Vedi anche le pagine di ricerca:  GIALLI - FANTASY E FANTASCIENZA - NARRATIVA ROSA

Cerca un libro di narrativa o sfoglia la lista delle novità

Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2007

Trovati 2054 documenti.

L'ultima notte con Martine
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Giacchino, Claudio

L'ultima notte con Martine : 1969: il mistero Beauregard / Claudio Giacchino

Torino : La Stampa, c2007

La squadra spezzata
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bolognini, Luigi <1972- >

La squadra spezzata : l'Aranycsapat di Puskàs e la rivoluzione ungherese del 1956 : romanzo / Luigi Bolognini ; prefazione di Roberto Beccantini

Arezzo : Limina, c2007

Abstract: La sottile linea rossa che lega l'Aranycsapat (squadra d'oro), la Nazionale ungherese di Puskás e Hidegkuti, con la rivoluzione del 1956, repressa dall'Unione Sovietica con i carri armati. Quella squadra, come la Honvéd, il club di Budapest in cui militano Puskàs e Bozsik, è l'ambasciatrice del Paese nel mondo, macina gol e spettacolo e viene acclamata ovunque. E regala bellezza e gioia agli ungheresi, oppressi da un regime grigio e sanguinano, gli dà la speranza di un futuro diverso. Il giovanissimo Gábor, fanatico di Puskás, vive i trionfi alle Olimpiadi e contro l'Inghilterra come il segno che il comunismo, di cui è un convinto seguace, sia destinato a vincere. Ma la sconfitta nella finale della Coppa Rimet del 1954 (l'unica partita persa dall'Aranycsapat su 50 tra il 1950 e il 1956) manda in frantumi i suoi sogni e quelli di un intero Paese: sparite le speranze, resta solo una realtà fatta di miseria. La delusione serve a farlo riflettere e mettere in dubbio tutto quello in cui credeva. E quando, il 23 ottobre 1956, scoppia la sommossa contro la dittatura comunista, il sedicenne Gábor perde ogni punto di riferimento: approva la rivolta, ma si sente sempre socialista. E lotta per creare un socialismo nuovo, democratico e liberale. Fino a quando i carri armati sovietici invadono Budapest e soffocano nel sangue la rivoluzione.

Formato famiglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Frohlich, Susanne

Formato famiglia : romanzo / Susanne Frohlich

Milano : Salani, [2007]

Abstract: Decido di fare una lista, come consigliano sempre quei manuali che aiutano a vivere meglio. Scrivi quello che vuoi cambiare. È il primo passo. Fai chiarezza nella tua testa. Datti degli obiettivi precisi. E allora, forza! La mia lista è presto fatta: Voglio: più emozioni; più sesso; più apprezzamenti; cosce più snelle. E il tutto possibilmente in fretta. Molto in fretta. Certo, è piuttosto difficile conciliare questo programma con il corso di ginnastica per piccoli, la grande da andare a prendere a scuola, la gita all'Ikea con annesse polpettine, figli urlanti nella vasca delle palline e compere inutili ma tremendamente gratificanti, la lotta all'ultimo euro per l'acquisto su e-bay della borsa che può cambiarti la vita. Ma, come insegna la Storia, bisogna che tutto cambi perché nulla cambi... L'esilarante diario di una casalinga disperata, ma capace di ridere su se stessa e i propri problemi.

Bersaglio sbagliato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lawson, Michael <1948- >

Bersaglio sbagliato / romanzo di Mike Lawson ; traduzione di Adria Tissoni

Milano : Longanesi, [2007]

Abstract: Chattanooga, profondo Sud degli Stati Uniti. Il Presidente è in visita a un vecchio amico, dagli agenti destinati alla sua protezione. Eppure qualcuno ha violato l'area di sicurezza. Con un fucile. E il fucile spara. Tre colpi. Il presidente viene ferito, uno dei suoi agenti muore e, soprattutto, il suo amico fraterno perde la vita. A Washington si scatena una bufera perché qualcuno ha sottovalutato un anonimo biglietto giunto ai servizi segreti pochi giorni prima: La sicurezza del presidente è compromessa. Annullate il viaggio a Chattanooga. Ma è la firma il particolare più inquietante: Un agente nel posto sbagliato. Il servizio segreto, il corpo più fidato al fianco del presidente, potrebbe essere stato infiltrato da un nemico. E quel nemico potrebbe tornare a colpire. Per risolvere il mistero e fermare il killer prima che uccida ancora, occorre l'occhio di un uomo esterno a quell'ambiente. Un uomo testardo e determinato ad andare sino in fondo, come lo è il protagonista dell'opera.

