Entra in MediaLibraryOnLine (MLOL)

Accedi gratuitamente a e-book, quotidiani, riviste, musica e a molte altre risorse consultabili on line, scaricabili liberamente o in prestito elettronico. 

  • Username e password per l'accesso sono le medesime rilasciate con la tessera delle Biblioteche civiche torinesi.  
  • Il prestito degli e-book scaricabili è limitato a 2 (due) al mese solare per utente e ha una durata di 14 giorni.

Leggi la guida all'uso.


Cerca un e-book scaricabile da MLOL o sfoglia la lista delle novità

Includi: tutti i seguenti filtri
× Data 2015

Trovati 1863 documenti.

Mostra parametri
La censura in psicanalisi. Dalla censura conservativa alla censura innovativa
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Sciacchitano, Antonello

La censura in psicanalisi. Dalla censura conservativa alla censura innovativa

Polimnia Digital Editions, 07/07/2015

Abstract: Posto che un'attività di censura è necessaria per salvaguardare la qualità di ogni produzione scientifico-letteraria, la contrapposizione tra censura conservativa e censura innovativa, proposta in questo libro, discende, rispettivamente, dalla contrapposizione tra due organizzazioni del sapere: la dottrinaria, dogmatica e inconfutabile, e la scientifica, congetturale e falsificabile.La loro differenza teorica ha una contropartita politica. La censura conservativa è tipica dei collettivi di pensiero autoritari, dove vige l'insegnamento ex cathedra, calato dall'alto in modalità verticistica. La censura innovativa è possibile in contesti dove vige un legame epistemico orizzontale; ognuno è supposto sapere qualcosa che l'altro non sa e nello scambio epistemico di reciproca corroborazione, che non esclude la confutazione e la produzione di controesempi, progredisce il sapere comune.Sin dalle origini la psicanalisi ha adottato il modello cattedratico come il più adatto a difendere integrità e autonomia professionali dello psicanalista. È possibile passare a un modello democratico di libero scambio del sapere intorno alle grandi intuizioni freudiane?

I persiani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Eschilo

I persiani

Passerino Editore, 06/07/2015

Abstract: "I Persiani" (in greco antico Πέρσαι, traslitterato in Pèrsai) è una tragedia di Eschilo, rappresentata per la prima volta nel 472 a.C. ad Atene. È in assoluto la più antica opera teatrale che ci sia pervenuta. La tragedia è ambientata a Susa, la residenza del re di Persia, dove Atossa, madre del regnante Serse, ed i dignitari di corte attendono con ansia l'esito della battaglia di Salamina (480 a.C.).L'autoreEschilo, figlio di Euforione del demo di Eleusi (in greco antico Αἰσχύλος, traslitterato in Aischýlos; Eleusi, 525 a.C. – Gela, 456 a.C.), è stato un drammaturgo greco antico. Viene unanimemente considerato l'iniziatore della tragedia greca nella sua forma matura ed è il primo dei poeti tragici dell'antica Grecia di cui ci siano pervenute opere per intero. A lui seguirono Sofocle ed Euripide.  Traduzione a cura di Ettore Romagnoli  Ettore Romagnoli (Roma, 11 giugno 1871 – Roma, 1º maggio 1938) è stato un grecista e letterato italiano.

Il milione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Polo, Marco

Il milione

Passerino Editore, 13/07/2015

Abstract: "Il Milione" è il resoconto del viaggio in Asia di Marco Polo, mercante e viaggiatore veneziano. Vera e propria enciclopedia geografica, riunisce in un volume le conoscenze essenziali che erano disponibili alla fine del XIV secolo sull'Asia. Oltre che una relazione di viaggio, è anche un trattato storico-geografico. È stato definito "la descrizione geografica, storica, etnologica, politica, scientifica (zoologia, botanica, mineralogia) dell'Asia medievale". Fu quasi sicuramente redatto per la prima volta da Rustichello da Pisa, che trascrisse dalla viva voce dello stesso Marco Polo, forse nel 1298 e comunque dopo il 1295. Le sue descrizioni contribuirono alla compilazione del Mappamondo di fra Mauro ed ispirarono i viaggi di Cristoforo Colombo. L'autoreMarco Polo (Venezia, 15 settembre 1254 – Venezia, 8 gennaio 1324) è stato un ambasciatore, scrittore, viaggiatore e mercante italiano, appartenente al patriziato veneziano.

