Entra in MediaLibraryOnLine (MLOL)

Accedi gratuitamente a e-book, quotidiani, riviste, musica e a molte altre risorse consultabili on line, scaricabili liberamente o in prestito elettronico. 

  • Username e password per l'accesso sono le medesime rilasciate con la tessera delle Biblioteche civiche torinesi.  
  • Il prestito degli e-book scaricabili è limitato a 2 (due) al mese solare per utente e ha una durata di 14 giorni.

Leggi la guida all'uso.

CHIUSURA DEL PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO DEGLI E-BOOK
A partire da oggi, 21/12/2016, non e' piu' possibile il prestito degli e-book di altre biblioteche mediante il Prestito Interbibliotecario Digitale (PID).

Cerca un e-book scaricabile da MLOL o sfoglia la lista delle novità

Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Letteratura e studi letterari

Trovati 1654 documenti.

Mostra parametri
Vivere per scrivere. 40 romanzieri si raccontano
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Franceschini, Enrico

Vivere per scrivere. 40 romanzieri si raccontano

Laterza, 11/01/2018

Abstract: Charles Bukowski  Nick Hornby  Martin Amis  Ian McEwan  Frederick Forsyth  Zadie Smith  James G. Ballard  J.K. Rowling  Hilary Mantel  Michel Faber  Sophie Kinsella  William Boyd  Hanif Kureishi  Alan Bennett  Peter James  Paula Hawkins  Jonathan Coe  Irvine Welsh  John Banville  Roddy Doyle  Catherine Dunne  Bret Easton Ellis  J.J. Abrams  Nathan Englander  Amos Oz  David Grossman  Abraham B. Yehoshua  Aleksandr Solgenitsyn  Evgenij Evtushenko … Suonai il campanello con trepidazione. Passò un minuto. Ne passò un altro. Le cicale cantavano, il sole picchiava, dalla casa non veniva alcun segno di vita. Poi, quando stavamo per andarcene, si sentì un rumore. Un istante dopo la porta si aprì e apparve un uomo di circa sessant'anni, in calzoncini da bagno. A parte quelli, era nudo dalla testa ai piedi. Non disse niente: si limitava a guardarci con diffidenza. La mia fu una domanda ridicola, poiché non avevo il minimo dubbio sulla sua identità. "Are you Charles Bukowski?". Rispose a sua volta con una domanda. "Why?". "C'è chi scrive ancora a mano e chi è stregato dal computer, chi programma ogni pagina dall'inizio alla fine e chi avanza di getto senza sapere dove lo porterà la trama, chi frequenta i corsi di scrittura creativa e chi esce dalla scuola della vita, chi si fa ispirare dalla realtà e chi la deforma, chi lavora esclusivamente di fantasia e chi studia, imita o perlomeno usa come modello i grandi autori del passato. Per scoprire che cos'è e come si scrive un romanzo, non c'è niente di meglio che interrogare uno scrittore. E di scrittori, grazie al mio lavoro di giornalista da oltre trent'anni in giro per il mondo, ho avuto la fortuna di incontrarne tanti. In queste pagine, quaranta di loro parlano dei libri che scrivono e di quelli che amano, di come nasce una storia e del proprio metodo narrativo, dei propri maestri, delle proprie vite".

Emigrante per diletto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Stevenson, Robert Louis

Emigrante per diletto

Edizioni Studium S.r.l., 11/01/2018

Abstract: A cura di Cecilia Bolles Prefazione di Francesca Romana de' Angelis                                                   Nell'agosto del 1879 Robert Louis Stevenson lascia l'Inghilterra diretto negli Stati Uniti per raggiungere Fanny Van de Grift, la donna di cui è perdutamente innamorato. La traversata sarà descritta in Emigrante per diletto che è insieme cronaca di viaggio, memoria autobiografica, riflessione sociologica, splendida avventura letteraria. Sul piroscafo Devonia, tra gli emigranti che spinti dalla povertà e dalla sofferenza affrontano l'esilio inseguendo il sogno di un futuro migliore, Stevenson scopre un mondo sconosciuto. Da questo momento la traversata più che viaggio verso l'altrove diventa viaggio verso gli altri, in uno slancio di inclusione che è insieme conoscenza e sentimento. Un'umanità dolente raccontata con uno sguardo intenso e partecipe, un tema di sofferta attualità, un documento storico di straordinaria importanza.