Quattro sorelle e un funerale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Perry, Tasmina

Quattro sorelle e un funerale / Tasmina Perry ; traduzione di Alessandra Padoan

Milano : Sperling & Kupfer, [2007]

Abstract: Aristocratiche e modaiole regine della scena londinese e non solo, le sorelle Balcon sono l'obiettivo più ambito dei paparazzi. Serena, la più affascinante fra le attrici inglesi, Venetia, l'interior design più in voga, Camilla, l'astro nascente della politica e Cate, determinata direttrice di riviste, hanno tutto: bellezza, ricchezza, privilegi. Sono cresciute in un mondo in cui il denaro può comprare ogni cosa; ma non può comprare l'amore, né l'affetto del padre, l'arcigno Oswald Balcon, che sembra proprio disprezzare le ragazze e si diverte a tormentarle. Così, quando il tirannico lord Balcon viene trovato morto in un fossato del castello di famiglia, il sospetto ricade inevitabilmente sulle figlie. E non appena i riflettori, costantemente puntati sulle loro scintillanti vite, si spengono per un attimo, si intravede una fitta ragnatela di inganni, scandali, tradimenti e segreti che minaccia di annientarle. Ma sono davvero colpevoli dell'omicidio oppure a loro volta vittime di un imprevedibile destino?

La lunga
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Perrone, Roberto <1957- >

La lunga / Roberto Perrone

Milano : Garzanti, 2007

Abstract: Giacinto Mortola è un cronista sportivo, redattore di un grande quotidiano alla vigilia della pensione. Simone Perasso ha giocato in serie A, due gol nel Torino, poi poca serie B e molta serie C. Mortola ha cominciato a fare il giornalista quando l'informazione era un'altra cosa, e anche il calcio in cui ha debuttato Perasso era diverso, forse più vero. Quell'ultima notte Mortola rimane di turno al giornale, solo nella redazione, per intercettare le notizie dell'ultimo minuto e metterle in pagina: è quella che nel gergo giornalistico chiamano la lunga. E in occasione di quella lunga, il destino dello stagionato redattore di poche ambizioni, vittima designata del carrierista caporedattore Angrisani, incrocia per l'ultima volta quello dell'ex centravanti dimenticato da tutti (o quasi). Una vicenda di giornalismo e di calcio, dagli anni Sessanta ai giorni nostri. Per questi tempi di feroce arrivismo, ha un protagonista curiosamente controcorrente, dolce e ostinato, apparentemente svagato ma con una piccola scintilla da ribelle. Roberto Perrone racconta la sua umiliazione e il suo riscatto con un sorriso appena venato di nostalgia. Perché questo apologo in apparenza lieve ci racconta anche quello che dovrebbero e potrebbero essere l'informazione e lo sport: qualcuno vive una bella storia e qualcun altro vuole e sa raccontarla.

21
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Maag, Georg - Oliva, Valentina

21 : una parte di mondo / Georg Maag, Valentina Oliva

Napoli : S. Galiotta, 2007

Tutto il mondo ha voglia di ballare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Garlini, Alberto

