Entra in MediaLibraryOnLine (MLOL)

Accedi gratuitamente a e-book, quotidiani, riviste, musica e a molte altre risorse consultabili on line, scaricabili liberamente o in prestito elettronico. 

  • Username e password per l'accesso sono le medesime rilasciate con la tessera delle Biblioteche civiche torinesi.  
  • Il prestito degli e-book scaricabili è limitato a 2 (due) al mese solare per utente e ha una durata di 14 giorni.

Leggi la guida all'uso.


Cerca un e-book scaricabile da MLOL o sfoglia la lista delle novità

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Narrativa e argomenti correlati

Trovati 9203 documenti.

Mostra parametri
I bambini di Moshe. Gli orfani della Shoah e la nascita di Israele
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Luzzatto, Sergio

I bambini di Moshe. Gli orfani della Shoah e la nascita di Israele

Einaudi, 16/01/2018

Abstract: Sergio Luzzatto racconta qui l'avventura di un numero sorprendente di bambini ebrei, scampati alla Soluzione finale e rifugiati nell'Italia della Liberazione: circa settecento giovanissimi polacchi, ungheresi, russi, romeni, profughi dopo il 1945 tra le montagne di Selvino, nella Bergamasca. E racconta l'avventura di Moshe Zeiri, il formidabile ebreo galiziano che, ponendosi alla guida dei bambini salvati, consentirà loro di rinascere da cittadini del nuovo Israele. Questa è la storia di una redenzione. Tragicamente privati di una famiglia, di una casa, di una lingua, irreparabilmente derubati di ogni loro passato, gli orfani della Shoah vedono dischiudersi, grazie agli emissari sionisti, la prospettiva di un futuro nella Terra promessa: un futuro da costruire tutti insieme, maschi e femmine, come in una grande famiglia riunita in un "kibbutz Selvino". I bambini di Moshe sono orfani della Shoah rinati alla vita nell'Italia della Liberazione. Sono giovanissimi ebrei d'Europa centrale e orientale sfuggiti allo sterminio nazista, che nel 1945 hanno incontrato un uomo come Moshe Zeiri: il militante sionista che fondò e diresse a Selvino, nella Bergamasca, l'orfanotrofio piú importante dell'Europa postbellica. Falegname per formazione, teatrante per vocazione, Moshe faceva parte di un piccolo gruppo di ebrei a loro volta originari dell'Europa centro-orientale. Giovani immigrati in Palestina negli anni Trenta, che fra il 1944 e il 1945 hanno risalito l'Italia come soldati volontari nel Genio britannico, per cercare di salvare il salvabile. Se non il loro "mondo di ieri", la civiltà yiddish irrimediabilmente distrutta, almeno gli ultimi resti del popolo sterminato. Dopo il drammatico suo incontro con i bambini sopravvissuti, Moshe Zeiri li organizza a Selvino in una specie di repubblica degli orfani, e attraverso l'educazione sionistica li prepara a una seconda vita. Non piú la vita rassegnata delle vittime, "laggiú", nelle terre di sangue della Soluzione finale, ma la vita libera e forte dei coloni di Eretz Israel, nella Terra promessa. D'altra parte, la storia dei bambini di Moshe è anche la storia di un'illusione. Perché dopo la guerra d'indipendenza del 1948, l'utopia del "kibbutz Selvino" avrebbe finito per scontrarsi, nello Stato di Israele, con la realtà di nuovi (e brutali) rapporti di forza.

La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Galimberti, Umberto

La parola ai giovani. Dialogo con la generazione del nichilismo attivo

Feltrinelli Editore, 11/01/2018

Abstract: Nel 2007 Umberto Galimberti ha pubblicato un libro, "L'ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani", in cui descriveva il disagio giovanile da imputare, a suo parere, non tanto alle crisi psicologiche a sfondo esistenziale che caratterizzano l'adolescenza e la giovinezza, quanto a una crisi da lui definita "culturale", perché il futuro che la cultura di allora prospettava ai giovani non era una promessa, ma qualcosa di imprevedibile, incapace di retroagire come motivazione a sostegno del proprio impegno nella vita.A distanza di anni cos'è cambiato di quell'atmosfera che Galimberti aveva definito "nichilista"? Non granché, fatta eccezione per una percentuale forse non piccola di giovani che sono passati dal nichilismo passivo della rassegnazione al nichilismo attivo di chi non misconosce e non rimuove l'atmosfera pesante del nichilismo senza scopo e senza perché, ma non si rassegna. E dopo un confronto serrato con la realtà, si promuove in tutte le direzioni, nel tentativo molto determinato di non spegnere i propri sogni."La parola ai giovani" raccoglie la voce di questi giovani che hanno un gran bisogno di essere ascoltati, per poter dire quelle cose che tacciono ai genitori e agli insegnanti perché temono di conoscere già le risposte, che avvertono lontane dalle loro inquietudini, dalle loro ansie e dai loro problemi. E allora si affidano a un ascoltatore lontano, che prende a dialogare con loro, non per risolvere i loro problemi, ma per offrire un altro punto di vista che li faccia apparire meno drammatici e insolubili.