Il materialismo romantico di Leopardi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Rigoni, Mario Andrea

Il materialismo romantico di Leopardi

La scuola di Pitagora, 17/10/2017

Abstract: La critica intelligente o almeno onesta dovrebbe preoccuparsi di restituire fedelmente l'immagine di un autore o di un'opera anziché tentare di arruolarli sotto le proprie bandiere ideologiche: operazione non solo illegittima, ma inutile. Ostinati equivoci e pregiudizi settari aduggiano ancora l'interpretazione di Leopardi: uno dei principali attribuisce al poeta una visione illuministica e progressistica, in realtà sconfessata da ogni pagina della sua opera e, come se non bastasse, da una lettera autografa di Leopardi stesso riemersa nel 1993. Non si tratta di negare l'evidenza né la radicalità del materialismo leopardiano, ma di riconoscerne la particolare natura anti-razio­nalistica. Infatti, da un lato Leopardi critica l'ideologia illuministica come ultima forma della nefasta spiritualizzazione moderna e, sulle tracce di Pierre Bayle, volge la ragione ad un fine distruttivo di tutte le verità positive; dall'altro condivide paradossalmente aspetti propri del romanticismo te­desco e inglese ma estranei al romanticismo italiano, erede dichiarato della tradizione illuministica. I saggi di Mario Andrea Rigoni raccolti nel presente volume attorno ai temi del classicismo, del nichilismo e dell'ultrafilosofia costituiscono un felice coronamento della sua classica opera Il pensiero di Leopardi.

Canti Orfici
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Campana, Dino - Barricalla, Fabio (a cura di) - Lanzola, Andrea (a cura di)

Canti Orfici

Matisklo Edizioni, 02/01/2017

Abstract: "Se à ancora una copia dei 'Canti Orfici' me la mandi, mi farà molto piacere: io li ebbi solo in lettura da Boine che li ricevette indirettamente": così scriveva, nel gennaio del 1916, Mario Novaro, industriale oleario, poeta-filosofo e direttore della rivista "la Riviera ligure" di Oneglia, a Dino Campana, autore 'unius libri', che nell'estate del 1914 aveva pubblicato, presso un tipografo del suo paese, quella che ebbe a definire "la sola giustificazione della 'sua' esistenza". Il "poeta notturno", già collaboratore della rivista dell'"Olio Sasso", l'avrebbe accontentato qualche giorno più tardi, inviando una copia dei 'Canti Orfici' con dedica autografa. Ora quell'esemplare, tuttora custodito presso la Biblioteca della "Fondazione Mario Novaro" di Genova, è riprodotto per la prima volta in questa edizione anastatica curata da Fabio Barricalla e Andrea Lanzola, arricchita non solo da un testo apocrifo di Marco Ercolani, e da una nota di Veronica Pesce, ma anche dal celeberrimo 'plauso' di Giovanni Boine, che tanto avrebbe contribuito alla fama del pazzo di Marradi. Con questa operazione culturale, in collaborazione con la "Fondazione Novaro", Matisklo edizioni intende mettere a disposizione di un amplissimo pubblico, di studiosi e di semplici lettori, un esemplare poco o nulla conosciuto di un'opera capitale del Novecento poetico italiano.

Ogni volta che mi baci muore un nazista. Con La sporca dozzina. Ediz. speciale
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Catalano, Guido

