretro della brasiliana sono vestiti in uniforme e hanno soltanto eseguito gli ordini.
Conseguentemente i superiori del capitano accusano Pantoja di aver coperto di ridicolo l’esercito: negata la sua esistenza il servizio delle visitadoras finisce sotto clausura e tutto il lavoro che l’ufficiale ha svolto sino a quel momento s’esaurisce in un battibaleno. I superiori subito dopo la cerimonia di sepoltura consigliano di presentare una dimissione onorevole. Ma l’ufficiale nega la petizione. Immagina che probabilmente l’esercito come soldato semplice lo destina in capo al Mondo, ed è cosciente che le referenze del suo foglio di servizio sono affette nei confronti di eventuali lavori. E benché sarebbe congedato, sa pure bene che è un militare e seguirà esserlo a vita. Sino alla fine da persona caparbia preferisce rimanere in ambiente militare e da recluta è stato inviato in cima a qualche monte segregato. Mentre fratello Francisco prima di cadere sotto il regime delle forze armate di propria iniziativa ha preferito la crocifissione e alcun giorno dopo trovarono il cadavere quasi irriconoscibile, il corpo del predicatore era ormai in uno stato di totale putrefazione.

  • «
  • 1
  • »

2681 Messaggi in 2302 Discussioni di 353 utenti

Attualmente online: Ci sono 9 utenti online