Entra in MediaLibraryOnLine (MLOL)

Accedi gratuitamente a e-book, quotidiani, riviste, musica e a molte altre risorse consultabili on line, scaricabili liberamente o in prestito elettronico. 

  • Username e password per l'accesso sono le medesime rilasciate con la tessera delle Biblioteche civiche torinesi.  
  • Il prestito degli e-book scaricabili è limitato a 2 (due) al mese solare per utente e ha una durata di 14 giorni.

Leggi la guida all'uso.

CHIUSURA DEL PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO DEGLI E-BOOK
A partire da oggi, 21/12/2016, non e' piu' possibile il prestito degli e-book di altre biblioteche mediante il Prestito Interbibliotecario Digitale (PID).

Cerca un e-book scaricabile da MLOL o sfoglia la lista delle novità

Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Società e scienze sociali

Trovati 1607 documenti.

Mostra parametri
Household safety monitor. Safeguarding your home for your child
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

Household safety monitor. Safeguarding your home for your child

Passerino, 02/01/2018

Abstract: It is often necessary to make changes around the living spaces at home and around the home when there is a new addition to the family in for form of a child. These changes would become necessary mainly from a safety angle as the presence of a child in the equation would require some serious considerations in this particular area. Get all the info you need here.

39 curiosità su Kim Jong-Un
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Passerino Editore

39 curiosità su Kim Jong-Un

Passerino, 05/01/2018

Abstract: Kim Jong-Un, 33 anni, dittatore della Corea del Nord, è il più giovane capo di Stato al mondo, e sicuramente uno dei più eccentrici, dispotici e controversi.   I mini-ebook di Passerino Editore sono guide agili, essenziali e complete, per orientarsi nella storia del mondo.

Guarire con l'ipnotismo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Erskine, Alexander

Guarire con l'ipnotismo

Edizioni Cerchio della Luna, 11/01/2018

Abstract: "Questo libro è il franco resoconto delle mie esperienze nell'arte di guarire con l'ipnosi ed un tentativo di spiegare, con linguaggio il meno tecnico possibile, come e perchè il " subcosciente " può produrre tali risultati. L'ipnosi è un fatto scientifico e non è possibile prevedere dove nuove ed ulteriori ricerche ci condurranno. E impossibile alla mente umana toccare il fondo di questa materia, poiché il " subcosciente " è dell'essenza stessa della vita e comprenderlo intimamente sarebbe forse come svelare il segreto della morte ed acquistare il dominio su di essa. Ma questo libro non è fino a tal segno speculativo, poiché deliberatamente mi sono attenuto ai fatti della mia esperienza ed ho cercato di dimostrare come questa grande scienza possa essere impiegata con facilità da ognuno : uomini, donne e ragazzi."                                                           A.Erskine

La musica che guarisce. Esperienze e considerazioni all'interno dei laboratori di musicoterapia didattica
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Scuccimarra, Tommaso

La musica che guarisce. Esperienze e considerazioni all'interno dei laboratori di musicoterapia didattica