Ogni volta che mi baci muore un nazista. Con La sporca dozzina. Ediz. speciale

Rizzoli, 02/02/2017

Abstract: Qualcuno lo chiama "criminale poetico seriale", qualcun altro lo ha definito "l'ultimo dei poeti". Ma chi è in realtà Guido Catalano? Per scoprirlo, basta leggere i suoi versi: chi lo ha fatto giura di non essere più riuscito a smettere. Molti si sono emozionati, tutti confessano di aver riso a crepapelle, c'è chi alla fine si è pure innamorato. In questa raccolta ci sono poesie per tutte le occasioni: quelle da leggere da soli la sera, accoccolati sotto il piumone, e quelle da declamare a voce alta; quelle per fare colpo sulla persona che ti piace; quelle per chi sogna labbra lontane. Ci sono poesie per chi è stato mollato e per chi, più modestamente, aspetta soltanto di far bollire le carote. Ci sono fidanzate vecchie e nuove, sbronze sotto la luna, invasioni di zombie. Ma anche tanta vita quotidiana: l'ispirazione che non arriva, i black-out estivi e un mondo di rondini, muratori e passanti ubriachi che si fa beffe del poeta al lavoro. Di nazisti, invece, non ce n'è nemmeno uno: il tasso di baci presente in queste pagine non l'avrebbe consentito. Catalano è il poeta che ha infranto le gabbie in cui si vorrebbero relegati i poeti per prendersi uno spazio di cui si ignorava l'esistenza, sorprendendo critica e pubblico con i suoi reading in giro per l'Italia, e adesso ci racconta i "piccoli fatti felici" della vita e dell'amore come solo lui sa fare. Conquistandoci senza rimedio, un bacio dopo l'altro.

Bullets
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Zuaro, Sasà

Bullets

Robin Edizioni, 11/01/2017

Abstract: "Bullets" è una raccolta di macchiette, a metà tra prosa e poesia. Tutte molto attuali: brevissime, grigie, centrate sul margine di una nostra esistenza sempre più psicologica e fatta di attimi. Mentre è difficile trovare un'identità ed è così facile andare alla deriva, la più bella sorpresa è quando si trova una gemma preziosa nella più totale disperazione. Non c'è molto altro da dire.

Aghi di pino
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Coppola, Giorgio

Aghi di pino

Robin Edizioni, 12/01/2017

Abstract: La poesia è un singhiozzo dell'anima. Non trovo metafora migliore per esprimere il mio sentire intorno a quella che continuo a ritenere la più elevata tra le arti. La poesia dà forma alla sostanza che vive dentro ognuno di noi, e che ci plasma, ci modifica, ci rende coscienti di essere vivi, oltre l'arrendevolezza alla morte che aleggia ogni giorno sulla nostra esistenza.Scrivere poesie per me è un atto d'amore da donare a qualcuno, qualcuno che non ha immagine né carne, eppure respira al di là dei respiri miei. Le poesie sono di chi le legge, non di chi le scrive; non è una mia affermazione, semplicemente una verità.

Dalla sponda sottile del sud
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Manera, Danilo (a cura di)

Dalla sponda sottile del sud

Robin Edizioni, 18/01/2017

Abstract: Donne che plasmano nella creta gli uomini scomparsi, che attraversano il de­serto per portare a un prigioniero un cocomero, che evadono nel mondo dei sogni, che chiudono la porta dietro figli e compagni, che s'ubriacano di troppo amore. Uomini che si prendono a pugni sul ring e nella vita, che inseguono rarissime farfalle, che interpretano la follia al sax, che abbaiano in una remota lingua biblica, braccati come Annibale in Bitinia o figli borghesi con un padre rivoluzionario.Pagine di fresca e sensibile autenticità, a volte umilmente epiche, altre volte ironiche o di tagliente realismo, fatte lievitare sovente dal fantastico, dalla prospettiva dell'infanzia o da quella femminile. Con suggestivi affondi nel groviglio dei rapporti interpersonali, nelle solitudini individuali e nelle tragedie collettive (come l'incubo della tortura e l'impunità degli aguzzini), tra sgomento, resistenza e vitalità.Gli AutoriPía Barros (1956), Poli Délano­ (1936), Ana María Del Río (1948),­ Sonia González (1958),Fernando­ Jerez (1937), Diego­ Muñoz Valenzuela (1956), Fran­cisco­ Rivas (1943) e Virginia Vidal (1932) sono narratori cileni di lunga traiettoria. Alcuni hanno conosciuto l'esilio, interno o esterno. Fanno parte di due generazioni unite dall'impegno artistico e civile e la preoccupazione per le problematiche umane. Ampiamente riconosciuti in patria, ma ancora quasi ignoti in Italia, disegnano qui la mappa alternativa di una terra dalla grande tradizione letteraria.