Tutto il mondo ha voglia di ballare : romanzo / Alberto Garlini

Milano : Mondadori, 2007

Abstract: Roberto e Riccardo si conoscono da ragazzini, nel 1975. È una domenica nebbiosa di novembre, durante la festa per l'uccisione del maiale, il giorno memorabile in cui la loro amicizia comincia: ed entrambi, casualmente, fanno un incontro che molti anni dopo si rivelerà la premonizione di un destino. Ma se la radice affonda in quegli anni Settanta ancora cupi, metallici, il tronco robusto e doloroso di questa vicenda è negli anni Ottanta che si sviluppa, fiorisce e, in una parabola fatalmente rapida, avvizzisce. Un decennio archiviato in fretta, senza che si sia mai sentito il bisogno di costruirci intorno un'aura di mito e nostalgia. Anni allegri, forse futili, ma brevi. Accanto a Roberto e Riccardo ci sarà Chiara, e poi Pier Vittorio Tondelli. L'amore tra Chiara e Riccardo e la relazione tempestosa tra Roberto e Pier occupano queste pagine assieme alla scoperta del mondo, dei libri, della politica, della musica, in una fase cruciale della nostra storia recente. Ricostruito fedelmente a partire dai suoi scritti, dai suoi interventi, il Tondelli raccontato da Garlini acquisisce da subito una sua grande autonomia di personaggio, pur nel totale rispetto di quella che fu la sua figura storica. Il trascorrere dei decenni scandisce le esistenze dei protagonisti, li accompagna nel passaggio dall'infanzia all'adolescenza, li mette di fronte alle scelte più difficili e alla necessità della sofferenza, sino alla definizione di una coscienza adulta.

A casa di Dio
4 1 0
Materiale linguistico moderno

Mitchell, David <1969- >

A casa di Dio / David Mitchell ; traduzione di Marcella Maffi

[Milano] : Frassinelli, [2007]

Abstract: A Black Swan Green non ci sono mai stati cigni. È una sonnolenta, piccola comunità nel Worcestershire degli anni Ottanta, un paludoso villaggio a casa di dio. Ci vive Jason Taylor, dodicenne sull'orlo dei tredici, con la famiglia, convenzionalmente borghese e sull'orlo della crisi. Sensibile e intelligente, il ragazzo sta attraversando il guado tempestoso della sua età. Per lui - mente acuta e con una segretissima vocazione poetica - ogni giorno equivale a un vero e proprio videogame. Deve sopravvivere alle angherie dei bulletti della scuola e di certi insegnanti, non fare la figura dello sciocco, non deludere i genitori - così esigenti con lui e sempre così tesi fra loro e soprattutto tenere a bada le sue voci interiori: l'impiccato (la balbuzie che gli tende agguati appena apre bocca); il Gemello mai nato (la parte di sé che lo rimprovera); il Verme (la componente più debole e timida). Mescolando la disarmante ingenuità e la freschezza dell'infanzia con le ansie e i turbamenti dell'età adulta, Jason è un personaggio straordinariamente vero. In tredici capitoli e tredici mesi, Mitchell ricostruisce abilmente tutto il mondo del ragazzino - dalla realpoIitik kissingeriana alla prima sigaretta, dalla guerra delle Falkland al primo bacio fino ai Duran Duran - e lo filtra con brillante ironia.

Tradimento
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zagajewski, Adam

Tradimento / Adam Zagajewski ; a cura di Luca Bernardini ; traduzione di Valentina Parisi

Milano : Adelphi, [2007]

Abstract: Ha detto Milosz che a scrivere versi non è l'abilità della mano, ma il cielo, a noi caro ancorché scuro, / qual videro i genitori e i genitori dei genitori / e i genitori di quei genitori / nel tempo che fu. Per Adam Zagajewski voce sommessa sullo sfondo delle immense devastazioni di un secolo osceno, più intima di quella di Auden, non meno cosmopolita di quelle di Milosz, Celan o Brodskij (Walcott) - quel cielo è Leopoli (oggi l'ucraina L'viv), la città della Galizia dove dormono i leoni, che alla fine del secondo conflitto mondiale intere famiglie dovettero abbandonare per essere deportate nella Slesia sottratta alla Germania e assegnata alla Polonia. Cristallizzata dalla memoria e purificata dalla nostalgia, Leopoli si trasforma così in luogo concreto e insieme invisibile, familiare e sconosciuto, sacrario che non è opportuno visitare, come se la bella definizione di docta ignorantia avesse abbandonato le pagine dei libri per divenire una ferita aperta sulla verde mappa dell'Europa. Ma senza il grigio approdo di Gliwice (nell'Alta Slesia), mortificata dai modelli imperanti del socialismo reale, città terrena e regno dell'immanenza, la trascendente e celeste Leopoli, per sempre perduta, non potrebbe continuare a vivere. Né il viaggiatore-poeta saprebbe ritrovare la vita di prima della catastrofe, la folla di prima della catastrofe, le nuvole, le vetrine, i cespugli di sambuco di prima della catastrofe. E, sempre straniero e sempre in cerca di una patria, scorgere il proprio volto.

