Via della Cittadella, 5 - 10122 Torino -  Orari e informazioni

Catalogo in linea

 

Includi: tutti i seguenti filtri
× Materiale Piu' materiali
× Paese Italia
× Data 2008

Trovati 6 documenti.

Mostra parametri
Storia della meraviglia
0 0 0
Multimedia (kit)

Alloisio, Gian Piero - Maggiani, Maurizio

Storia della meraviglia : 12 canzoni e 3 monologhi / Gian Piero Alloisio, Maurizio Maggiani

Milano : Feltrinelli, 2008

Abstract: Le cose importanti spesso capitano nostro malgrado. Quando ho cercato Maurizio Maggiani non avevo in mente nulla di quello che poi è scaturito. A me bastava una pagina da far leggere a un'attrice in una serata dedicata alla canzone d'autore genovese, lui invece mi ha dato in custodia le bozze d'un suo libro ancora da stampare. L'ho letto a Viareggio, fra i preparativi del Carnevale che ho l'onore di organizzare. Dopo la prima pagina ho preso la chitarra e ho scritto la prima canzone. E così via, senza sforzo. Commuovendomi moltissimo per quello che mi sembrava di cogliere dalle pagine e per la facilità con cui le note mi venivano a trovare. Sono socio della SIAE dal 1976 ma ancora non ho imparato a scrivere canzoni per mestiere. Riesco a scrivere solo con persone che sento familiari: Maggiani lo percepisco un po' gemello. Stessa storia politica, entrambi contadini trapiantati, coetanei sostanzialmente, cani scioltissimi con la pratica e l'utopia del bene comune. Da ogni pagina della sua guida per perdersi nella Città ho estratto cose che sentivo mie, già misteriosamente mie, e ne ho fatto delle canzoni che poi abbiamo rivisto insieme...

Il cinema delle idee
0 0 0
Multimedia (kit)

Il cinema delle idee : 40 film per capire la filosofia / Enzo Ruffaldi, Andrea Sani

[Torino] : Loescher, [2008]

La bella utopia
0 0 0
Multimedia (kit)

Ovadia, Moni

La bella utopia / Moni Ovadia

[Bologna] : Promo Music books, [2008]

Abstract: La Bella Utopia è lo spettacolo che ha inaugurato la stagione 2007/08 del Teatro Strehler di Milano, è uno spettacolo di immagini, canzoni, musiche, memorie, tracce poetiche, che si propone, nei suoi limiti di rappresentazione scenica, di restituire profondità e dignità agli esseri umani, comunisti e non che ebbero la sorte di nascere ed esistere nelle Russie Sovietiche. La chiave di interpretazione è quella urticante dell' umorismo ebraico, ma la lettura ebraica ha anche un senso tragico. Nel libro l'autore racconta l'utopia del comunismo attingendo a un repertorio di storielle, aneddoti, barzellette e pubblicazioni censurate che hanno costituito un balsamo alle ferite causate dai guasti spesso macroscopici del sistema sovietico. Il racconto di Ovadia, dall'omonimo spettacolo teatrale, apre il sipario su un mondo spesso osservato attraverso le lenti deformate della propaganda.

Franz Schubert
0 0 0
Multimedia (kit)

Du_Bouchet, Paule

Franz Schubert / illustrazioni di Charlotte Voake ; testo di Paule du Bouchet ; traduzione italiana di Stefano Viviani ; voce di Marco Golinelli

Milano : Curci, [2008]

Abstract: Sai che a sette anni Schubert conosceva la musica tanto quanto il suo professore di musica?E che insieme a suo padre e ai suoi due fratelli formava un quartetto d'archi? E tu? Hai mai provato a scrivere o disegnare i suoni che senti nella tua mente? Sai cantare con l'accompagnamento? Ascoltandoquesto disco, forse anche tu potrai diventare un grande musicista!

Le ciminiere non fanno più fumo
0 0 0
Multimedia (kit)

Le ciminiere non fanno più fumo : canti e memorie degli operai torinesi / Emilio Jona ... [et al.]

Roma : Donzelli, 2008

Abstract: Dopo l'incursione nel mondo sonoro contadino compiuta nel volume Senti le rane che cantano. Canti e vissuti popolari della risaia, gli autori volgono lo sguardo all'universo dei canti urbani, in particolare di Torino, città che rappresenta un vero e proprio laboratorio politico e culturale, nonché un microcosmo particolarmente significativo della storia della cultura e dell'industria in Italia tra l'ultimo decennio dell'Ottocento e il primo quarto del Novecento. Il libro entra in quel mondo, analizzandone contenuti, singolarità, versanti e linguaggi, in un'ottica musicale, antropologica e sociologica. Attraverso sessanta testimoni e oltre trecento canti, gli autori documentano l'oralità di quegli anni, grazie anche a una ricchissima iconografia fatta di manoscritti, canzonieri, spartiti e partiture, opuscoli, giornali e stampe. L'intento è documentare la nascita di un canto popolare che attraversa i quartieri e i circoli proletari, un canto essenzialmente parodico, che intreccia l'ideologia anarchica e socialista e la rappresentazione degli spazi fisici e mentali operai, che è dominato dalla contaminazione e dalla mimesi dei generi più disparati dell'espressività colta e di consumo del tempo, e che trova nella creazione di una sorta di cantata operaia la sua manifestazione più originale e specifica. Un affresco del mondo operaio delle origini, che porta con sé un nucleo vitale di valori in cui è possibile riconoscersi e di cui ci si può ancora nutrire.

Claude Debussy
0 0 0
Multimedia (kit)

Babin, Pierre

Claude Debussy / illustrazioni di Charlotte Voake ; testo di Pierre Babin ; traduzione italiana di Stefano Viviani ; voce di Marco Golinelli

Milano : Curci, [2008!

Abstract: Sai che da bambino, Claude Debussy voleva fare il marinaio? E che la scuola non gli piacevaper niente ed è sempre stato un allievo insolente, anche al Conservatorio? E tu? Hai mai fattodelle scoperte musicali originali, come fare cantare i bicchieri, o sentire il rumore del mare dentro una tazza da thè? Ascoltando questo disco, forse anche tu potrai diventare un grande musicista!