Propizio è avere ove recarsi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Carrère, Emmanuel

Propizio è avere ove recarsi

Adelphi, 16/03/2017

Abstract: "Propizio è avere ove recarsi" è una delle risposte che dà "I Ching" a chi lo interroga. E così, più di una volta nella sua vita, Emmanuel Carrère è partito per recarsi in qualche luogo. Si è lanciato sulle tracce di Dracula in Romania dopo la caduta di Ceauşescu; ha trascorso quattro giorni a Davos durante un Forum economico; è andato negli Stati Uniti a cercare il fantomatico Dice Man (l'uomo che sosteneva di aver preso tutte le decisioni della sua vita lanciando i dadi). In questo volume ha riunito gli articoli che ne ha tratto – ma non solo: ci sono resoconti di processi clamorosi, cronache erotiche, un incontro con Catherine Deneuve, la vita di Alan Turing, prefazioni a libri molto amati, progetti di film.

Charles Baudelaire
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Di Mambro, Pamela

Charles Baudelaire

Passerino, 14/02/2017

Abstract: Charles Pierre Baudelaire (Parigi, 9 aprile 1821 – Parigi, 31 agosto 1867) è stato un poeta, scrittore, critico letterario, critico d'arte, giornalista, filosofo, aforista, saggista e traduttore francese. È considerato uno dei più importanti poeti del XIX secolo. A cura di Pamela Di Mambro I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

Castigo e delitto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Fisenko, Leonid

Castigo e delitto

Robin Edizioni, 21/02/2017

Abstract: Al nuovo romanzo di Leonid Fisenko si può tranquillamente attribuire tutto quello che la critica ha già detto a proposito delle sue opere precedenti, e magari tutto quello che non ha ancora avuto il tempo di dire. Come al solito scritto in versi, il romanzo si sviluppa sulla base di un intrigo, che non può lasciarci indifferenti, e che coinvolge il lettore dalle sue prime righe fino ad un epilogo assai elegante, anche se un po' triste. Non deve essere trascurato un fatto, che la presente opera porta in sé un notevole contenuto istruttivo (che è una vera e propria impronta dell'autore) e che sarà nutriente per i giovani cervelli nella fase di sviluppo, ma anche per le persone di una certa età, il cui cervello ha già cominciato un placido ritorno verso la sua primaria purezza. È SEVERAMENTE SCONSIGLIATO ai lettori di età media, perché un improvviso impatto con una carica intellettuale così potente per un cervello dormiente può avere un effetto eccessivo o addirittura dannoso.

Talenti d'Italia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Van Aalderen, Maarten

Talenti d'Italia

Albeggi Edizioni, 04/03/2017

Abstract: Dopo il successo de "Il Bello dell'Italia", ecco ora il secondo volume della trilogia di Maarten van Aalderen dedicata alle bellezze del Belpaese, alle sue ricchezze, ai suoi talenti. "Talenti d'Italia" è un viaggio tra giovani eccellenze emergenti del Paese, attraverso ventuno interviste. Ci sono storie di passione, imprenditoriale, scientifica, creativa, racconti di vite "speciali", dedicate al cinema, alla musica, allo sport. Questi giovani talenti, quasi tutti ventenni e trentenni, hanno molte cose in comune, prima tra tutte l'essersi fatti davvero da soli, senza avere trovato la strada già spianata. In questo libro essi spiegano come sono arrivati al successo e al riconoscimento anche internazionale, offrendo il proprio punto di vista e tanti consigli a chi, come loro, ha un sogno da realizzare. 