Passerino, 11/01/2018

Abstract: Le definizioni principali, gli aspetti pratici, le esperienze in vivo dei laboratori, le teorie più diffuse della musicoterapia attiva e recettiva ed il relativo percorso di guarigione attivato per mezzo di corpo, suoni, vibrazioni, cervello, mente, nervi, cuore ed emozioni. Tommaso Scuccimarra è nato a Roma (quartiere di Testaccio) il 7 marzo 1971. Sposato e padre di una bambina, vive e lavora a Gaeta, preziosa località turistica in provincia di Latina, mèta ambita ed apprezzata per le sue doti naturali, storiche ed artistiche (tanto da essere soprannominata la "Perla del Tirreno"). Diplomatosi in chitarra classica nel 1998 presso il Conservatorio Statale di Musica "N. Sala" di Benevento e laureando in Filosofia nel 2018 con una tesi su "Carlo Sini e le Arti Dinamiche" presso l'Università di Cassino e del Lazio Meridionale, ha conseguito nel 2016 un master triennale di 600 ore in "Musicoterapia e Arti Terapie Integrate" presso la sede di Roma del circuito Ar.Te.D.O (Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche). Iscritto al C.U.M. – Sanità (Consiglio Unitario Musicoterapisti – Sanità), divide la sua attività professionale tra l'insegnamento dello strumento musicale ai più giovani, la pratica semi-professionale di musicista e quella professionale di esperto in musicoterapia ispirandosi a due modelli, tra loro complementari: quello psico-dinamico che si rifà all'originalissimo concetto di ISO (identità sonora) esplicitato da Rolando Omar Benenzon (tra i massimi esponenti mondiali della musicoterapia "attiva"), e quello psico-fisiologico integrato che si rifà, tra i vari, al concetto di "postura esistenziale" di Vezio Ruggieri.

Istituzioni di tecnologia didattica
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Lazzari, Marco

Istituzioni di tecnologia didattica

Edizioni Studium S.r.l., 12/01/2018

Abstract: Negli ultimi anni le nostre scuole sono state invase dai dispositivi elettronici in maniera a volte indipendente dalla riflessione pedagogica sul loro impatto nei processi di insegnamento e apprendimento. Questo libro parla di strumenti digitali al servizio dell'agire didattico, cercando di evidenziare alcune delle idee chiave a partire dalle quali si può interpretare l'uso di sistemi, metodi e procedure dell'informatica applicati al mondo della scuola. Partendo dunque dal processo di miniaturizzazione della componentistica elettronica, dal quale è derivata l'opportunità di introdurre dispositivi informatici nelle scuole, si esaminano alcuni dei fenomeni di maggiore rilevanza che si sono presentati alla ribalta della riflessione su digitale e didattica, dall'ipertestualità alla multimedialità, dalla reticolarità alla condivisione, discutendone l'impatto, la significatività e la sostenibilità.

L'Italia europea. Dall'unificazione all'unione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bonini, Francesco - Di Maio, Tiziana - Tognon, Giuseppe

L'Italia europea. Dall'unificazione all'unione

Edizioni Studium S.r.l., 15/01/2018

Abstract: Obiettivo di questa ricerca collettiva, promossa dalla Lumsa, è indagare come l'Italia dall'Unificazione sia un attore necessario per il progressivo definirsi dello spazio politico, istituzionale, culturale e sociale europeo, come essa sia influenzata nel suo divenire da questo dato e come a sua volta contribuisca a caratterizzarlo. Il percorso, che implica ma non tematizza il termine ad quem - un termine peraltro mobile e indefinito - dell'Unione europea, è scandito in due periodi. Il primo ha due inizi, il 1848 e il 1861 e arriva al 1912, data di una guerra italiana ed europea, quella di Libia. Il secondo, attraverso due guerre mondiali, arriva fino al 1946, con l'approdo della Repubblica e della Costituente. Al di là di uno stantìo confronto di "modelli", il percorso che si propone in queste pagine vuole offrire elementi per disegnare, a partire da uno specifico percorso, una trama transnazionale. A misura di un'Europa in cui i diversi percorsi nazionali interagiscono in profondità, con modalità ed esiti che è ormai tempo di ricostruire nelle molteplici loro sedimentazioni e dimensioni problematiche e dunque nelle loro prospettive.

