Community » Forum » Commenti ai titoli

Agguato sull'isola
0 3 0
George, Elizabeth

Agguato sull'isola

Milano : Longanesi, °2004!

Abstract: L'isola di Guernsey, nel canale della Manica, è un luogo perfetto per nascondersi. Guy e Ruth Brouard vi hanno trovato rifugio al termine della Seconda guerra mondiale dopo un'avventurosa fuga dalla Francia. Un luogo paradisiaco dove i due possono coltivare la passione per l'arte al riparo dal resto del mondo. Quando China e Cherokee River, fratello e sorella, giungono sull'isola per portare ai Brouard i progetti di ristrutturazione di una nuova ala del loro maniero, saranno accolti da una strana, misteriosa atmosfera, fatta di personaggi ambigui, molti segreti e un delitto.

Moderators:

148 Visite, 3 Messaggi
P60468
62 posts

Non ce la fò.... ho provato per due volte ad accostarmi ad un “giallo” della George ed in entrambi i casi ho battuto in ritirata, lievemente irritato. Non so come sia nata l’etichetta di scrittrice di romanzi gialli. Non ne possiede il ritmo necessario, tira in lungo la storia, per pagine e pagine, con dettagli e dialoghi insignificanti. Anche il più gagliardo dei lettori dopo un po’ perde il filo del discorso e rinuncia. Anche in questi libro assistiamo ad un assassinio. A pagina 60 siamo ancora in ballo con particolari che sembrano poco avere a che fare con la vicenda. Dove ci porterà la astuta George. Temo da nessuna parte ahimè per cui domani riconsegnerò il “giallo” e metterò la croce su questa scrittrice.

P60468
62 posts

Devo rettificare la mia recensione. Ho trovato la forza di resistere nella lettura e verso pagina 150 ( su 600 e passa) ho intravisto un bagliore di interesse. Fermo restando che un buon lavoro di editing non guasterebbe (ridurre la mole del 50% sarebbe l’ideale...) la trama è sempre ben congegnata e i personaggi sempre ricchi di tare e oscuri passati, credibili. Per leggerla bisogna riuscire a sopportare le lungaggini che appesantiscono il plot. Ma non è una scrittrice disprezzabile.

P58704
57 posts

Questo non è uno dei migliori gialli della George, anzi, anche se ne ha scritti di peggiori [cfr: Un piccolo gesto crudele]. Però è un'autrice con una media qualitativa molto elevata, le sue "lungaggini" servono per dare profondità all'affresco narrativo, per quanto l'approfondimento psicologico talvolta non sia esente dalla riproposizione di biechi stereotipi. Resta il fatto che nelle opere migliori sfiori l'eccellenza. Mi permetto di suggerire la lettura del suo miglior romanzo, ovviamente a mio personalissimo avviso: Prima di ucciderla.

  • «
  • 1
  • »

2724 Messaggi in 2343 Discussioni di 357 utenti

Attualmente online: Ci sono 24 utenti online