Entra in MediaLibraryOnLine (MLOL)

Accedi gratuitamente a e-book, quotidiani, riviste, musica e a molte altre risorse consultabili on line, scaricabili liberamente o in prestito elettronico. 

  • Username e password per l'accesso sono le medesime rilasciate con la tessera delle Biblioteche civiche torinesi.  
  • Il prestito degli e-book scaricabili è limitato a 2 (due) al mese solare per utente e ha una durata di 14 giorni.

Leggi la guida all'uso.

CHIUSURA DEL PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO DEGLI E-BOOK
A partire da oggi, 21/12/2016, non e' piu' possibile il prestito degli e-book di altre biblioteche mediante il Prestito Interbibliotecario Digitale (PID).

Cerca un e-book scaricabile da MLOL o sfoglia la lista delle novità

Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2015

Trovati 1774 documenti.

Mostra parametri
Walden ovvero Vita nei boschi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Thoreau, Henry David - Lamberti Luca

Walden ovvero Vita nei boschi

Einaudi, 05/05/2015

Abstract: Come può un libro all'apparenza cosí remoto nel tempo e nello sguardo sul mondo parlare come pochi altri al nostro presente? Walden è il diario di due anni, due mesi e due giorni di vita solitaria trascorsi da Thoreau nella campagna del Massachusetts, in un capanno sulle rive del lago Walden. A queste pagine militanti e risolute, oltre un secolo dopo, si ispireranno i movimenti ecologisti e ambientalisti di mezzo mondo. Ma Walden è, soprattutto, un inno all'isolamento, il resoconto di un ritorno alla natura, per arrivare dritti al cuore smarrito delle cose. "Andai nei boschi perché desideravo vivere in modo autentico, per affrontare soltanto i problemi essenziali della vita, per vedere se avrei imparato quanto essa aveva da insegnare, e per non scoprire, in punto di morte, di non aver vissuto".

Santa degli impossibili
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bignardi, Daria

Santa degli impossibili

Mondadori, 12/05/2015

Abstract: "Ho sempre pensato che a Milano sto bene, che è un posto da combattenti, da apolidi, una legione straniera. Che non saprei dove altro vivere. Ho fatto tutto qui: università, figli, matrimonio, lavoro. Milano mi somiglia. Parla poco, non ha tempo, sembra che non si affezioni a nessuno, ma non è così. Milano è come me, va di fretta e cerca di fare tutto meglio che può, nonostante se stessa." Mila è stata una bambina amata e luminosa, una ragazza solitaria: oggi è la moglie di Paolo e la madre di Maddi e dei gemelli, una donna che ha perso il filo del suo destino. Un giorno cede a un impulso segreto, e si ritrova in ospedale. Qui incontra Annamaria, un'insegnante laica che, come le suore, ha fatto voto di povertà, castità e obbedienza. Tramite lei Mila torna in contatto con una figura straordinaria della sua infanzia, santa Rita, la santa degli impossibili, che ha attraversato i secoli con la forza della sua testimonianza: quella di una donna che – a nome di tutte le donne – riuscì a volare oltre ogni ostacolo grazie alla potenza magica di una passione inestinguibile. Attraverso un racconto asciutto e raccolto, Daria Bignardi dà vita a un personaggio inquieto, pieno di contraddizioni, segnato da un bisogno di trascendenza inespresso eppure capace di cogliere l'amore del mondo che silenziosamente ci può salvare.

Le ali della vita
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Diffenbaugh, Vanessa