Giovani leoni
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Ferracuti, Angelo (a cura di) - Filoni, Marco (a cura di)

Giovani leoni

minimum fax, 02/03/2017

Abstract: Giovani leoni nasce da "Nonni in rete. Tutti giovani alle Poste", un progetto di Poste Italiane – realizzato in collaborazione con la Fondazione Mondo Digitale – che ha l'obiettivo di accelerare il processo di digitalizzazione del paese promuovendo l'accesso ai nuovi servizi degli over sessantacinque a rischio di esclusione, attraverso lezioni mirate – dall'accensione alla navigazione in rete, dall'uso dei programmi base e della posta elettronica ai social network – tenuti da giovani tutor nelle aule informatiche di trenta scuole superiori italiane.Muovendo dalle testimonianze dirette dei "nonni digitali", dieci scrittori italiani hanno raccontato il futuro sulla soglia di una radicale trasformazione delle città e degli stili di vita: dalla signora napoletana che a settant'anni segue la vita delle amiche su Facebook alla novantenne che deve ancora capire bene come funziona Skype, lo sguardo degli scrittori si posa su scenari apocalittici, nichilistiche svolte esistenziali, paura e fascinazione nei confronti del mondo che verrà.La sfida di questo libro è di raccontare l'Italia da due opposte angolazioni: quella di chi sta superando la linea d'ombra della gioventù, e l'altra di chi sta percorrendo invece l'ultimo miglio, tra passione, disincanto e desiderio di conoscenza.Franco Arminio • Andrea Bajani • Paolo Di Stefano • Angelo Ferracuti • Alessandro Leogrande • Giancarlo Liviano D'Arcangelo • Igiaba Scego • Nadia Terranova • Stefano Valenti

Faust
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Goethe, Johann Wolfgang

Faust

Polimnia Digital Editions, 14/03/2017

Abstract: Più di vent'anni sono trascorsi dall'ultima traduzione italiana del Faust di Goethe. Alle numerose traduzioni che si sono avvicendate nel corso di quasi due secoli, si sono cimentati traduttori dall'estro più diverso: poeti, accademici, nobili e perfino grandi industriali. In questo caso, sorprendentemente, uno psicanalista. E, ancora più sorprendentemente, in una versione in rima ma con la scommessa di rispettare la natura originaria del poema goethiano. Quale ragione può averlo spinto a una simile impresa? Egli afferma che la ragione è witzig, spiritosa, come il testo del Faust, che è spiritoso prima di essere faustiano. Ha lo spirito della tragicommedia, non solo tragico, non solo comico. È lo spirito che lo psicanalista rintraccia in molte delle sue sedute, che un po' fanno piangere, un po' ridere. Uno spirito tenue, che la poesia e la rima riescono a trasmettere, ma che sfugge alle traduzioni in prosa. 

L'intervista. I 70 italiani che resteranno
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Cazzullo, Aldo

L'intervista. I 70 italiani che resteranno

Mondadori, 28/03/2017

Abstract: Francesco Cossiga racconta i segreti del caso Moro, e Vasco Rossi la sua esperienza con la droga e il carcere. Silvio Berlusconi si confessa nel giorno in cui lascia per sempre Palazzo Chigi, e Andrea Bocelli confida i suoi amori. Sandro Mazzola rivela le combine ai Mondiali del 1970 e del 1974, e Gianni Rivera dice di essere stato juventino e amico di Brera. Dalla ventenne Bebe Vio, che vince la medaglia d'oro paralimpica con le sue braccia e gambe nuove, a Rita Levi Montalcini, intervistata il giorno del suo centesimo compleanno, Aldo Cazzullo costruisce una straordinaria galleria dei personaggi che hanno fatto la storia degli ultimi trent'anni.Dall'intervista rubata a Giulio Andreotti quand'era ancora al potere sino all'esilarante chiacchierata con Checco Zalone, si alternano sulla scena capi di Stato e uomini di spettacolo, Bill Gates e Renato Zero, Mario Vargas Llosa e Laura Pausini. Renzo Arbore e Pippo Baudo vanno insieme da Padre Pio che li tratta malissimo, Paolo Sorrentino rievoca per la prima volta l'incidente in cui morirono i genitori; Andrea Camilleri viene portato in trionfo dalla rete per il suo No al referendum, mentre Massimo Bottura subisce un linciaggio digitale; Edgardo Sogno rivela di aver davvero preparato un colpo di Stato, Dino Zoff invita la Juve a rinunciare agli scudetti di Moggi; Ennio Morricone sente scoppiare la bomba di via Rasella, Alessandro Gassman rivendica le sue radici ebraiche; Bettino Craxi dice di voler morire ed essere sepolto in Tunisia, Umberto Bossi torna in campo dopo l'ictus; Dolce&Gabbana spiegano come hanno raccontato ai genitori di essere gay, Renato Vallanzasca come è sopravvissuto alle botte dei secondini; Piercamillo Davigo lamenta che i politici non hanno smesso di rubare ma solo di vergognarsi, Giuliano Pisapia denuncia le torture ai no global di Genova; Franca Valeri racconta come ha beffato i nazisti, J-Ax come ha sconfitto la cocaina. Parlano grandi vecchi riservatissimi come Giovanni Bazoli e Gianluigi Gabetti, e blogger adolescenti da due milioni di seguaci; Beppe Grillo gocciolante dopo la traversata a nuoto dello Stretto, e gli eterni duellanti della sinistra italiana, demoliti da Francesco De Gregori; e poi Riccardo Muti e Renzo Piano, Paolo Conte e Paolo Poli, Carlo De Benedetti e John Elkann, Romiti e il cardinal Martini, Celentano e Jovanotti… Un grande romanzo italiano, narrato da grandi uomini e donne e scritto da un grande giornalista.