Un atomo di verità. Aldo Moro e la fine della politica in Italia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Damilano, Marco

Un atomo di verità. Aldo Moro e la fine della politica in Italia

Feltrinelli Editore, 08/03/2018

Abstract: "Via Fani è stato il luogo del nostro destino. La Dallas italiana, le nostre Twin Towers. Nel 1978, l'anno di mezzo tra il '68 e l'89. Tra il bianco e nero e il colore. Lo spartiacque tra diverse generazioni che cresceranno tra il prima e il dopo: il tutto della politica – gli ideali e il sangue – e il suo nulla."Il sequestro di Aldo Moro ha segnato la fine della Repubblica dei partiti. Marco Damilano torna su quell'istante, le nove del mattino del 16 marzo 1978, in cui il presidente della Dc fu rapito e gli uomini della sua scorta massacrati. Fu l'inizio di un dramma nazionale e di una lunga rimozione.Un viaggio nella memoria personale e collettiva, nei luoghi, nelle correlazioni con altri protagonisti di quegli anni come Sciascia e Pasolini. Le carte personali di Moro rimaste finora inedite, le foto, i ritagli, gli scambi epistolari con politici, intellettuali, giornalisti, persone comuni. La ricostruzione della sua strategia e della sua umanità, strappata all'immagine di prigioniero delle Brigate rosse e restituita al ruolo politico di chi aveva capito meglio di tutti l'Italia, "il paese dalla passionalità intensa e dalle strutture fragili", e la debolezza del potere.Dopo l'assassinio di Moro, il 9 maggio, al termine di 55 giorni di tragedia, sono arrivate la morte di Berlinguer, la dissoluzione della Dc, Tangentopoli e la latitanza di Craxi in Tunisia. Fino all'ultima stagione, con la politica che da orizzonte di senso per milioni di italiani si è fatta narcisismo e nichilismo, cedendo alla paura e alla rabbia. Per questo la voce di Moro parla ancora, come aveva previsto lui stesso: "Io ci sarò come un punto irriducibile di contestazione e alternativa".

I sette peccati capitali dell'economia italiana
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Cottarelli, Carlo

I sette peccati capitali dell'economia italiana

Feltrinelli Editore, 08/02/2018

Abstract: Perché l'economia italiana non riesce a ripartire? Secondo Carlo Cottarelli, la precarietà che ostacola la nostra ripresa economica non è legata a un destino che siamo costretti a subire. Deriva soprattutto da sette gravissimi errori che il sistema dell'economia italiana continua a commettere. Sono i peccati capitali dell'economia italiana: l'evasione fiscale, la corruzione, la troppa burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, l'incapacità di stare nell'euro, il divario tra Nord e Sud.Fino a oggi, l'evasione è sempre stata sottovalutata. Cottarelli dimostra che la lotta contro questa piaga troppo diffusa richiede una riforma strutturale, perché il fenomeno è molto più esteso di quanto siamo abituati a pensare. Un provvedimento capace di invertire la rotta, cominciando a recuperare una cifra che si avvicina ai 150 miliardi, aiuterebbe il paese a uscire da questa stagione di incertezza. Questa dispersione di capitale si combina con la macchina ipertrofica della burocrazia e con una giustizia troppo lenta, che scoraggiano gli investitori stranieri e ostacolano la creazione di nuovi posti di lavoro. Correggere questi errori è possibile.Dopo un'esperienza decennale da dirigente del Fondo monetario internazionale, Cottarelli torna in Italia per spiegare senza tecnicismi quali sono le strategie e le soluzioni che dobbiamo costruire per garantire un futuro alla nostra economia.