Le ali della vita

Garzanti, 04/05/2015

Abstract: Dopo l'enorme successo del Linguaggio segreto dei fiori, bestseller internazionale ancora ai vertici delle classifiche italiane a tre anni dall'uscita, Vanessa Diffenbaugh torna con un romanzo dalla forza dirompente. La storia di una madre e di un figlio, di amore e paure inconfessabili, della forza di un abbraccio contro la solitudine del cuore. Una storia impossibile da dimenticare.È notte e la nebbia è illuminata a tratti dai fari delle macchine che sfrecciano accanto a lei. Letty si asciuga l'ennesima lacrima e preme ancora più forte il piede sull'acceleratore. Deve correre il più lontano possibile, fuggire da tutti i suoi sbagli, è la cosa migliore per tutti. Perché la sua vita è stata difficile, ha inanellato una serie di errori uno dietro l'altro e adesso tutte le sue paure sono tornate a tormentarla, senza lasciarle una via di scampo. Intanto, ormai molte miglia lontano, i suoi due figli, Alex e la piccola Luna, stanno dormendo serenamente. Non sanno che la loro mamma li ha lasciati da soli nel loro letto, schiacciata dal terrore di non essere una buona madre. Convinta che senza di lei Alex e Luna saranno più felici. Quando Alex si sveglia e si accorge che Letty non c'è più, capisce che non deve farsi prendere dal panico. Deve occuparsi della sorellina e seguire le regole. Perché Alex ha quindici anni ed è solo un ragazzino, ma è dovuto crescere in fretta per aiutare sua madre Letty e i suoi occhi troppo spesso tristi.A volte guarda verso il cielo e sogna di volare via, in un posto dove l'azzurro del cielo li possa di nuovo colorare di felicità. La sua passione sono la matematica e lo studio delle rotte migratorie degli uccelli. Da loro ha imparato che non importa quanto voli lontano, c'è sempre un modo per tornare a casa. Alex sa che deve trovare il modo di far tornare anche la sua mamma. Solo lui può farlo, solo lui può curare le sue ali ferite e farle spiccare di nuovo il volo. Perché anche quando l'orientamento è perso, l'amore può farci ritrovare la rotta verso il nostro cuore.

La bussola dell'antropologo. Orientarsi in un mare di culture
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Favole, Adriano

La bussola dell'antropologo. Orientarsi in un mare di culture

Laterza, 07/05/2015

Abstract: Conoscere le culture che ci circondano e sono parte delle nostre vite e dei nostri stessi corpi. Culture che si intrecciano nel mondo globalizzato e iperconnesso di oggi. Questo consente l'antropologia: difenderci dai razzismi e dai tribalismi che attraversano le società contemporanee e, soprattutto, cogliere le proposte innovative che ci offrono altri punti di vista per camminare, creativamente, verso il futuro.

Torino è casa nostra
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Culicchia, Giuseppe

Torino è casa nostra

Laterza, 07/05/2015

Abstract: La nuova guida d'autore alla città più sorprendente d'Italia Torino è una città diversa a seconda di chi la vive e la osserva, di modo che oltre alla mia c'è anche la vostra. O meglio: ci sono le nostre. Siamo poco meno di un milione da queste parti, perciò ci sono poco meno di un milione di città differenti. "Torino, nel corso degli ultimi anni, ha davvero cambiato pelle e ha cominciato a scrollarsi di dosso gli stereotipi che un tempo saltavano fuori solo a nominarla: la'grigia città industriale', il 'laboratorio', la 'culla dell'Azionismo' capace di coniugare la 'cultura operaia' con il 'catalogo Einaudi'. Più di ogni altra città italiana, Torino ha saputo rinnovarsi facendo un triplo salto mortale carpiato, e tra un'Olimpiade e una cementificaz… pardon, una riqualificazione urbana, si è magicamente trasformata nella 'Città della Movida'. E allora Torino è casa miache ho scritto qualche anno fa aveva bisogno di qualcosa di più di una rinfrescata. Così mi sono detto: vale la pena riscriverlo daccapo." Ritratto di un luogo fuori del comune, Torino è casa nostra racconta, tra momenti di comicità e spunti di riflessione, una città viva e piena di sorprese. Perché Torino è Torino, non è una città come un'altra.

Nemmeno in paradiso
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Philpot, Chelsey