Una peccatrice
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Verga, Giovanni

Una peccatrice

Passerino Editore, 21/07/2015

Abstract: "Una peccatrice" è un romanzo di Giovanni Verga pubblicato nel 1865 a Torino. Pietro Brusio, un giovane di Catania, studente di legge e con passioni letterarie, si innamora perdutamente di una donna incontrata casualmente durante una passeggiata ai giardini pubblici della città, Narcisa Valderi. Dall'incontro nascerà una tragica storia d'amore.  L'autoreGiovanni Carmelo Verga (Vizzini, 2 settembre 1840 – Catania, 27 gennaio 1922) è stato uno scrittore e drammaturgo italiano, considerato il maggior esponente della corrente letteraria del verismo.

Generazioni. Età della vita, età delle cose
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bodei, Remo

Generazioni. Età della vita, età delle cose

Laterza, 05/11/2015

Abstract: Sul vincolo, incerto e sensibile, con coloro che ci hanno messi al mondo, si sofferma con straordinario acume e rara delicatezza Remo Bodei. Federico Vercellone, "La Stampa"Come stabilire una 'restituzione' tra generazioni? Cosa trasmettere di sé? Remo Bodei ha il merito di ricostruire in poche pagine l'intera questione. "Tuttolibri"Bodei registra come un sapiente sismografo la mutazione che la nozione di generazione ha attraversato: tradizionalmente intesa come eterno ciclo della vita umana – giovinezza, maturità e vecchiaia – la generazione diventa epicentro di tensioni e conflitti, mentre muta la percezione di noi stessi nelle tre età della vita. Roberto Esposito, "la Repubblica"Un invito alla riscoperta della 'cultura del dono' tra genitori e figli. Bodei cita Dante: chi nella vita non pensa a ridare quanto gli è stato dato "non è albero che piantato presso un corso d'acqua, a tempo debito produce frutti, ma è pestilenziale voragine, la quale sempre inghiotte e mai rende". Roberto I. Zanini, "Avvenire"

Passaggio in Sardegna
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Onofri, Massimo

Passaggio in Sardegna

Giunti, 13/05/2015

Abstract: Dalla Porto Torres del Petrolchimico alla Cagliari dei Bastioni, lungo la statale 131, passando magari per Macomer, quella delle caserme e di alcune piccole star televisive. Sassari tra segreti e clamori. L'incredibile Parco delle Prigionette. Le dolcezze di Bosa e di Stintino. Arsura di Gallura. I Collage che sono di Olbia. Le isole dell'isola: dall'Asinara del carcere speciale e degli asinelli albini alla Caprera di Garibaldi. Oristano la città-salotto e Nuoro, più Giacometti che Deledda, che dell'isola è la piccola Atene. La Barbagia e il mito identitario. La Siligo di Gavino Ledda, la Ghilarza di Gramsci e la Villacidro di Dessì. E Alghero forever. La Sardegna che questo viaggio ci restituisce non l'aveva raccontata mai nessuno, tra grand tour e autoironica autobiografia, nei modi d'una scrittura disinvolta e camaleontica, tra il comico e il lirico. Anche perché Massimo Onofri ha letto tutti i libri, e non solo di viaggio: sottoponendo al vaglio di una critica spietata e allegra tutti i luoghi comuni che hanno poi prodotto tanta cattiva letteratura, autoctona e no, a uso e consumo d'un turista in cerca di brividi esotici e primitivi. Ma la Sardegna, osservata con occhi veri e onesti, è anche la grande occasione per una resa dei conti, commossa e ilare, col proprio stilnovismo patologico.