Le armi nascoste della manipolazione. Come smascherarle, disinnescarle e farne buon uso
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Carré, Christophe - Berera, Fabrizia

Le armi nascoste della manipolazione. Come smascherarle, disinnescarle e farne buon uso

Feltrinelli Editore, 17/01/2018

Abstract: Perché siamo facilmente influenzabili? Perché finiamo con dire di sì? Quali sono le strategie più ingannevoli? Chi sono i manipolatori più pericolosi? Come evitare di cadere nella loro rete? E se noi stessi, senza nemmeno accorgercene, lo fossimo? Per interesse, perversione o errore, ma spesso semplicemente a fin di bene, la manipolazione è ovunque. Perché tutti, in fondo, manipolano tutti! A volte, non solo non ci rendiamo conto di essere manovrati, ma non siamo neppure consapevoli che noi stessi adottiamo strategie per influenzare ed esercitare un controllo sugli altri, per persuaderli in modo più o meno trasparente a pensare o fare ciò che vogliamo, magari senza cattive intenzioni o senza essere machiavellici. Perdiamo di vista che, nel gioco delle parti, carnefici, vittime e salvatori si alimentano e sostengono a vicenda.Lo spiega bene Christophe Carré, uno dei maggiori esperti su questi temi, il quale, senza demonizzazioni e con grande perspicacia, esplora in questo libro le dinamiche e le modalità manipolatorie che ciascuno di noi – chi più, chi meno – sperimenta nel lavoro, nei rapporti di amicizia, in amore e nella relazione con i figli. Lo fa integrando molteplici contributi delle scienze umane e della psicologia sociale, grazie ai quali suggerisce come riconoscere e scardinare il gioco della manipolazione, usarne con intelligenza gli strumenti, e imparare a comunicare e agire senza barare.

Il trucco c'è e si vede. Inganni e bugie sui cosmetici. E i consigli per difendersi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Mautino, Beatrice

Il trucco c'è e si vede. Inganni e bugie sui cosmetici. E i consigli per difendersi

Chiarelettere, 18/01/2018

Abstract: "Ho letto il libro e mi è piaciuto molto. Beatrice Mautino smonta magistralmente le bufale sui cosmetici."Dario BressaniniSiamo sommersi da ogni tipo di informazione sui cosmetici. La televisione ci bombarda di pubblicità, le riviste reclamizzano le ultime novità in fatto di mascara e di miracolosi shampoo riparatori e, in particolar modo su internet, ci imbattiamo di continuo in articoli che ci mettono in allarme su prodotti e ingredienti che ci possono causare disturbi e malattie. Siamo frastornati. Di quello che ci spalmiamo addosso sappiamo solo ciò che il marketing vuole farci sapere, ovvero poco e, soprattutto, non sempre qualcosa che sia in grado di aiutarci a scegliere in maniera consapevole. La triste realtà è che un'informazione attendibile e critica sui cosmetici nel nostro paese praticamente non esiste. Beatrice Mautino, biotecnologa e divulgatrice scientifica, ha provato a ovviare a questa grave lacuna mettendosi dalla parte di chi entra in un negozio e vuole acquistare prodotti efficaci e non dannosi per migliorare il proprio aspetto e il proprio benessere, senza essere ingannato dalla pubblicità. Così fra le pagine di questo libro troverete molte risposte alle tante domande che ci facciamo ogni giorno sui prodotti contro le rughe e la cellulite, sulle creme solari, gli shampoo, le cerette e tanto altro. Non troverete pubblicità, ma solo i trucchi, quelli veri, per difendersi da truffe e false promesse.  In Appendice: Leggende e miti da sfatare

La matematica dell'infinito. Un viaggio ai confini del pensiero matematico
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Cheng, Eugenia