Nemmeno in paradiso

De Agostini, 05/05/2015

Abstract: Charlotte Ryder sa già tutto sul conto di Julia Buchanan prima ancora di conoscerla. Prima ancora di doverla ospitare una notte in camera sua, nel dormitorio del St. Anne College. I Buchanan sono il tipo di famiglia che non passa inosservata. Persino la preside Mulcaster è solita interrompere a metà un discorso per guardarli scendere, uno dopo l'altro, dalla loro lussuosa macchina nera. Per i Buchanan frequentare il St. Anne è come vivere in un acquario: tutti sanno tutto di loro. O almeno così crede Charlotte. Ma quello che non si aspetta, arrivando al St. Anne dal lontano New Hampshire, è di poter diventare la migliore amica di Julia Buchanan. Di essere inghiottita nel suo mondo abbagliante, fatto di feste ininterrotte, fiumi di champagne, appuntamenti notturni e incontri segreti. Un mondo in cui all'improvviso anche l'amore sembra a portata di mano. Perché quando Charlotte conosce Sebastian, il fratello di Julia, crede di avere finalmente tutto ciò che ha sempre desiderato. Presto però l'idillio si spezza. E davanti agli occhi di Charlotte si spalanca una tragedia. Un terribile segreto annidato dietro lo sfarzo che illumina le esistenze dei magnifici Buchanan… "Un romanzo imperdibile, a metà tra Gossip Girl e il Grande Gatsby" Teen Vogue

L'incanto delle piccole cose
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Palmosi, Ilaria

L'incanto delle piccole cose

Bookme, 05/05/2015

Abstract: Doralice Incanto è una giovane laureata in filosofia. Ha lo sguardo tagliente, il cuore pieno di spifferi e in testa un groviglio indomabile di ricci e di pensieri. Mentre studia per il dottorato e per diventare insegnante, si mantiene collezionando lavoretti da poco. E intanto aspetta senza sperarci che l'uomo dei sogni bussi alla porta. Tra cani da portare a spasso, Aforismi da rimuginare e le solite rogne con il padrone di casa, le giornate volano via e l'umore oscilla tra temporali e schiarite. Fino a quando nella sua vita si apre un varco, uno spiraglio fortuito nel quale si intrufolano due persone speciali: Beo, un bimbo di cinque anni che vive solo con il papà, e Gilda, un'anziana scrittrice stravagante e burbera che da due decenni si rifiuta di uscire di casa. Come per una magica alchimia, l'incontro tra Lice, Gilda e Beo scioglie il ghiaccio delle rispettive paure, segreti e dolori vengono a galla, e tutto quello che sembrava impossibile diventa a poco a poco realtà. E mentre un amore difficile sgretola apparenti equilibri, anche i rimpianti di Gilda, vasti e antichi come montagne, cedono il posto a una nuova occasione di felicità. Con una penna ironica e leggera, Ilaria Palmosi celebra la poesia delle piccole cose e degli incontri che possono cambiare una vita. Regalandoci tre personaggi capaci di lasciare il segno nella memoria e nel cuore.

Autobiografia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

di Loyola, Ignazio

Autobiografia

UTET, 14/09/2015

Abstract: UTETextra: una nuova collana che attinge allo straordinario patrimonio dei Classici UTET per consegnare al lettore testi suggestivi e inattesi, percorsi inusuali tra antico e moderno, curiosità e perle della letteratura di ogni tempo. Libri brevi, insoliti, preziosi. Selezionati con l'idea che, a volte, leggere poco sia il modo migliore per leggere bene. Per perdersi meglio, tra pagine e trame. Per leggere ancora. Nell'estate del 1553 Ignazio di Loyola, cedendo alle ripetute richieste dei suoi confratelli più intimi, si decise a confidare quei fatti della sua vita straordinaria dei quali riteneva che fosse utile conservare la memoria. A redigere il memoriale fu Luis Gonçalves da Câmara, che riportò quei racconti in maniera così fedele che a volte, dietro il velo della scrittura, ai lettori sembrerà di ascoltare la viva voce di Ignazio. Così nacque questa Autobiografia, conosciuta da molti anche come Il racconto del Pellegrino, gelosamente custodita in un archivio per oltre un secolo e mezzo. Come quelle di tutti i grandi maestri spirituali dell'umanità, anche la vita di Ignazio è divisa nettamente tra un prima e un dopo: fu una grave ferita alla gamba, rimediata nel 1521 durante l'assedio francese di Pamplona, a cambiare il corso dell'esistenza di Ignazio, giovane aristocratico affamato di avventure e gloria militare. Lunga e dolorosa fu la convalescenza. Rialzatosi da quel letto di sofferenza, il soldato coraggioso si era trasformato nel "Pellegrino", nell'autore dei celebri Esercizi spirituali, disposto a vivere di elemosina percorrendo a piedi intere regioni, tra mille avventure, tribolazioni ma anche mistiche visioni. Tra Parigi e Venezia, tra Roma e Gerusalemme, Ignazio incontra sul suo cammino guerre e pestilenze, umiliazioni e incertezze, pericoli e illuminazioni spirituali improvvise, attirandosi anche – per il suo stile di vita radicale – i sospetti dell'Inquisizione. Rievocando la sua inimitabile gioventù, Ignazio non intende erigere un monumento a se stesso, ma ricordare ai suoi confratelli e a tutti come sia difficile il cammino che conduce un singolo essere umano ad appropriarsi del proprio destino. Consegnando al contempo a queste pagine un originalissimo romanzo di formazione.