L'ultimo viaggio
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Rimbaud, Arthur - Rimbaud, Isabelle - Roventi, Ispano (a cura di)

L'ultimo viaggio

Robin Edizioni, 28/03/2017

Abstract: Le lettere di Arthur Rimbaud disegnano la mappa dei viaggi dell'ultimo decennio di vita del poeta nelle inospitali terre d'Arabia e d'Africa bagnate dal Mar Rosso, raccontano la sua vera "stagione all'inferno". Lasciata la Francia per una promettente attività commerciale per quanto esposta ai fallimenti, questo "negoziante" (così Rimbaud diceva di sé), che misteriosamente aveva scelto il silenzio dopo una dissoluta giovinezza marcata da una folgorante produzione poetica, andrà incontro a uno straziante destino. Sfuggito ai pericoli che sempre minacciarono gli europei inoltratisi in territori spesso ignoti e ostili, l'infaticabile camminatore che fu Rimbaud sarà colpito da una grave malattia a una gamba. Tornato in Francia, a nulla valse l'amputazione dell'arto. Il dolore che nessun medicinale riuscì a lenire ci mostra un Rimbaud che fa dimenticare l'arrogante giovane poeta delle notti parigine. Gli scritti della sorella Isabelle sono l'accorata testimonianza dell'ultimo viaggio di questo enigmatico personaggio. L'immagine dell'avventuriero è frantumata dalle lettere di Arthur e dal racconto della sorella. Per ricostruire il volto autentico di un uomo che proprio con la disperazione dei suoi ultimi giorni mostra i limiti umani del suo mito. Anche per questo la vita di Rimbaud non cesserà di affascinarci.

Campo aperto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Trionfetti, Alessandro

Campo aperto

Robin Edizioni, 28/03/2017

Abstract: Uno stomaco che s'impicca da un ponte, un fegato pronto a seguirlo, la pioggia batte sulle strade della frantumazione dell'io.Vetrine che si smaterializzano, operai che salgono sulle ciminiere, mentre scoppiano nuove guerre nei movimenti tellurici di fragili equilibri geopolitici. I droni e le zanzare sorvolano gli edifici nella deriva dell'Occidente, nella crisi italiana, nelle migrazioni epocali. La verità della storia non tollera risposte riscaldate. Attraverso la narrazione poetica, il testo, diviso in quattro parti, affronta il tema del rapporto tra volontà e realtà, tra desiderio di agire e limite posto dalle condizioni reali, inedite da tanti punti di vista (da qui il titolo della raccolta), a partire dalla reazione ancora frastagliata e inefficace delle forze potenzialmente antagoniste all'ordine sociale vigente.Intanto il mercato estende la sua rete risemantizzando codici e stili di vita. Questo movimento contraddittorio è espresso in una scrittura sperimentale che attinge dalla dimensione quotidiana, dalla sfera della coscienza e della vita sociale.