Il gioco dell'impiccato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Turbau, Imma

Il gioco dell'impiccato / Imma Turbau

Roma : Castelvecchi, 2007

Abstract: L'adolescenza è il momento in cui le bambole e i giocattoli lasciano il posto alla pelle, ai sentimenti, alle ferite del cuore e ai voli della mente. La storia di David e Sandra porta con sé questa verità, ma contiene anche un terribile segreto, una chiave che ci verrà consegnata solo nelle ultime pagine. Due bambini che diventano adulti, che non riescono a dirsi l'amore, e trovano parole di tenerezza solo quando giocano, scribacchiando, a scambiarsi pezzetti di carta con il gioco dell'impiccato. Perché il cuore è caldo e trabocca di parole non dette, ma le maniere sono schiette e ruvide: così è la vita del bamo, dei vicoli di una cittadina spagnola dove tutti si conoscono da sempre, senza bisogno di presentazioni, e tutti gli altri no, gli altri sono fuori, sono forasters. Ma dentro c'è tutto il bene, e tutto il male che può portarci un amore, quell'unico amore che si annuncia come un angelo necessario, e cambia per sempre il corso dell'esistenza. Tra gli amici, i sentimenti e gli amori del nostro passato c'è sempre qualcuno che non ce l'ha fatta. C'è chi ha ceduto e se n'è andato prima di essere

Latin lover
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gemma, Vera

Latin lover / Vera Gemma

Reggio Emilia : Aliberti, [2007!

Abstract: Soraya scrive romanzetti rosa: buoni sentimenti, il giorno più bello, lui che arriva su un cavallo bianco, dolce e premuroso. Ma lei non vive in quel mondo luminoso e brillante. Non l'ha mai conosciuto. Non gliene frega niente. Quel mondo non esiste. Soraya li uccide, i suoi uomini. E ne scrive, delle loro morti. Costretta dalla paura dell'abbandono, dal bisogno di possesso, per sempre. Questo è il suo libro più bello, il suo diario, i racconti che scrive ma non pubblica. Perché sono troppo veri per essere letti.

Un altro che non ero io
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Benati, Daniele <1953- >

Un altro che non ero io / Daniele Benati

Reggio Emilia : Aliberti, [2007!

Abstract: Dieci racconti a coppie e un'opera teatrale, sotto il segno di personaggi che partono per un viaggio, si perdono a metà e finiscono per tornare a casa, o in un luogo completamente diverso da quello verso cui erano diretti. Una summa della poetica di Benati, della sua letteratura lunatica, dei suoi miti letterari e artistici, da Dylan a Ghirri.

Ricatto mortale
4 0 0
Materiale linguistico moderno

Matheson, Richard

Ricatto mortale : romanzo / Richard Matheson ; introduzione di Matthew R. Bradley ; traduzione dall'inglese di Simona Fefè

Roma : Fanucci, 2007

Abstract: David Newton ha da poco lasciato New York per recarsi a Los Angeles, dove spera di portare avanti il romanzo che sta scrivendo. Durante una passeggiata, su una spiaggia semideserta, incontra una donna dall'aria misteriosa e affascinante, e con un passato oscuro e inquietante. Si chiama Peggy, è giovane e bella. David se ne innamora perdutamente, e lentamente si lascia trascinare dal desiderio che prova per lei, ignaro del destino che lo attende. Vuole starle vicino, vuole amarla e proteggerla, ma scopre che Peggy potrebbe aver ucciso il suo primo marito e che porta avanti una relazione con un avvocato poco raccomandabile. In un vortice di violenza e passione, in un susseguirsi di amore e tradimenti, David dovrà fidarsi del proprio istinto o dei propri sentimenti: ma decidere sarà come perdere la vita o la donna dei suoi sogni.