La matematica dell'infinito. Un viaggio ai confini del pensiero matematico

Ponte alle Grazie, 25/01/2018

Abstract: "Il tono da salotto di Eugenia Cheng rende tutto semplice. Ha un talento per le analogie pop: ci illumina sulle proprietà dell'infinito parlando di Lego, iPod, snorkeling, torte e Winnie The Pooh. Rende un gran servizio mostrando a noi asinelli non matematici come funziona la creatività matematica"The Wall Street JournalChe cos'è l'infinito? Esiste un infinito più grande di un altro? E che cosa succede se lo si somma a se stesso? Raddoppia come accade a un qualsiasi numero? L'idea di infinito appare tanto semplice quanto inafferrabile. Persino un bambino riesce a coglierne l'essenza, e basta un percorso circolare per aprire la possibilità di un viaggio che non avrà mai fine. Eppure in matematica, nel mondo della logica e dell'astrazione, definire e addomesticare l'infinito è stato un processo lungo e laborioso. In questo suo nuovo libro Eugenia Cheng ci conduce per mano a esplorare i misteri dell'infinito. Lo fa con la solita passione contagiosa, ricorrendo a una prosa ricca di immagini e analogie illuminanti che rendono la lettura coinvolgente e facilitano la comprensione. Così, inseguendo l'infinito, ci ritroviamo senza quasi accorgercene a penetrare in alcuni dei concetti più profondi della matematica, come l'assioma della scelta, le basi del calcolo infinitesimale, o le definizioni di funzione, numerabilità e continuità. Al centro della Matematica dell'infinito c'è la metafora del viaggio, un viaggio di conoscenza che non si esaurisce mai, perché ogni progresso allarga i confini dell'ignoto. Ma il viaggio in cui Eugenia Cheng ci guida è soprattutto un viaggio dentro la matematica, fino alla sua essenza più intima, un viaggio che ci mostra la sconfinata potenza del pensiero matematico astratto. E della creatività della mente umana.

Still think robots can't do your job? Essays on automation and technological unemployment
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Campa, Riccardo

Still think robots can't do your job? Essays on automation and technological unemployment

D Editore, 01/01/2018

Abstract: Is Artificial Intelligence qualitatively different from other means of economizing the use of labor? Are we on the edge of a jobless society? If yes, are we ready for it? These are a few of the questions discussed in this collection of academic works. This book traces a brief history of the concept of technological unemployment; proposes a short-term scenario analysis concerning the relations between automation, education, and unemployment; analyzes the most recent literature on social robotics; examines the possible futures generated by the development of intelligent machines; shows the relation between automation and unemployment in an Italian case study; considers the impact if machines become effective pursuers of knowledge or even conscious; and addresses the role of serendipity in the development of science and technology.

Childcare goldmine. Develop babysitting into a successful business
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

Childcare goldmine. Develop babysitting into a successful business

Passerino, 01/01/2018

Abstract: With most parents today opting to go back to work full time there is a need to find reliable and reputable childcare help. There are many establishments that offer such services but a discerning parent would wisely research the centre before actually making a commitment to send his or her child there. Places that offer childcare help which encompasses the essence of safely, health, promotions of physical, emotional and cognitive skill should be seriously considered as a requirement and a necessity and not just an advantage. Get all the info you need here.

Amore cosmico. Oltre la realtà ordinaria. Viaggio iniziatico alla scoperta del sé
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Montagna, Stefania

Amore cosmico. Oltre la realtà ordinaria. Viaggio iniziatico alla scoperta del sé

Edizioni Cerchio della Luna, 02/01/2018

Abstract: Attraverso il sognare, i viaggi sciamanici e il contatto con le nostre guide, riusciamo a espandere la nostra coscienza nella multidimensionalità, aldilà del tempo e dello spazio, tutto è qui, ora. Abbiamo la possibilità di fare esperienze di vita sempre più illuminate, veri salti quantici,          cambiando il nostro livello di vibrazione.L'apertura del cuore attraverso l'amore è la chiave per innescare il      processo di "pulizia delle memorie" che ci libera da tutti quei fardelli che portiamo con noi di vita in vita. Solo attraverso questo "alleggerimento" possiamo ascendere per poi manifestare al meglio qui tutta la nostra saggezza, maestria ed energia Creatrice secondo il Piano Divino....avevo inavvertitamente appoggiato la testa sopra un grosso cactus senza sentire i  suoi aghi, avrei potuto anche stare sopra un letto di chiodi, sarebbe stato uguale, ci  stavamo baciando in un altro luogo e spazio...La realtà multidimensionale è qui, ora, per raggiungerla, si apre la porta del cuore. 

UFO dossier Sicilia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Zagaria, Oriana