Con i libri in cammino
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Albisson, Gérard

Con i libri in cammino

Polimnia Digital Editions, 11/04/2017

Abstract: "Essere accompagnato da un libro, la sua prossimità materiale – per esempio, in certe circostanze, volersi addormentare con lui, tenendolo aperto su di me come se il mio corpo potesse continuarne la lettura – il suo formato, la sua copertina, il titolo, l'edizione. Sia dopo, sia durante il cammino, leggere qualche frase, vedere qualche parola come un nutrimento fisico o psichico, come quello di una preghiera, quello di un versetto di un salmo… per andare là dove la mia avventura mi spingeva, ignorando che cosa sarebbe accaduto. Qualunque fosse il libro scelto, molto spesso facevo l'esperienza di non poter più ritornare indietro, impossibile il dietro-front. I passi avrebbero lasciato delle tracce. E ne hanno lasciate… Bastava che la passeggiata fosse sufficientemente faticosa perché la coniugazione con la lettura prendesse una dimensione quasi angelica. Sensazione misteriosa che ho sperimentato anche dopo lunghe escursioni in bicicletta…".

Mariné
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Boi, Marinella

Mariné

Amico Libro, 17/06/2017

Abstract: IL LIBRO Mariné è un vento tra le pagine di una vita. Un vento che gira le pagine di questo piccolo libro, così come gira le pagine di un'esistenza, quella di Marinella. Vento che scuote, accarezza, disturba. Alito che spazza via le bugie e rende il cielo così terso e azzurro quasi da fare male. Corrente che brucia gli occhi, li fa lacrimare, e asseconda un dolore ancora difficile da abbandonare ma cullato dal ritmo dei giorni. Vento che accarezza e schiaffeggia, amato e odiato, imprevedibile e incontrollabile. Tempesta irriverente nutrita da rabbia e trepidazione a cui è facile abbandonarsi per non ricordare e non soffrire, che mostra conti in sospeso con la vita e che fa verità. Ma è anche brezza da respirare, da assecondare, accogliere, leggera e consolatoria, a cui affidare paure e desideri. Marinella ci regala il suo vento, mostra ancora con timore il suo canto leggiadro e la sua furia pericolosa. È un vento che spettina i capelli anche se sono solo una zazzera corta, che infonde ancora speranza nel cercare cambiamenti sognati e forse realizzabili. È un vento che spettina anche il suo nome, appunto Mariné, essenza che respira e che ama la vita. L'AUTRICE Marinella Boi nasce l'11 agosto del 1959 a Cagliari, da una modesta famiglia operaia che subito dopo si trasferisce a Bologna dove vivrà per circa due anni. Tornata a Cagliari, frequenta le scuole arrivando al diploma di ragioneria che le darà l'opportunità di lavorare come impiegata presso uno studio della sua stessa città. Per la sua grande passione per la scrittura partecipa a vari concorsi letterari e nel 2013 pubblica il suo primo libro: "Racconti in bottiglia-aspettando il maestrale" Oggi, sposata con due figli, lavora ancora come ragioniera, conservando intatta la sua passione per la scrittura, tuffandosi con entusiasmo anche nel mondo della poesia.

Acheminement
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Albisson, Gérard

Acheminement

Polimnia Digital Editions, 03/05/2017

Abstract: Être accompagné d'un livre, sa proximité matérielle – par exemple, en certaines circonstances, s'endormir volontairement avec lui, en le tenant ouvert sur soi, comme si mon corps pouvait en continuer la lecture –, son format, sa couverture, son titre, son édition. Soit avant, soit pendant la marche, lire quelques phrases, voire quelques mots comme nourriture physique ou psychique telle une prière, tel un verset de psaume... pour aller là-bas, là où mon aventure me poussait, ignorant ce qui s'y passerait. Quel que soit le livre retenu, très souvent je faisais l'expérience que je ne pourrais pas revenir en arrière, faire demi-tour. Les pas laisseraient des traces. Ils en ont laissé... Il suffisait que cette promenade soit suffisamment éprouvante physiquement pour que la conjugaison avec la lecture prenne une dimension quasiment angélique, le corps n'ayant plus la même consistance. Sensation mystérieuse que j'ai expérimentée aussi après les longues randonnées à bicyclette...