Roma e i georgiani. Le relazioni diplomatiche tra la Georgia e la Santa Sede (1992-2017)
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Grdzelidze, Tamar

Roma e i georgiani. Le relazioni diplomatiche tra la Georgia e la Santa Sede (1992-2017)

Edizioni Studium S.r.l., 17/01/2018

Abstract: "Il volume collettivo Roma e i georgiani è dedicato al XXV anniversario delle relazioni diplomatiche tra la Santa Sede e la Georgia. Il materiale presentato ripercorre una storia plurisecolare di relazioni tra Roma e la Georgia che, pur nella eterogeneità del percorso, data almeno dal II secolo a.C fino ad oggi. [...] Nella percezione dei georgiani, storicamente Roma è apparsa sotto vari profili. Il volume comprende episodi della lunga storia delle relazioni tra Roma e il popolo georgiano che vede la storia di Roma attraverso due prismi: l'impero romano e la cattedra episcopale di Roma, collante religioso-culturale della civiltà occidentale. Il volume mira a portare alla conoscenza di un vasto pubblico temi specifici emersi nelle relazioni tra l'impero romano o il patriarcato romano e il popolo georgiano durante i secoli" (dalla Premessa di Tamar Grdzelidze).

Dall'integrazione all'inclusione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Magni, Francesco

Dall'integrazione all'inclusione

Edizioni Studium S.r.l., 18/01/2018

Abstract: La tutela del diritto all'istruzione delle persone con disabilità è al centro dell'attenzione da parte delle istituzioni nazionali ed internazionali ormai da parecchi decenni. Anche nel nostro Paese, così come in numerosi stati membri dell'Unione Europea, l'evoluzione normativa dell'integrazione scolastica degli studenti con disabilità ha subito negli ultimi anni importanti interventi da parte del legislatore e del Ministero dell'Istruzione. Il testo, dopo aver ripercorso le principali tappe dell'evoluzione storica della normativa riguardante l'integrazione scolastica delle persone con disabilità, offre un quadro aggiornato (compresi i recenti decreti attuativi della legge n. 107/2015), delle politiche e della normativa italiana in materia, approfondendo – anche grazie alle più importanti e recenti pronunce giurisprudenziali – il tema dell'integrazione scolastica delle persone con disabilità, dell'inclusione delle persone con Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA), con Bisogni Educativi Speciali (BES) e degli alunni stranieri. Non mancano, inoltre, cenni comparati utili ad allargare lo sguardo sugli altri paesi europei.

Guerre, debiti e democrazia. Breve storia da Bismarck a oggi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Romano, Sergio

Guerre, debiti e democrazia. Breve storia da Bismarck a oggi

Laterza, 12/01/2017

Abstract: Dal Trattato di Versailles al Piano Marshall, la gestione del debito ha rappresentato da sempre uno dei motori fondamentali della politica europea. Sergio Romano, osservatore d'eccezione, ce ne mostra tutta la complessità nell'ultimo secolo e mezzo, evidenziando le interdipendenze tra i Paesi, l'importanza della fiducia reciproca per avviare la ripresa e che cosa abbiamo da imparare dalla nostra storia recente per costruire un futuro migliore. Col Trattato di Versailles, al termine della Grande guerra, la Germania è condannata a pagare in trent'anni 132 miliardi di marchi d'oro. Le conseguenze della miopia dei vincitori emergono presto: una Germania frustrata e indignata diventa il vivaio ideale per la nascita del nazismo. Dopo la Seconda guerra mondiale tutto cambia: il Piano Marshall finanzia la ricostruzione europea e, più tardi, nella conferenza di Londra del '53, i Paesi creditori decidono di cancellare metà del debito tedesco. Ma non esistono solo i debiti di guerra, ci sono anche quelli contratti in tempo di pace. L'Europa degli anni più recenti ha affrontato la questione senza riuscire a dimostrare unità. Il caso del debito greco esplode nel 2009, seguito da una crisi di rapporti greco-tedeschi: la Grecia accusa la Germania di non aver onorato i debiti contratti con la guerra, mentre i tedeschi accusano la Grecia di aver truccato i conti. L'Unione vacilla sotto il peso della crisi. Oggi, per capire le polarizzazioni e i contrasti sulle politiche dell'austerità è fondamentale isolare gli snodi storici che hanno definito i rapporti tra creditori e debitori in Europa. È quello che fa Sergio Romano attraverso gli ultimi centocinquant'anni, sottolineando come la fiducia reciproca tra i popoli abbia svolto una funzione fondamentale per superare i momenti di difficoltà e avviare la ripresa.