L'uomo che vendeva il futuro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Othmer, James P.

L'uomo che vendeva il futuro / James P. Othmer ; traduzione di Cristiano Merlo

[Milano] : Kowalski, 2007

Abstract: Yates è l'uomo che vendeva il futuro. È l'uomo che ha parlato a centinaia di platee, offrendo ogni volta un ottimismo tagliato su misura per specifiche industrie, specifiche aziende, specifiche versioni del domani. È l'uomo che nello stesso giorno ha ridato fiducia a ecologisti e produttori di pesticidi. È l'uomo che ha licenziato un dipendente il giorno che la figlia era venuta a trovarlo in ufficio. È l'uomo che ha fatto brainstorming, giocando a golf, su possibili atti di terrorismo. È stato l'oracolo dei trend futuri, delle magnifiche sorti del capitalismo. È stato l'incarnazione più splendente del marketing, del cinismo e della spietatezza. Ma. Ma un giorno Yates si ritrova a pronunciare un discorso piuttosto diverso da quello che avrebbe dovuto leggere. Il palco è quello del congresso Futureworld, tra le baracche e gli hotel a cinque stelle di Johannesburg. L'evento è il più importante della sua strepitosa carriera. E proclamare che non sa niente del futuro, né del passato, niente di niente, anziché un suicidio professionale gli vale un nuovo lavoro per il Centro governativo delle Minacce e delle Opportunità Emergenti: viaggiare per il mondo e monitorare l'atteggiamento dei popoli verso l'America. Un lavoro molto, molto pericoloso...

Un gelido inverno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Woodrell, Daniel

Un gelido inverno : romanzo / Daniel Woodrell ; traduzione dall'inglese di Daniela Middioni

Roma : Fanucci, [2007!

Abstract: Ree Dolly è una ragazzina delle campagne del Missouri, esile e pallida, e passa le sue giornate prendendosi cura della madre malata e dei fratelli minori. Suo padre, Jessup, è uscito di prigione impegnando la fattoria per pagare la cauzione, e poi ha fatto perdere le proprie tracce. La data del processo si avvicina, e se l'uomo non si presenterà in tribunale, la casa verrà confiscata. È così che Ree, spinta dalla forza della disperazione, indossa un vestitino giallo, il vecchio cappotto nero di sua madre e un paio di anfibi, e parte alla ricerca del padre. Per salvare la vita della sua famiglia e la casa in cui abitano, dovrà sopportare il freddo, la fame, affrontare la violenza e la superstizione di una comunità che si mantiene raffinando cocaina.

Il mio manicomio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Teobaldi, Paolo

Il mio manicomio / Paolo Teobaldi

Roma : E/O, [2007]

Abstract: Attraverso la voce e l'esperienza di Tilde (Matilde), infermiera dei matti, Il mio manicomio si muove in un pulviscolo di storie senza requie, personali e collettive: fatti minimi e privatissimi di famiglie (felici o infelici quanto basta) che si incrociano con la grande storia della nazione. Il tormentato monologo di Tilde porta in scena una ricca galleria di personaggi, positivi e negativi: il padre mai conosciuto; la madre analfabeta che prega in latino; il marito paterno e positivo; la figliola che padreggia; e poi i ricoverati, le suore, la superiora, il direttore fissato con l'elettroshock, i dottorini, il tempo che passa. Una narrazione tesa dalla prima all'ultima pagina, condotta da una voce forte, che dispone di una sua lingua prescolare, a metà strada tra il dialetto della tradizione orale e l'italiano imparato alle elementari negli anni venti del secolo scorso: una lingua dolorante, che si misura con temi cruciali, veri e propri nervi scoperti, con rabbia e reticenza insieme.