Non sono pericoloso! Manuale di comunicazione e linguaggio del corpo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Drei, Luigi

Non sono pericoloso! Manuale di comunicazione e linguaggio del corpo

FerrariSinibaldi, 20/05/2015

Abstract: I segnali di pericolosità che inviamo, più o meno inconsciamente, attraverso il corpo, attraverso la voce e attraverso gli occhi, sono ancora oggi le prime informazioni che vengono percepite dal nostro cervello, ma anche i primi elementi che le persone utilizzano istintivamente per farsi un'idea degli altri, per giudicarli e per decidere se sono credibili o meno. Non sono pericoloso! è il risultato di anni di docenze, studi e ricerche. Esperienze che l'autore ha voluto racchiudere in questo pratico manuale che, grazie all'utilizzo di infografiche, esercizi e numerosi esempi pratici (non potete immaginare quante cose possiamo imparare sulla comunicazione umana dai nostri animali d'appartamento!), consente di comprendere, in maniera chiara e immediata, la vera origine dei nostri atteggiamenti non verbali e la loro reale influenza nel processo di comunicazione. Non è solo un manuale del linguaggio del corpo, è un supporto per imparare ad ascoltare e sviluppare empatia; una guida per aumentare la nostra influenza sugli altri, generare impressioni positive e risultare più chiari e convincenti.

Tecniche mentali per il potenziamento della prestazione sportiva
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Penati, Valentina

Tecniche mentali per il potenziamento della prestazione sportiva

FerrariSinibaldi, 30/06/2015

Abstract: Lo sport riveste un ruolo fondamentale nella nostra vita. Per alcuni è un lavoro, per altri è una passione, per altri ancora è l'occasione per mettere alla prova se stessi e i propri limiti. In ciascuno di questi casi, oltre a un ovvio e buon allenamento, ciò che fa spesso la differenza è la preparazione mentale. Motivazione, resistenza psichica, capacità di gestire l'ansia da prestazione e orientamento all'obiettivo sono gli ingredienti necessari affinchè ciascun atleta possa aspirare a raggiungere i risultati che si è prefissato e derivare dalla pratica sportiva soddisfazione e appagamento.Nello sport "c'è tanta testa", proprio perché l'attività sportiva richiede la costanza e l'impegno dell'allenamento, la capacità di tener duro di fronte alla fatica e ai sacrifici che comporta, la capacità di sopportare la pressione emotiva di una gara o dei giorni che la precedono.In questo libro l'autrice propone una ricca serie di tecniche mentali per il potenziamento della prestazione sportiva, illustrandone i principi di base, gli sport in cui risultano più utili e le modalità di applicazione. Un testo particolarmente utile non solo per gli atleti, ma anche per tutti quei professionisti che lavorano al servizio dell'atleta (allenatori, fisioterapisti, psicologi) che desiderano approfondire il tema della preparazione mentale e la sua importanza nella prestazione sportiva.

Storia poetica di un ultimo gentiluomo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Di Castelbarco Albani, Briano

Storia poetica di un ultimo gentiluomo

Giunti, 24/06/2015

Abstract: Abriano Albani, trentenne milanese di nobili origini, nei primi anni Cinquanta evade dal guscio dorato in cui la famiglia l'ha sempre protetto. Decide di andare in Canada, in Nova Scotia, per lavorare come taglialegna. Matura questa scelta radicale, conscio del fatto che solo un impegno manuale può dargli dignità di persona e offrirgli un ruolo vero all'interno della società. Facciamo esperienza così di una prospettiva inedita: l'emigrazione che dal nostro paese muove verso il Nuovo Continente si spinge fino alle più remote regioni del Nord America. Qui Abriano trascorre ore a segare tronchi che diverranno pulpwood, pasta di legno, e a insegnare inglese ad alcuni compagni veneti, come lui nuovi coloni in cerca di futuro. Conosce uomini provenienti da tutta Europa. Ognuno è portatore di una storia unica. Abriano le raccoglie tutte e custodisce la propria. Arriva anche a celare il suo vero nome, cambiandolo nel più comune Adriano. Vive questa nuova avventura sino al giorno in cui le autorità canadesi gli negheranno il permesso di soggiorno. Sarà così costretto a tornare a casa. A fianco di questo giovane tormentato, in un'età cruciale per ogni uomo, attraversiamo il secondo conflitto mondiale e vediamo i decenni centrali del Novecento illuminarsi di scenari nuovi, di racconti di vita e di amori, di voci, di viaggi (Portofino, Forte dei Marmi, Capri, Cortina d'Ampezzo, la New York del jazz…). Storia poetica di un ultimo gentiluomo è questo e molto altro. Una lettura coinvolgente con il respiro del romanzo di formazione e il fascino di un mondo destinato a scomparire nelle pieghe del nuovo millennio. Ma prima di tutto è una testimonianza di vita che ha impegnato l'autore fino alla sua morte avvenuta nel 2013 a ottantanove anni.