Vite di santi musulmani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Sha'rani

Vite di santi musulmani

UTET, 14/09/2015

Abstract: UTETextra: una nuova collana che attinge allo straordinario patrimonio dei Classici UTET per consegnare al lettore testi suggestivi e inattesi, percorsi inusuali tra antico e moderno, curiosità e perle della letteratura di ogni tempo. Libri brevi, insoliti, preziosi. Selezionati con l'idea che, a volte, leggere poco sia il modo migliore per leggere bene. Per perdersi meglio, tra pagine e trame. Per leggere ancora. Nel mondo islamico la nozione di "santità" è molto diversa da quella della tradizione cristiana. Santo nell'Islam è colui che, senza nessun intervento da parte dell'autorità di una Chiesa, viene riconosciuto e venerato dai suoi confratelli e dai fedeli che ne ammirano le virtù morali, la carità, i detti memorabili. Santo è il "wali", che nel Corano significa "amico", "protetto" di Dio, uomo libero dal timore e dalla tristezza del peccato. "Santi" in questo senso preciso sono tutti i personaggi le cui vite pittoresche, esemplari, straordinarie sono state raccolte nel XVI secolo dal biografo egiziano Sha'rani e vengono ora riproposte in questo libro. Il biografo Sha'rani non era solo un uomo colto e devoto, egli stesso un "wali" ancora venerato al Cairo secoli dopo la sua morte: Sha'rani era un vero maestro nell'arte di raccontare una vita, non limitandosi ad ammassare notizie e testimonianze, bensì muovendosi con attenzione, e grande talento narrativo, tra i poli apparentemente opposti dell'ortodossia e dell'originalità umana – della bizzarria, in certi casi – degli eroi di cui riferiva le virtù e i pensieri. Come quel compagno del Profeta che, pregando, si prosternava talmente a lungo "che i passerotti si posavano sulla sua schiena, prendendolo per un muro", tanto da guadagnarsi il soprannome di "Colomba della Moschea". O come Umm Harun, la mistica che non si unse per vent'anni i capelli, eppure li aveva "più belli delle altre donne". Questa donna che campava solo di pane e passava tutte le notti in preghiera, incontrando un leone nel deserto, lo invitò a mangiarla, se poteva servirgli da alimento. Ma anche le bestie feroci sentono l'odore della santità, e il leone fece marcia indietro.

La pasta umana. Taccuini 1935-1940
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Saint-Exupéry, Antoine de - Maddamma, Manuela