Actarus
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Morici, Claudio

Actarus : la storia vera di un pilota di robot / Claudio Morici

Padova : Meridiano zero, [2007]

Abstract: Tokio, 2076. Anche se sei un pilota di robot di fama internazionale, la routine lavorativa alla lunga pesa. E Actarus, dopo anni che deve battersi contro i mostri di Vega, di certe cose comincia un po' a stufarsi. In Istituto, i colleghi ormai passano più tempo in chat che a preoccuparsi della guerra intergalattica. Il Dottore non perde occasione per sparagli le sue interminabili tirate sul futuro della razza umana, con la sua costante espressione di grande dignità. E sempre con quella noiosa sigla in sottofondo. L'unico che ancora la sera riesce a trascinarlo fuori di casa è il suo amico Alcor. Ma finiscono sempre in quei locali ultrafashion di Tokio, zeppi di commercialisti che sorseggiano succhi di ananas e carote. Nel bel mezzo della crisi dei trent'anni, Actarus ha una gran voglia di far luce su alcune questioni nodali della sua esistenza. Per esempio, perché con il suo Goldrake deve sempre prendersele per tre minuti buoni dai robot nemici, prima di tirar fuori il tuono spaziale? D'accordo le esigenze della diretta televisiva, ma non potrebbe farlo subito? Il pilota ha proprio bisogno di un periodo di ferie sulla Stella natale, Fleed, con quei tramonti multipli dai colori meravigliosi, le ragazze sempre disponibili e l'IKEA che fa le offerte anche nei weekend. Ma, mentre i comunicati stampa dei ribelli veganiani si fanno sempre più deliranti e confusi, Actarus conosce Roberta, la pacifista bella e un po' anoressica, con la dispensa sempre piena di prodotti equosolidali...

Asphalt
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rux, Carl Hancock

Asphalt / Carl Hancock Rux ; traduzione di Roberta Gado Wiener

Milano : Baldini Castoldi Dalai, [2007]

Abstract: Questo romanzo è un ritratto profondo e lirico della vita metropolitana. Racine, il protagonista, è un giovane riservato e silenzioso, un dj illuminato dalla passione pura per la musica. E appena tornato da Parigi, dove ha prodotto musica insieme a un amico; contava di guadagnare abbastanza, ma le cose non sono andate per il verso giusto e Racine è dovuto tornare a casa, a New York, dove il destino, la provvidenza o solo la fortuna lo hanno portato a una vecchia e gloriosa casa in mattoni scuri, trasformata in uno squat dai suoi eccentrici occupanti. C'è Manny, trasandato ma fortunato con le donne, Couchette, una bellissima ballerina abbandonata dalla madre, e ci sono altri personaggi, tutti caratterizzati da un forte senso della sconfitta, ognuno, esattamente come la città in cui vivono, ferito, e in cerca di nuove vene affettive, di riscatto con e attraverso gli altri inquilini.

Anime perdute
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cuomo, Franco <1938- 2007>

Anime perdute : notturno veneziano con messa nera e fantasmi d'amore / Franco Cuomo

Milano : Baldini Castoldi Dalai, [2007]

Abstract: Dario è un cattivo maestro, la cui carriera universitaria è compromessa dalla immoralità di certe sue teorie sul male inteso come fattore propulsivo del bene. Lascia Roma e l'università per inseguire a Venezia una sconosciuta contessa che gli si è concessa in un equivoco albergo nei pressi della stazione Termini. Una intensa curiosità reciproca li trascina da un eccesso all'altro, fin quando l'incontro casuale di Dario con un suo vecchio professore e con altri personaggi di uno strano circolo intellettuale cambia del tutto il loro rapporto. A sconvolgere la relazione contribuisce l'inspiegabile improvvisa attrazione di Dario per una giovanissima nipote del professore, insignificante d'aspetto e di salute talmente cagionevole da causarle un costante indefinito malessere. Dario ne è quasi stregato, al punto da lasciarsi sempre più coinvolgere nei progetti del professore, nella cui cerchia spicca un ambiguo prete inglese che si atteggia a depositario della dottrina magica di Aleister Crowley e del di Frederik Rolfe, detto Baron Corvo, lo scandaloso scrittore morto a Venezia un secolo prima. Quasi privo di volontà per amore della nipote del vecchio maestro, Dario accetterà di entrare a fare parte della setta, partecipando a una messa nera che si risolverà in una discesa all'inferno. Ma la rovina definitiva per lui verrà da Roma, dove alcuni suoi studenti uccideranno un ragazzo, sparandogli senza movente, al solo scopo di verificare una delle sue tante tesi sulla casualità del diritto.