Community » Forum » Commenti ai titoli

Il dilemma dell'onnivoro
2 1 0
Pollan, Michael

Il dilemma dell'onnivoro

Firenze ; Milano : Giunti, 2011

Abstract: Da dove vengono i cibi che ingeriamo? Che cosa stiamo mangiando davvero? Michael Pollan decide di improvvisarsi detective del cibo per conoscere l'evoluzione e i segreti nascosti dietro quello che si mangia, dal seme al frutto, dalla storia del cibo con una faccia alla carne lavorata e anatomicamente irriconoscibile. Inizia così una ricerca che lo porta a conoscere varie realtà, dalla produzione industriale a quella dei produttori diretti. Fast food, supermercati, fabbriche, macelli e piccole fattorie diventeranno il terreno della sua instancabile marcia verso la consapevolezza. In questo viaggio pieno di scoperte ma anche di incertezze, Pollan dovrà affrontare molte esperienze che lo metteranno a dura prova, dovrà combattere e accettare compromessi, dovrà forzare la sua indole e imparare a cacciare e a uccidere per nutrirsi. Alla fine però ritroverà la strada di un rapporto diverso con madre natura e sarà in grado di scegliere come comprare, cucinare e mangiare. La sua ricerca si conclude con un menu a quattro portate dove finalmente quello che c'è nel piatto non è più un dilemma ma la storia appena raccontata. Adattato in questa versione per giovani adulti da Richie Chevat.

Moderators:

60 Visite, 1 Messaggi
P66254
3 posts

Spunti interessanti, e in generale la materia trattata e l'inchiesta svolta è molto interessante e lodevole. Peccato che a conti fatti il tutto si riveli, a mio parere, inutile, in quanto l'autore cita pochi numeri e pochi dati.
Quanta carne producono i feedlot e quali estensioni di territorio occupano rispetto agli allevamenti normali? Quanto effettivamente inquinano?
Quanti e quali sono i sussidi che lo stato USA da agli agricoltori per coltivare mais e soia? sono effettivamente renumerativi rispetto che coltivare insalata?
Il biologico industriale inquina meno dell'agricoltura industriale: come fa a dire questo? che dati riporta? quali sono le sostanze ammesse in uno e nell'altro caso?
Questi e altri dati comparativi non vengono forniti dall'autore. Probabilmente non li ha nemmeno cercati.
Resta così un manifesto ideologico, al più un'autobiografia, e niente di più.
Peccato.

  • «
  • 1
  • »

2922 Messaggi in 2516 Discussioni di 379 utenti

Attualmente online: Ci sono 12 utenti online