Cosa dice il bambino del suo disegno e quale ascolto?
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Brenna, Franca

Cosa dice il bambino del suo disegno e quale ascolto?

Polimnia Digital Editions, 03/01/2017

Abstract: "Un disegno è come un rebus. Fare dei rebus è questo: scrivere. Rebus è una parola che ha origini recenti, risale al Medioevo e gioca con l'equivoco. Ed è a questo equivoco che occorre far ritorno, se si vuole sapere cos'è il disegno di un bambino, se si vuole essere in grado di leggerne qualcosa, invece di accecarsi nel vedere solo ciò che è disegnato". Questa osservazione, fondamentale, di Gabriel Balbo e Jean Bergès, è il filo conduttore degli interventi qui raccolti; alla domanda: come si interpreta il disegno del bambino? – la risposta è che non si interpreta (correndo l'inevitabile rischio di esporsi all'arbitrio), ma si legge proprio come la scrittura di un rebus, la cui chiave di decifrazione non può essere fornita che dalle parole del bambino stesso sui suoi disegni. Abbiamo così la possibilità di orientarci nella ricerca dello sguardo del bambino, nascosto dietro quello che il suo disegno ci dà da vedere.

Memorie di un rivoluzionario
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Kropotkin, Pëtr A. - Signorini, A. (a cura di)

Memorie di un rivoluzionario

Edizioni Immanenza, 06/01/2017

Abstract: "Educato in una famiglia di possessori di servi, come tutti i giovani del mio tempo fui abituato alla necessità di comandare, rimproverare, punire. Ma quando al principio della mia carriera dovetti dirigere imprese importanti e trattare con gli uomini, quando ogni errore avrebbe potuto avere serie conseguenze, incominciai ad apprezzare tutta la differenza che vi è fra l'azione fondata sull'autorità e la disciplina e quella fondata sul principio del mutuo accordo.La prima dà ottimi risultati in una parata militare, ma non vale niente quando si tratta della vita reale e quando lo scopo può solo essere raggiunto per mezzo dello sforzo costante di molte volontà convergenti. Benché allora non formulassi le mie osservazioni nei termini della lotta politica, posso dire però che in Siberia persi tutta la fiducia che avevo avuto fino a quel momento nella disciplina dello Stato. Ero già pronto a diventare un anarchico......La schiavitù volgeva allora alla fine. È storia recente, pare solo ieri, eppure anche in Russia pochi si rendono conto di ciò che era la schiavitù. Si ha generalmente una vaga idea delle pessime condizioni che portava con sé, ma l'effetto morale e intellettuale che essa esercitava sulla persona umana è solo intraveduto. È davvero stupefacente osservare la rapidità con cui si dimentica una istituzione sociale e le sue conseguenze quando esse cessano di esistere, e quanto breve tempo sia necessario poi per mutare gli uomini e le cose."

Emilio o dell'educazione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Rousseau, Jean-Jacques

Emilio o dell'educazione

Edizioni Studium S.r.l., 12/01/2017

Abstract: L'"Emilio", insieme al "Contratto sociale" l'opera più famosa e più diffusa di Jean-Jacques Rousseau, fu pubblicato nel 1762. Trascorsi oltre due secoli, nulla di Rousseau è andato perduto. I temi fondamentali della sua ricerca sono ancora attualissimi; anzi, hanno conosciuto una vitalità straordinaria anche nei nostri anni, quando si è avvertita universalmente la necessità e l'urgenza di difendere la naturalità dell'uomo dalle sovrastrutture che minacciano di soffocarla.

Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Bauman, Zygmunt - Pesce, Oliviero

Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone

Laterza, 19/01/2017

Abstract: La globalizzazione tocca la vita quotidiana e il destino di miliardi di individui. Perciò questi devono avere la possibilità di dire la loro... Zygmunt Bauman coglie con non comune acutezza come il globale finisca sempre per diventare locale e individuale. Luciano Gallino

Lo Stato Etico
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Busatti, Ugo

Lo Stato Etico

Robin Edizioni, 18/01/2017

Abstract: "Uno Stato Etico pone il cittadino al centro della propria azione, spende ogni centesimo raccolto per dare servizi, per rispettare i diritti e la dignità dei cittadini, per rendere questo mondo degno di essere vissuto."Queste poche righe descrivono la sostanza del cambiamento che lo Stato Etico propone. Il mondo è organizzato sulla protezione dei poteri forti, le ramificazioni delle connessioni tra politica, multinazionali, banche ed a volte, mafia sono evidenti. Gli investimenti sempre più importanti degli Stati per mantenere o addirittura accrescere il potere vanno nella direzione opposta a quella per il benessere dei cittadini, ai quali sono riservati sempre meno servizi da parte dello Stato perché troppo occupato a fare business. Lo Stato Etico rifiuta questa logica, e prevede la cura totale del cittadino. Nella sua semplicità, peraltro documentata, la proposta di uno Stato Etico mostra un orizzonte nuovo per tutti coloro che hanno a cuore il futuro delle prossime generazioni, e possibilmente il presente di quelle attuali.

L'assistente sociale tascabile
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Panizzi, Furio - Tedesco, Federica Rita

L'assistente sociale tascabile

Passerino Editore, 18/01/2017

Abstract: Chi è l'assistente sociale? Dove lavora? Cosa fa? Molti cittadini conoscono questa figura attraverso la tv, i giornali e i social, che spesso la etichettano con stereotipi negativi, come "ladro di bambini", "quello che può dare qualche aiuto economico", o "quello che bada agli anziani". Non tutti sanno " che gli assistenti sociali sono agenti di cambiamento nella società e nelle vite degli individui, delle famiglie e delle comunità di cui sono al servizio" (Federazione Internazionale Servizio sociale). Dall'adozione, alla salute mentale, dalla disabilità agli infortuni sul lavoro, molte sono le aree di competenza di un professionista del sociale. Questa breve guida pratica, pensata e creata da due professionisti del settore, Federica Rita Tedesco e Furio Panizzi, vi aiuterà a comprendere quale sia oggi il ruolo del servizio sociale e in che campi trova applicazione. Nota biografica Federica Rita Tedesco, assistente sociale specialista, è una libero-professionista che si occupa di diverse aree sociali. Nel 2016 ha conseguito il Master di II livello in Criminologia e Scienze forensi presso l'Università degli studi di Messina. Si occupa di formazione e di prevenzione nelle scuole. Attualmente collabora con diverse associazioni di volontariato nella provincia di Catanzaro. Furio Panizzi, assistente sociale specialista, ha lavorato per diversi anni in enti pubblici e privati. Attualmente è impiegato presso l'INAIL, dove si presta servizio a favore di persone con disabilità dovuta a infortuni lavorativi e con malattie professionali. Si occupa anche di formazione professionale ed è autore di "L'ottavo passo: guida per assistenti sociali aspiranti formatori", Edizione Luigi Passerino, e "Fare formazione con i giochi d' aula", insieme a Corradina Triberio, Passerino Editore.

I nuovi figli
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Ripa di Meana, Gabriella