UFO dossier Sicilia

Edizioni Cerchio della Luna, 02/01/2018

Abstract: Come mai la Sicilia è interessata da un gran numero di avvistamenti UFO?  Perché la zona dell'Etna sembra esercitare particolare attrazione per i dischi volanti? Esistono davvero    forme di intelligenza aliene che hanno scelto l'isola come corsia preferenziale per le loro scorribande nei cieli? Cosa c'è di vero negli incontri ravvicinati di cui parlano           numerosi ufologi siciliani?A questi e ad altri enigmi, come i casi di autocombustione      spontanea che si sono verificati nel Messinese, prova a dare      risposta  l'autrice, che si è accostata a questa casistica con un   approccio rigoroso e non pregiudiziale: attraverso aneddoti,      interviste, testimonianze, ricostruzioni e perizie sul materiale     fotografico raccolto nel corso della sua indagine, ha cercato di far luce sui presunti contatti con gli extraterrestri avvenuti negli anni in Sicilia.Un'antologia, per la ricchezza degli episodi contenuti e per l'obiettività, indispensabile per gli appassionati del settore.Oriana Zagaria, nata in Puglia nel 1984, è una grande appassionata di misteri ed una assidua indagatrice              dell'occulto: ha collaborato con le riviste "Italia Misteriosa" e "X Times", ha fatto parte dell'EPAS (European Paranormal Association Society) ed è stata cofondatrice del CRUP (Centro Ricerche Ufologiche e Paranormale). Il presente volume, edito da "Il Cerchio della Luna",  costituisce la sua prima opera letteraria.

Household safety monitor. Safeguarding your home for your child
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

Household safety monitor. Safeguarding your home for your child

Passerino, 02/01/2018

Abstract: It is often necessary to make changes around the living spaces at home and around the home when there is a new addition to the family in for form of a child. These changes would become necessary mainly from a safety angle as the presence of a child in the equation would require some serious considerations in this particular area. Get all the info you need here.

La maestra e la camorrista. Perché in Italia resti quel che nasci
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Fubini, Federico

La maestra e la camorrista. Perché in Italia resti quel che nasci

Mondadori, 30/01/2018

Abstract: Tre forze silenziose dominano oggi la società italiana: la ricchezza patrimoniale di milioni di famiglie, la povertà demografica di un Paese nel quale le nascite di nuovi bambini sono sempre più rare (mentre i giovani emigrano) e la fragilità culturale evidente in una proporzione di laureati e diplomati fra le più basse dell'Occidente. Il modo in cui queste forze si combineranno fra loro è destinato a decidere del nostro futuro.L'Italia di oggi è un Paese pietrificato, dove la mobilità sociale è bloccata e i discendenti di chi in passato ha costruito grandi fortune sono ancora al vertice, mentre i pronipoti delle classi popolari di un tempo sono sempre fermi sui gradini più bassi. È quanto emerge da uno studio di due ricercatori della Banca d'Italia che, confrontando la Firenze attuale con quella quattrocentesca dei Medici, hanno fatto la clamorosa e desolante scoperta che le famiglie più ricche e quelle più povere sono rimaste le stesse di sei secoli e venti generazioni fa.Per capire come mai un Paese a democrazia matura e welfare avanzato come il nostro presenti una tale rigidità sociale, Federico Fubini ha condotto una serie di test, soprattutto su bambini e ragazzi in età scolare, per verificare quali sono i maggiori ostacoli che impediscono ai più svantaggiati di cambiare la propria condizione d'origine. Per esempio, quanta fiducia in se stessi, nella loro intelligenza, nel futuro e nel prossimo hanno gli allievi di un prestigioso liceo classico milanese e di un collegio universitario esclusivo del Nord, e quelli di un istituto professionale di Mondragone (Caserta), uno di quell'1,5% di comuni italiani in cui si guadagna di meno e dove si registra un alto tasso di criminalità? O, nel quartiere più giovane di Napoli, infestato dalla camorra, fra bambini appartenenti a famiglie che vivono nella legalità, e figli di genitori che vivono fuori o ai margini della legalità?La risposta è sempre impietosamente la stessa e conferma l'influenza decisiva dell'ambiente nel tracciare, fin dalla più tenera età, il successivo percorso di vita: "Già a cinque anni l'attitudine a fidarsi, investire, interagire nel proprio interesse, era molto diversa in base al luogo di nascita".A partire da questa consapevolezza, però, Fubini mostra che esistono non solo problemi radicati nella storia, ma anche soluzioni pratiche. Se l'Italia stenta a riprendersi dalla crisi economica, afflitta com'è da un debito pubblico che lievita in modo inversamente proporzionale alla crescita, dal drammatico calo delle nascite, dai patrimoni dinastici e da "una povertà educativa sorprendente per una nazione con la nostra storia", l'immobilismo sociale è un'ulteriore, inaccettabile complicazione che penalizza e paralizza le nuove generazioni. Per risolverla, è necessario che la scuola porti il suo aiuto molto presto e con più efficacia, sapendo che un asilo d'infanzia "rende più di un bond". Perché è solo nei primi anni di vita che si può cambiare una mentalità e, quindi, un destino.

