Via della Cittadella, 5 - 10122 Torino -  Orari e informazioni

Catalogo in linea

 

Includi: tutti i seguenti filtri
× Materiale Piu' materiali
× Nomi Ovadia, Moni
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 2007
× Nomi Roveta, Giovannni

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
Binario 21
0 0 0
Multimedia (kit)

Binario 21 / [a cura di] Moni Ovadia, Felice Cappa ; [dal poema di Yitzak Katzenelson Il canto del popolo ebraico massacrato]

Bologna : Promo music ; Roma : Rai-Trade, 2010

Abstract: Ad Auschwitz, il luogo simbolo da cui cominciare a ricordare, si sono incrociati due destini: quello di Liliana Segre, deportata dal Binario 21 della Stazione Centrale di Milano, e quello del poeta Yitzhak Katzenelson passato attraverso la disperazione del ghetto di Varsavia. Sia Liliana sia Yitzhak sono in modo diverso dei sopravvissuti: la prima testimone della Shoah; il secondo lasciando uno straordinario documento poetico sull'Olocausto. Il dvd allegato Binario 21. Il canto del popolo ebraico massacrato di Felice Cappa, liberamente tratto dall'omonimo poema di Yitzhak Katzenelson, riporta anche la testimonianza di Liliana Segre, in memoria dello sterminio del popolo ebraico e di tutti coloro che hanno subito la deportazione, la prigionia e la morte.

La bella utopia
0 0 0
Multimedia (kit)

Ovadia, Moni

La bella utopia / Moni Ovadia

[Bologna] : Promo Music books, [2008]

Abstract: La Bella Utopia è lo spettacolo che ha inaugurato la stagione 2007/08 del Teatro Strehler di Milano, è uno spettacolo di immagini, canzoni, musiche, memorie, tracce poetiche, che si propone, nei suoi limiti di rappresentazione scenica, di restituire profondità e dignità agli esseri umani, comunisti e non che ebbero la sorte di nascere ed esistere nelle Russie Sovietiche. La chiave di interpretazione è quella urticante dell' umorismo ebraico, ma la lettura ebraica ha anche un senso tragico. Nel libro l'autore racconta l'utopia del comunismo attingendo a un repertorio di storielle, aneddoti, barzellette e pubblicazioni censurate che hanno costituito un balsamo alle ferite causate dai guasti spesso macroscopici del sistema sovietico. Il racconto di Ovadia, dall'omonimo spettacolo teatrale, apre il sipario su un mondo spesso osservato attraverso le lenti deformate della propaganda.