I nuovi figli

Polimnia Digital Editions, 21/01/2017

Abstract: Una linea tematica unisce e coagula i tre scritti qui raccolti attorno a un titolo comune – I nuovi figli – scelto nel tentativo di raggiungere una generazione plurima che sembra vivere il proprio tempo in un deserto di simbolico, o meglio in una vera e propria penuria di anima, particolarmente grave per chi cominci ad affacciarsi su una civiltà come l'attuale, che impone la violenza e la confusione di una rinnovata barbarie.Queste pagine, quindi, non hanno la pretesa o l'ingenuità di auspicare l'avvento di una qualche utopia dell'esistere, ma cercano piuttosto di sollecitare il risveglio di quei valori di rispetto, coralità, attenzione, riserbo, incertezza e amore che il nostro tempo commerciante, internautico, performante, smemorato e competitivo ha denigrato e denigra nell'essere umano, a cominciare dalla sua più tenera età.È così che ogni singolo io, dai suoi primi vagiti, si allena all'esercizio del governo, del ricatto, della fretta e dell'appropriazione, imparando in tal modo a sdegnare, fin dall'origine della vita, una delle conquiste più affascinanti e più ardue che ci siano state tramandate dalla teoria e dalla pratica dell'inconscio freudiano. Mi riferisco a quella rivoluzione aspra, ma essenziale, secondo cui l'io non è padrone in casa propria.Sto accennando a una proposizione autenticamente eversiva che se, ai tempi del disagio nella civiltà, è stata certo confutata e anche espiata dai tormenti e dalle controversie di ciascuno, tuttavia oggi, in tempi devastati dall'oltraggio della civiltà, viene da ognuno energicamente liquidata, quando non diffamata e respinta.Così, giovani e non giovani, ci si trova privati fondamentalmente dell'Altro ovvero di quanto ci può rendere ulteriori e può dare respiro simbolico al nostro stare col mondo, nel mondo.Rivolgersi ai figli d'altronde significa anche ripescare, grazie a loro, passato presente e avvenire in un tentativo di coniugazione tra quanto del passato non è ancora accaduto e quanto del futuro chiede al presente di venire sognato e non solo affannosamente anticipato e gestito.

Perspectives actuelles de la formation des psychanalystes
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Nassif, Jacques - Quesito, Franco - Sias, Giovanni

Perspectives actuelles de la formation des psychanalystes

Polimnia Digital Editions, 22/01/2017

Abstract: Réduire les questions d'une praxis analytique au débat sur les  réglementations nationales est inadéquat et devient de plus en plus anachronique, les enjeux soulevés étant joués à l'avance. Telle est la question qui se pose dans les temps que nous traversons en Europe. Rester emprisonnés dans des discours législatifs, à propos de la psychanalyse, et comme cela ressort encore davantage dans le cas italien, c'est la meilleure façon d'arriver à la disparition du psychanalyste et donc de la psychanalyse, étant donné qu'il ne peut pas exister de psychanalyse sans psychanalyste.D'autant plus qu'actuellement les États de la vielle Europe ce donnent le mot pour faire en sorte que la psychanalyse, non seulement ne soit plus permise, mais se voie de plus en plus interdite, d'autant qu'il y a lieu de tenir compte de la renaissance du fascisme en Europe, que l'on peut voir anticipé dès aujourd'hui aux États-Unis.Par ailleurs, la psychanalyse ne peut pas aspirer à être reconnue par l'État ou par la société, si elle ne se réduit pas à une psychothérapie, redevenant ce qu'elle a toujours été : le savoir retrouvé du désir inconscient qui est tragique. Tout ce qu'elle peut donc faire pour son existence dépend des conquêtes d'ordre théorique dont elle pourra  se montrer capable, c'est-à-dire, des activités de recherche auxquelles les psychanalystes peuvent se consacrer pour remettre en jeu leur savoir dans un  discours.Ce livre est le premier témoignage d'un débat théorique qui,  depuis quelques temps, se tient au niveau européen entre les associations membres d'un Inter-Associatif qui se veut de Psychanalyse et qui se dit Européen. Et il en ressort que c'est le pari de la " traduction " et de la rencontre entre les langues qui devient la mesure d'une possible relance de la théorie de la psychanalyse et partant de la formation du psychanalyste. Tout cela implique que l'on s'efforce de reconstruire théoriquement cette discipline, afin de l'extraire de tout ce qui l'a réduite à n'être qu'une forme d'application d'une quelconque technique psychologique, aboutissant, à vrai dire, à en faire une psycho-hygiène sociale.