Il giornalino di Gian Burrasca
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Vampa

Il giornalino di Gian Burrasca

Passerino, 04/01/2018

Abstract: Il giornalino di Gian Burrasca è un romanzo scritto da Vamba nel 1907 e pubblicato prima a puntate sul Giornalino della Domenica tra il 1907 e il 1908, e poi in volume nel 1912.Luigi Bertelli (Firenze, 19 marzo 1858 – Firenze, 27 novembre 1920) è stato uno scrittore e giornalista italiano, 

200 numeri raccontando tutto un altro Pianeta
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Aa. Vv.

200 numeri raccontando tutto un altro Pianeta

Altreconomia, 01/01/2018

Abstract: In questo numero: - Tutto un altro Pianeta: Altreconomia arriva al numero 200 e si chiede come è cambiato il mondo dal nostro primo numero- Isole Cayman, il corsaro off shore che cambia pelle e sfida l'Europa- Ecco lo stato di salute dell'ambientalismo italiano- La formazione dei lavoratori è una virtù. Ma solo sulla carta- Sicilia fossile: spuntano le trivelle tra gli agrumeti della Valle del Simeto- Tra gli orfani Rohingya in fuga dal Myanmar. Un disastro umanitario- Repubblica Dominicana, clima di apartheid per chi ha origini haitiane- La nuova vita dei tessuti. Quando gli artigiani rigenerano la manifattura- Origine del grano in etichetta, una novità che fa discutere- "Mobile money": così i pagamenti con i cellulari si diffondono in Africa- La felicità è una pratica di verità: dodici storie strabiche e bellissime- I creativi che illuminano le città con cinema, musica e teatro- Witness Journal. La fotografia prende posizione- Sergio Astori. Resilienza, cadere per poi rialzarsi.

59 curiosità sull'antico Egitto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

59 curiosità sull'antico Egitto

Passerino, 05/01/2018

Abstract: Un popolo straordinario, precursore in tanti campi, che creò il più antico Stato al mondo circa 4000 anni fa. I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

39 curiosità su Kim Jong-Un
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

39 curiosità su Kim Jong-Un

Passerino, 05/01/2018

Abstract: Kim Jong-Un, 33 anni, dittatore della Corea del Nord, è il più giovane capo di Stato al mondo, e sicuramente uno dei più eccentrici, dispotici e controversi.  I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

59 curiosità sui cani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

59 curiosità sui cani

Passerino, 08/01/2018

Abstract: 59 curiosità sul più splendido animale domestico che l'uomo abbia mai avuto. I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

Rerum novarum. Ediz. italiana e latina
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Leone XIII

Rerum novarum. Ediz. italiana e latina

Passerino, 08/01/2018

Abstract: Leone XIII (Vincenzo Gioacchino dei conti Pecci, Carpineto Romano 1810 - Roma 1903) è stato il 256º papa della storia della Chiesa Cattolica. Fu eletto al soglio pontificio nel 1878. Il documento più noto del suo pontificato è stato senza ombra dubbio la Rerum novarum, enciclica pubblicata nel 1891 e dedicata al tema scottante del lavoro. Il testo rappresenta il fondamento teorico della dottrina sociale della Chiesa Cattolica e la risposta alla questione operaia di fine Ottocento. Leone XIII esprime in maniera nitida la condanna delle dottrine socialiste del tempo, mettendo  poi pure in luce gli effetti sulla società delle trasformazioni economiche causate dall'affermarsi del capitalismo e del processo di industrializzazione. Chiare sono anche l'esortazione alla costituzione dell'associazionismo sindacale tra gli operai, l'orientamento cristiano dei rapporti tra i datori di lavoro e gli operai, l'affermazione del fondamentale ruolo dello Stato nella soluzione della questione del lavoro.Testo italiano e latino.  

La scienza occulta nelle sue linee generali
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Steiner, Rudolf

La scienza occulta nelle sue linee generali

Passerino, 08/01/2018

Abstract: "La scienza occulta nelle sue linee generali" (1910) è uno dei principali testi di riferimento dell'antroposofia, la disciplina esoterica fondata da Rudolf Steiner.  Rudolf Joseph Lorenz Steiner (Murakirály 1861  –  Dornach, 30 marzo 1925) è stato un esoterista e teosofo austriaco.Traduzione dal tedesco a cura di Emmelina De Renzis e Emma Battaglini.