La pasta umana. Taccuini 1935-1940

UTET, 14/09/2015

Abstract: UTETextra: una nuova collana che attinge allo straordinario patrimonio dei Classici UTET per consegnare al lettore testi suggestivi e inattesi, percorsi inusuali tra antico e moderno, curiosità e perle della letteratura di ogni tempo. Libri brevi, insoliti, preziosi. Selezionati con l'idea che, a volte, leggere poco sia il modo migliore per leggere bene. Per perdersi meglio, tra pagine e trame. Per leggere ancora. Un uomo appassionato e originale, dotato di una mente sempre all'opera, che riconosceva nello scrivere una manifestazione suprema del suo destino: questo è il ritratto di Antoine de Saint-Exupéry che emerge dai suoi Carnets, i taccuini sui quali annotava i propri pensieri in qualsiasi situazione – non escluse le ore di volo – ora riproposti da Utet in questa raccolta che seleziona gli appunti più belli. Quando i taccuini furono pubblicati per la prima volta in Francia, nel 1953, i lettori si resero conto che non si trattava semplicemente di abbozzi stesi in vista delle opere portate a termine e pubblicate. Saint-Exupéry scriveva costantemente perché il suo pensiero era costantemente al lavoro, sempre pronto a raggiungere una prospettiva inedita, un'intuizione fulminea ma capace di ribaltare le più consolidate abitudini mentali. Dagli usi e costumi sociali all'economia capitalista e comunista, dai sentimenti religiosi ai più intimi movimenti della psiche, nulla gli era estraneo, su tutto sentiva di avere una sua opinione. Ma in qualsiasi appunto, qualunque sia l'argomento particolare, ciò che si sente all'opera è una potente forza centripeta, che porta verso il tema che Saint-Exupéry ha più a cuore: ciò che egli stesso definisce, con una stupenda espressione, la pasta umana, continuamente modellata e deformata dalle necessità materiali così come dalle più alte aspirazioni spirituali. È una materia difficile, la più difficile che esista al mondo: da un lato se ne ricava "troppo poco"; dall'altro può dar luogo a una "perfezione" che è pericolosa quanto la sua scarsità. Ma poco importa, se si ricorda che ogni vita umana custodisce almeno un granello di "civiltà". Tutto ciò che siamo e siamo stati è "una musica che è svanita verso le stelle".

Omicidio in Vaticano
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Garzetti, Rita

Omicidio in Vaticano

Libromania, 05/05/2015

Abstract: La morte violenta di un ecclesiastico è sempre sinonimo di grattacapi rifletteva il Cardinale Ferrero, ancora prima di vedere il corpo del canonico Zucco riverso su stesso, con la gola tagliata e uno squarcio nel ventre. Perché un insegnante di latino, il confessore delle giovani nobildonne romane, è stato barbaramente ucciso? Tra intrighi e segreti della nobiltà e della curia romana di metà Ottocento, il brillante Cardinale, capo della gendarmeria pontificia, dovrà lottare per assicurare alla giustizia il colpevole di un assassinio inspiegabilmente feroce.

La seconda moglie
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Nava, Carlo Aldo

La seconda moglie

Libromania, 05/05/2015

Abstract: Quanto possono assomigliarsi due persone? L'incontro con Giulia Carpitelli è un'esperienza straniante per l'avvocato Gino Scarlatti: la donna è identica a sua moglie Giuliana, se non fosse per quel carattere forte e deciso che subito lo affascina. Sulla strada per il rifugio della Capannella, tra i monti dell'Alta Brianza, anche il giovane Antonio Mochetti si ritrova a fare i conti con un accadimento inquietante: è convinto di aver visto un cadavere, che nessuno riesce a trovare però. Solo il maresciallo Giovanni Esposito non si arrende alle apparenze. È deciso a far chiarezza sul mistero, noncurante dei pregiudizi di un'Italia che negli anni Sessanta è attraversata dal vento del cambiamento, ma ancora fatica a liberarsi da quegli atteggiamenti bigotti che soffocano i sogni e la libertà dei singoli.

Il tradimento di Andersen. Jenny Turner e le dinastie perdute delle fiabe
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Manetti, Michel

Il tradimento di Andersen. Jenny Turner e le dinastie perdute delle fiabe

Libromania, 05/05/2015

Abstract: La missione di Jenny e Dean nel mondo delle fiabe non è terminata. Salvata Cenerentola, i due giovani protagonisti non tardano a rendersi conto di essere letteralmente sulla strada per una nuova fiaba. Perché Charles Perrault li ha trascinati in questo assurdo mondo parallelo? Perché Andersen li vuole ostacolare? Cosa è davvero successo tra i due scrittori? Ma soprattutto, di chi fidarsi? Messi di fronte a ostacoli ogni volta più difficili da superare, sempre più irrimediabilmente attratti l'una dall'altro, Jenny e Dean insieme cercano le risposte. Come per le mogli di Barbablù però, sanno di doversi muovere in fretta perché anche un solo errore può essere fatale.