Prospettive attuali della formazione degli psicanalisti
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Nassif, Jacques - Quesito, Franco - Sias, Giovanni

Prospettive attuali della formazione degli psicanalisti

Polimnia Digital Editions, 21/01/2017

Abstract: Ridurre i temi della prassi analitica alle regolamentazioni nazionali è inade-guato, ed è anacronistico rispetto ai problemi presenti. Questa è la questio-ne in gioco oggi in Europa. Restare imprigionati nel discorso legislativo, a proposito della psicanalisi, come per esempio nel caso italiano, è il modo mi-gliore per arrivare alla scomparsa dello psicanalista, e dunque della psicanali-si che non può esistere senza lo psicanalista.Tanto più che nella vecchia Europa gli Stati sembrano passarsi parola affinché la psicanalisi non solo non sia più consentita ma anche che sia sempre più interdetta, soprattutto tenendo conto della rinascita del fascismo in Europa, che già si vede anticipata nelle attuali legislazioni degli Stati europei.D'altronde, la psicanalisi, non può aspirare a essere riconosciuta dallo Stato o dalla società. Tutto ciò che la psicanalisi può fare per la sua esistenza dipende dalle conquiste teoriche di cui può essere capace, dunque di quelle attività di ricerca di cui gli psicanalisti possono rendersi idonei per rimettere in gioco il loro sapere nel discorso psicanalitico.Questo libro è la prima testimonianza di una discussione teorica che si sta svolgendo da qualche tempo in Europa fra le associazioni aderenti a un Inter-Associatif che si vuole sia di psicanalisi sia europeo. E in cui la scommessa della "traduzione" e l'incontro fra le lingue diventa la misura del possibile rilancio della teoria nella psicanalisi e della formazione degli psicanalisti. Tut-to ciò implica la ricostruzione teorica della psicanalisi onde trarla al di fuori di tutto ciò che l'ha ridotta ad essere l'applicazione di una qualunque tecnica psicologica, ovvero una psico-igiene sociale.

Le politiche sociali del futuro. Appunti di un assistente sociale nell'epoca della digitalizzazione
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Manocchio, Annarita

Le politiche sociali del futuro. Appunti di un assistente sociale nell'epoca della digitalizzazione

Passerino Editore, 24/01/2017

Abstract: "Fare lavoro di servizio oggi significa confrontarsi con bisogni individuali che cambiano continuamente in rapporto alle profonde trasformazioni socio-demografiche in corso. La competenza dell'assistente sociale è particolarmente adatta a interagire con queste situazioni, perché conosce gli assetti istituzionali e sa adeguare la professione alle azioni organizzative necessarie. Il libro di Annarita Manocchio è un esempio interessante di questo stile e modalità di agire. I temi messi in analisi sono svariati: le politiche che mutano in rapporto al mercato; i diversi modelli di welfare (statunitense ed europeo); lo specifico caso italiano caratterizzato dalla complessa interazione fra Stato, Regioni, enti locali; la sostenibilità del sistema in relazione ai bisogni; la mutualità sanitaria come contributo al funzionamento delle cure per la tutela della salute. Tuttavia l'elemento più originale di questo testo è la sistematica analisi delle innovazioni determinate dal Web. L'utilizzo esteso di queste tecnologie influenza profondamente la vita delle persone e si riflette in modo importante sulle istituzioni di servizio. Ecco allora che la metodologia del "lavoro di rete" tipica della cultura del servizio sociale acquista una nuova centralità da adattare al recente contesto." *Paolo Ferrario è Professore emerito di Politiche Sociali alle Università di Venezia Cà Foscari e Milano Bicocca. Attualmente gestisce il blog di ricerca e documentazione Mappeser.com "Sono infinitamente grato ad Annarita per essere riuscita, attraverso la stesura di questo suo libro, a evidenziare con estrema semplicità e chiarezza i punti di forza del progetto S.O.S. La web communication, quale strumento principale della diffusione del nuovo modo di comunicare e "fare" il servizio sociale, ha permesso agli assistenti sociali di aprire una finestra su un nuovo mondo costellato da azioni quali la condivisione, l'interazione e il confronto. La naturale evoluzione di questo passaggio epocale è stata la messa in posa dei primi mattoncini per la costruzione di una vera e propria comunità professionale. Annarita, nel descrivere con dovizia di particolari questo nuovo fenomeno ha avuto la capacità di dar forma in poche pagine l'esatta "vision" del progetto S.O.S. e cioè partire da una micro comunità professionale costituita dai membri dello Staff per generare una grande rete di condivisione professionale dove sviluppare un senso di appartenenza alla famiglia professionale degli assistenti sociali. Grazie Annarita, tutto lo Staff di S.O.S. ti è grato per questo dono che hai voluto offrire a tutti noi"* *Antonio Bellicoso è Assistente sociale specialista, Direttore del Portale di servizio sociale professionale "S.O.S. Servizi Sociali On Line" www.servizisocialionline.it e della prima web radio di servizio sociale in Italia "Web radio S.O.S" www.webradiosocialwork.it, già Consigliere CROAS Lombardia, formatore autorizzato CNOAS ed esperto di web communication e servizio sociale. Annarita Manocchio, assistente sociale specialista vive in Molise si occupa di formazione e web communication collaboratrice senior del portale www.sosservizisocialionline.it