I mari di Trieste
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Manzon, Federica - Artioli, Diego - Manzon, Federica

I mari di Trieste

Bompiani, 17/09/2015

Abstract: Trieste è il suo mare. Un mare diverso da qualsiasi altro, che da subito cambia nome e diventa più familiarmente "bagno", a indicarne una prossimità domestica: molteplice e paradossale. Al bagno ci si va non solo a prendere il sole, ma a chiacchierare, correre, litigare, lasciare giuramenti, con la pelle cosparsa di olio o con la sciarpa in pile tirata fino sopra il naso. Fin dall'infanzia si assorbe "questa familiarità con il mare, con il sentimento della sua necessità; quel senso delle grandi estati e della loro apertura. Un'apertura che non è solo fisica, ma anche culturale e umana". Ogni bagno a Trieste è rigorosamente diverso dall'altro. Ognuno sa riconoscere il proprio a istinto, così come ogni scrittore sa raccontarlo: La Diga di Claudio Grisancich e Gillo Dorfles, gli scogli di Barcola nei ricordi d'infanzia di Claudio Magris, Mauro Covacich e Boris Pahor, l'ambigua e seducente Costa dei Barbari di Mary Barbara Tolusso, il Bagno Militare di Pietro Spirito, il bagno Sticco visitato da Veit Heinichen, il popolare Pedocìn di Pino Roveredo, fino al leggendario bagno Ausonia raccontato da Alessandro Mezzena Lona. A Trieste il mare non si può sfuggire, e il mito asburgico si frantuma e si ricompone nella promessa di una felicità sempre rimandata e mai smentita, sospesa tra la malinconia che prende a guardare il mare dai Campi Elisi la sera e la nostalgia fugace per la risata di un ragazzino che chiama il tuffo, bomba americana. Nei bagni Trieste splende delle sue contraddizioni, quelle stesse che tormentano i suoi migliori scrittori: l'anima vispa e licenziosa che si aggira per le strade, il tempo immobile e la Bora che può far uscire matti, la noncuranza leggera delle abitudini, la sua iride blu marino. Federica ManzonConMauro Covacich, Gillo Dorfles, Claudio Grisancich, Veit Heinichen, Claudio Magris, Alessandro Mezzena Lona, Boris Pahor, Pino Roveredo, Pietro Spirito, Mary Barbara Tolusso

Woody
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Baccomo, Federico - Sanna, Alessandro

Woody

Giunti, 21/10/2015

Abstract: Quasi tre anni e due occhi curiosi che guardano il mondo con stupore: Woody è un cane di razza basenji, cresciuto sempre con la sua adorata padrona, una ragazza giovane e allegra che lui ama sopra ogni cosa. Finché un giorno, aprendo gli occhi, Woody scopre che tutto è cambiato: il mondo che conosceva, pieno di gioia, avventure e affetto, è stato sostituito dal buio e dalla sporcizia di una gabbia. Come è finito lì dentro? Perché? E, soprattutto, come può tornare dalla sua padrona? È da queste domande che comincia la storia di Woody: una storia in cui, a poco a poco, si affacciano i segni di qualcosa di terribile, un evento drammatico di cui Woody è l'unico testimone. E come tutti noi il piccolo basenji sarà costretto a confrontarsi con domande che pesano sulla sua innocenza. Che cos'è il Bene? Che cos'è il Male? E come ci si può mettere al sicuro, essere felici, in un mondo che finisce per tradire la meraviglia? Una storia comica, drammatica e commovente, raccontata dalla suggestiva voce del protagonista. Una testimonianza del fatto che la differenza tra umani e animali non sta nel pelo, negli artigli o nella coda, ma nello sguardo sulla vita e nel rapporto con gli altri.