Dimmi che credi al destino
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bianchini, Luca

Dimmi che credi al destino

Mondadori, 12/05/2015

Abstract: Ornella ama i cieli di Londra, il caffè con la moka e la panchina di un parco meraviglioso dove ogni giorno incontra Mr George, un anziano signore che ascolta le sue disavventure, legate soprattutto a un uomo che lei non vede da troppo tempo, e che non riesce a dimenticare. A cinquantacinque anni, Ornella si considera una campionessa mondiale di cadute, anche se si è sempre saputa rialzare da sola. Per fortuna può contare su Bernard, il suo vicino di casa, che la osserva da lontano e la conosce meglio di quanto lei conosca se stessa. L'ultima batosta, però, è difficile da accettare. La piccola libreria italiana che dirige nel cuore di Hampstead – dove le vere star sono due pesci rossi di nome Russell & Crowe – rischia di chiudere: il proprietario si è preso due mesi per decidere. Lei, che sa lottare, ha imparato anche a lasciarsi aiutare, e così chiama in soccorso la Patti, la sua storica amica milanese – inimitabile compagna di scorribande – che arriva in città con poche idee e tante scarpe, ma sufficiente entusiasmo per trovare qualche soluzione utile a salvare l'Italian Bookshop. La prima è quella di assumere Diego, un ragioniere napoletano bello e simpatico, che fa il barbiere part-time, ha il cuore infranto e le chiama guagliuncelle. Ma proprio quando la libreria ha più bisogno di lei, il destino riporterà Ornella in Italia, a bordo di una Seicento malconcia guidata in modo improbabile dalla Patti. Tra humour inglese e una malinconia tutta italiana, Dimmi che credi al destino è una storia commovente di rinascita e speranza. Ambientato in una Londra dove il cielo cambia sempre colore e l'amore brucia a fuoco lento, Luca Bianchini racconta con il suo stile inconfondibile una storia che non avresti mai pensato di ascoltare, e che assomiglia terribilmente alla vita.

I misteri di Chalk Hill
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Goga, Susanne

I misteri di Chalk Hill

Giunti, 06/05/2015

Abstract: La prima volta che Charlotte si trova davanti alla splendida tenuta di Chalk Hill, sulle verdi colline del Surrey, rimane senza fiato: l'imponente villa, sormontata da una torretta e circondata da alberi secolari, è il luogo più affascinante che abbia mai visto. Qui potrà finalmente iniziare una nuova vita, dopo aver lasciato Berlino a causa di uno scandalo che ha compromesso la sua reputazione di istitutrice. Chiamata a occuparsi della piccola Emily, Charlotte si rende subito conto che una strana atmosfera aleggia sulla casa: la quiete è quasi irreale, il papà di Emily è gelido e altezzoso, la bambina è tormentata ogni notte da terribili incubi e dice di vedere la madre, scomparsa un anno prima in circostanze misteriose. L'affetto per Emily spinge Charlotte a voler capire cosa stia succedendo a Chalk Hill, ma nessuno dei domestici osa rompere il silenzio imposto dal vedovo sulla morte di Lady Ellen. Solo con l'aiuto dell'affascinante giornalista Thomas Ashdown, Charlotte si avvicina alla verità, una verità sconvolgente, sepolta tra quelle antiche mura. Un romanzo pieno di mistero e romanticismo. Una storia che alle atmosfere di Jane Eyre unisce una suspense unica ed elettrizzante.

Nemmeno con un fiore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Silei, Fabrizio

Nemmeno con un fiore

Giunti, 06/05/2015

Abstract: Una famiglia felice, quella di Nicola, undici anni, una grande passione per i fumetti. Una famiglia come tante: la mamma fragile e sbadata, la sorella maggiore che si sente già grande e vorrebbe fare di testa sua e un padre supereroe che li protegge da ogni pericolo. Sì, a Nicola sembra proprio che tutto vada per il meglio. Finché, una notte particolarmente fredda, nelle loro vite entra Sarolta, una barbona malandata proveniente dall'Europa dell'Est. Un'anziana signora che ha un segreto, e che sua madre non vuole abbandonare al suo destino, a dispetto delle regole ferree imposte dal marito. Da quel momento le certezze di Nicola iniziano a sgretolarsi.