Il manuale degli aforismi. Manuale per formatori, counselor e coach
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Manocchio, Annarita

Il manuale degli aforismi. Manuale per formatori, counselor e coach

Passerino Editore, 24/01/2017

Abstract: "Il nome del libro nasce da un'idea, un'ispirazione; un pensiero che racchiude le varie porte che apriamo nella nostra mente durante il nostro cammino, il nostro sentiero di vita. Molti grandi uomini hanno deciso di lasciare aperte queste porte con memorabili aforismi! Nella propria attività di formatori, coach e counselor, ma anche assistenti sociali, educatori, insegnanti, medici, psicologi e chiunque svolga una professione di aiuto è importante poter avere una banca dati di frasi d'autore da citare al momento giusto. Gli aforismi e le citazioni raccolgono quella saggezza popolare o anche professionale e tecnica che al momento giusto più di mille parole e discorsi può riassumere una data verità. Ogni bravo oratore, (che si tratti di formatore, coach, psicologo / counselor, assistente sociale, educatore) nel momento in cui appronta le sue lezioni, deve poter attingere ad una ampia scelta di frasi motivazionali o frasi metafora al fine di aiutare il singolo cliente/ utente od una intera platea ad apprendere più velocemente un concetto, una nozione, un principio. Il libro che hai tra le mani vuole essere una sorta di scrigno segreto che all'occorrenza puoi aprire o per auto motivarti nella tua crescita personale e professionale o per farlo con gli altri sia che ti trovi ad operare con gruppi o singoli nel tuo studio professionale" - [dalla Prefazione di Furio Panizzi, assistente sociale specialista, ha lavorato per diversi anni in enti pubblici e privati. Attualmente è impiegato presso l'INAIL, dove si presta servizio a favore di persone con disabilità dovuta a infortuni lavorativi e con malattie professionali. Si occupa anche di formazione professionale ed è autore di "L' ottavo passo: guida per assistenti sociali aspiranti formatori", Edizione Luigi Passerino, e "Fare formazione con i giochi d' aula", insieme a Corradina Triberio, Passerino Editore] "Una parola delicata, uno sguardo gentile, un sorriso bonario possono plasmare meraviglie e compiere miracoli" (William Hazlitt) Annarita Manocchio, assistente sociale specialista vive in Molise si occupa di formazione e web communication collaboratrice senior del portale www.sosservizisocialionline.it