L'arte del riordino. Libera la tua casa e dai una svolta alla tua vita
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Polverini, Maria Letizia

L'arte del riordino. Libera la tua casa e dai una svolta alla tua vita

Giunti Demetra, 19/12/2015

Abstract: Con grande senso pratico e un pizzico d'ironia, Maria Letizia Polverini spiega e mostra come fare ordine in casa può trasformare la nostra vita e farci ritrovare serenità e armonia. Adattando i principi del feng shui allo stile di vita occidentale, il manuale offre un metodo semplice ma infallibile per mettere a posto in casa e riorganizzare gli spazi, con esempi e consigli mirati per ogni ambiente, dal guardaroba alla cucina, dalle camere al bagno per arrivare alla cantina, al garage, e persino all'ufficio. Un libro per passare subito all'azione e scoprire che liberarsi da zavorre e accumuli è il primo passo per alleggerire la mente e riappropriarsi di se stessi e dei proprio spazi vitali.

La ritirata di Senofonte. Lo scontro tra greci e persiani al tramonto dell'età classica
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Waterfield, Robin

La ritirata di Senofonte. Lo scontro tra greci e persiani al tramonto dell'età classica

Giunti, 23/09/2015

Abstract: L'"Anabasi" di Senofonte è un capolavoro della storia militare, la cronaca di una straordinaria campagna di guerra redatta dallo storico che vi ha preso parte come soldato. Usando il libro come una guida, Robin Waterfield si è messo in viaggio lungo l'itinerario dei greci, rivelando particolari inediti e impressioni dal vivo: ipotesi nuove sulle condotte dei protagonisti, la dinamica delle battaglie, le sfide logistiche. La ricostruzione inedita e avvincente degli aspetti avventurosi, umani e drammatici di un'epica ritirata. Titolo originale: "Xenophon's Retreat. Greece, Persia and the End of Golden Age" (2006).

Il venditore di sogni
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Okri, Ben

Il venditore di sogni

Giunti, 18/11/2015

Abstract: Una raccolta di storie africane, di grande forza evocativa, in cui il magico realismo di Ben Okri, insignito del ''Brooker Prize'' nel 1991, ci dà la chiave di lettura del travagliato sviluppo di un continente. Un intenso scenario africano dove la gente mantiene ancora forti legami con la cultura e la religione animista dei villaggi. Sotto un sole implacabile o nella stagione delle piogge, la vita a Lagos è intensa, a volte drammatica, ma ricca di calda umanità e anche di poesia. La narrazione travalica il reale, giungendo inarrestabile in un universo onirico intessuto delle mitologie ancestrali che abitano l'anima e l'immaginario del popolo nigeriano.

Le favole nere
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Coppolaro, Ursula

Le favole nere

Youcanprint, 08/01/2015

Abstract: "Le Favole Nere" è la prima raccolta di racconti di Ursula Coppolaro.Come si può evincere dal titolo, il termine più corretto sarebbe forse "favole" anzichè racconti. Questo perchè Ursula nella sua narrazione inserisce sempre una morale di fondo, caratteristica propria del genere della favola.Questa raccolta ci dimostra come sia possibile, ancora nel 2014,rivisitare, correggere ed ampliare un genere che viene approfondito sin dai tempi di Fedro ed Esopo, ma come è possibile aggiungerci anche qualcosa di nuovo: un pizzico di macabro e noir.Già Fedro ci insegna che non sempre la favola è a lieto fine, e non sempre i buoni trionfano.Ursula spesso si colloca a metà tra una visione pessimistica ed una ottimistica, mostrandoci mondi a tinte grigio scuro.Caratterizzata da uno stile snello ed essenziale, la prosa di Ursula è accessibile a tutti, ma non per questo meno scorrevole, o meno adatta a trasmettere un concetto che spesso viene tralasciato nel mondo moderno: un insegnamento morale che si può ricavare da un'esperienza, sia essa letteraria o di vita reale.

La mountain bike pezzo per pezzo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Ganzerli, Raffaele

La mountain bike pezzo per pezzo

Youcanprint Self-Publishing, 26/01/2015

Abstract: Una guida dedicata a chi vuole avvicinarsi al mondo della Mountain Bike per divertirsi. Spiegazioni semplici attraverso guide visive, soluzioni e rimedi ai problemi più comuni, le risposte alle FAQ su manutenzione, regolazione, tecniche di guida.