Bisa Bia, Bisa Bel. Il segreto di Isabel
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Machado, Ana Maria

Bisa Bia, Bisa Bel. Il segreto di Isabel

Giunti, 06/05/2015

Abstract: Isabel rimane affascinata da una foto della sua bisnonna da ragazza, a cui assomiglia moltissimo. Porta la foto vicino al cuore e, da quel momento, ha la sensazione che la bisnonna partecipi alla sua vita quotidiana… ma non è l'unica! Grazie a un incontro-scontro con bisnonna e bisnipote, che la spronano, consigliano (... e assillano!) dal passato e dal futuro, Isabel troverà la propria strada. Un bellissimo testo che riflette sul tema della ricerca della propria identità, per suggerire che il cammino verso se stessi passa anche dalla conoscenza delle proprie radici insieme alla capacità di proiettarsi nel futuro. Un romanzo che parla di un quotidiano in cui la scuola è un luogo di ricerca e scambio di esperienze e la famiglia un elemento di trasmissione di valori.

Le mani della madre
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Recalcati, Massimo

Le mani della madre

Feltrinelli Editore, 06/05/2015

Abstract: Dopo aver indagato la paternità nell'epoca contemporanea con "Il complesso di Telemaco" e altri libri di grande successo, Massimo Recalcati volge lo sguardo alla madre, andando oltre i luoghi comuni, anche di matrice psicoanalitica, che ne hanno caratterizzato le rappresentazioni più canoniche. Attraverso esempi letterari, cinematografici, biblici e clinici, questo libro racconta i volti diversi della maternità mettendo l'accento sulle sue luci e le sue ombre. Non esiste istinto materno; la madre non è la genitrice del figlio; il padre non è il suo salvatore. La generazione non esclude fantasmi di morte e di appropriazione, cannibalismo e narcisismo; l'amore materno non è senza ambivalenza. L'assenza della madre è importante quanto la sua presenza; il suo desiderio non può mai esaurire quello della donna; la sua cura resiste all'incuria assoluta del nostro tempo; la sua eredità non è quella della Legge, ma quella del sentimento della vita; il suo dono è quello del respiro; il suo volto è il primo volto del mondo. "Ho scritto questo libro perché volevo essere giusto con la madre. Bisognerebbe provare a esserlo." Una nuova interpretazione della maternità di fronte alle difficoltà e ai cambiamenti di oggi.

Girasole
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Cao, Wenxuan

Girasole

Giunti, 06/05/2015

Abstract: Nella Cina della Rivoluzione Culturale, una bambina di città si ritrova orfana in una zona rurale dove era stata esiliata con il padre. Viene deciso che sarà data in affidamento a una delle famiglie del villaggio vicino. Ma per i contadini, anche una sola bocca in più da sfamare può rappresentare un problema. Solo la famiglia di Bronzo, un ragazzino muto, deciderà di accoglierla. È la famiglia più povera del villaggio, ma straordinariamente unita e coraggiosa. Girasole, sette anni, e Bronzo, di pochi anni più grande, affronteranno avversità, sfide e grandi avventure insieme alla loro meravigliosa famiglia. Il capolavoro senza tempo di uno dei più grandi autori contemporanei della Repubblica Popolare Cinese. Un racconto universale sul valore dell'amore e della solidarietà.

La metamorfosi-Lettera al padre
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Kafka, Franz

La metamorfosi-Lettera al padre

Giunti, 06/05/2015

Abstract: Il dorso duro come una corazza, il ventre bruno solcato da nervature arcuate, e una miriade di zampe penosamente sottili che si agitano davanti ai suoi occhi: è così che il commesso viaggiatore Gregor Samsa si risveglia una mattina nel suo letto. Quello che sembra un incubo si rivela ben presto un'atroce realtà: durante la notte si è trasformato in un gigantesco scarafaggio. Mentre la madre e la sorella bussano invano alla porta della sua camera, preoccupate per l'insolito ritardo, Gregor tenta disperatamente di mettersi in piedi. Ma come reagiranno i familiari vedendo le sue nuove, mostruose sembianze? Divenuto uno dei simboli del Novecento, La metamorfosi incarna tutta la tragicità della condizione umana. Altrettanto feroce e memorabile è la Lettera al padre, atto d'accusa di un figlio contro un padre distante e brutale.