Ricordi per posta. Frammenti di ricordi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Risse, Stefania

Ricordi per posta. Frammenti di ricordi

Youcanprint, 30/01/2015

Abstract: "Frammenti di ricordi" raccoglie per l'undicesimo anno consecutivo i testi che scrittori per diletto, da tutta Italia, inviano a mezzo lettera al Circolo di scrittura autobiografica a distanza di Anghiari (AR). Ricordi d'infanzia, ricordi di episodi della propria vita e di persone che rimangono indelebili nell'esistenza di ciascuno sono custoditi dai corrispondenti anghiaresi che rispondono a ciascuno in una conversazione a distanza con lettere scritte a mano.

Il mondo nelle mie braccia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Lenzi Tempestini, Giovanna

Il mondo nelle mie braccia

Youcanprint Self-Publishing, 19/01/2015

Abstract: È la storia di Cassie, una giovanissima ragazza intelligente, bella e dolce che s'innamora perdutamente dell'uomo che incontra una sera in un locale dell'Isola d'Elba, dove trascorre una vacanza. Non nutre troppe speranze per un avvenire comune. Appartengono a mondi troppo diversi, ma di una cosa è certa: d'essere amata. Purtroppo contro ogni sua aspettativa lui la lascia bruscamente, inconsapevole di averle dato, insieme a un grande dolore e alla delusione più cocente, un figlio.Nonostante le difficoltà riesce a diplomarsi all'accademia. Passano gli anni, che lei impegna con tutta se stessa per costruirsi una carriera che oltre a darle soddisfazione le permetta di allevare suo figlio da sola. Contro ogni sua più rosea aspettativa ci riesce, ma è proprio alla sua prima personale che contro ogni sua aspettativa lo incontra di nuovo. Scioccata si accorge che è cieco e fa di tutto per non farsi riconoscere. Tutto è oramai talmente diverso e tragico che ogni progetto di vendetta risulta inutile. Parlano, e lui non la riconosce, ma lei intuisce ascoltandolo che affronterà il suo futuro da solo. Ma il destino a volte prosegue in modo diverso e chissà…

Poesie
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

El Taher, Susanna

Poesie

Youcanprint, 09/01/2015

Abstract: Raccolta di poesie di un'adolescente.

Tutta in bicicletta
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Taddei, Luca

Tutta in bicicletta

Youcanprint, 07/01/2015

Abstract: La storia ruota intorno a una promessa. Dante, in punto di morte, chiede a Rodrigo, terzo dei suoi otto figli di esaudire l'ultimo sogno: riunire tutti i fratelli, figli e nipoti in una storica rimpatriata. Dopo la morte del vecchio, Rodrigo scrive la lettera di invito ma, per un misterioso fatto, rimane inascoltata. La speranza di poter organizzare la festa rimane sempre nel suo cuore ma la morte di un fratello arriva come la mannaia del boia sulla testa del condannato. La mattina del funerale Rodrigo si alza presto e sulla panchina davanti alla Chiesa con Ginger Roger, una gatta rossa dal carattere mite, rivede tutta la sua vita, e come in un puzzle inesorabile i ricordi riaffiorano. L'alluvione del '66 e i processi. L'innamoramento con la moglie, l'attaccamento con il suocero e i diverbi con il babbo. Il passaggio degli americani e i bombardamenti. La moto e le sue curve. La vita dei sette fratelli, dove per ognuno ripercorre aneddoti e vecchie storie. Alla fine, come per incanto, arriva la confessione che rimette ordine a una bufera emozionale. Una storia di altri tempi, non antichissima, dal vago sapore vintage ma che l'autore desidera non sia persa nel tempo.I proventi della vendita saranno interamente devoluti a un progetto di inserimento nel mondo del lavoro di giovani ragazze indiane abbandonate dalla famiglia.Tutte le notizie saranno inserite sul blog dell'autore "l'ora giusta per il tè" all'indirizzo: www.teino62.blogspot.it