Includi: tutti i seguenti filtri
× Biblioteca 01 - Civica centrale
× Lingue Italiano
× Livello Monografie
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Tutto testo Libro parlato Prestito riservato agli utenti con disabilità di lettura
× Nomi *Touring *club *italiano
× Data 2008

Trovati 277522 documenti.

Risultati da altre ricerche: TorinoReteLibri

Il giardino francese alla corte di Torino (1650-1773)
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cornaglia, Paolo

Il giardino francese alla corte di Torino (1650-1773) : da André Le Nôtre a Michel Benard / Paolo Cornaglia

Firenze : Leo S. Olschki, 2021

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Il rifugio
0 0 0
Materiale linguistico moderno

French, Tana

Il rifugio / Tana French ; traduzione di Alfredo Colitto

Torino : Einaudi, 2021

Abstract: Cosa c'è di più sicuro di casa tua? E di chi puoi fidarti, se non di chi ami? Patrick Spain e i suoi due bambini vengono ritrovati morti in un complesso residenziale mezzo abbandonato per colpa della crisi. Jenny, la madre, è in fin di vita. All'inizio Mick «Scorcher» Kennedy, incaricato delle indagini, pensa alla soluzione piú scontata: un padre sommerso dai debiti, travolto dalla recessione, ha tentato di uccidere i propri cari e si è tolto la vita. Ma ci sono troppi elementi che non quadrano: le telecamere nascoste nell'appartamento, i file cancellati su uno dei computer e il fatto che Jenny temesse che qualcuno fosse entrato in casa loro per spiarli. A complicare il quadro, c'è il quartiere in cui vivevano gli Spain - un tempo noto come Broken Harbour - che riporta a galla ricordi dolorosi del passato di Scorcher.

Il re ombra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mengiste, Maaza

Il re ombra / Maaza Mengiste ; traduzione di Anna Nadotti

Torino : Einaudi, 2021

Abstract: Lei è Hirut, figlia di Fasil e Getey, una ragazzina spaurita in balia di un sistema patriarcale che la vuole schiava. Ma quando i venti di guerra contro gli invasori italiani cominciano a infuriare sulle alture, Hirut, figlia di Fasil e Getey, diventa la temuta guardiana del Re Ombra: come le sue sorelle d'Etiopia ora è un soldato, che non ha più alcun timore di ciò che gli uomini possono fare a donne come lei. «1974, Addis Abeba: "È venuta a piedi e in corriera, attraversando luoghi che per quasi quarant'anni aveva scelto di dimenticare. È in anticipo di due giorni ma lo aspetterà..." Inizia così, con la paziente attesa di Hirut nella stazione ferroviaria della capitale etiope sull'orlo di una nuova rivolta, il lungo flashback con cui Maaza Mengiste ci conduce ai giorni dell'occupazione voluta da Mussolini nel 1935 e portata avanti con inaudita violenza malgrado i richiami della Società delle nazioni. Quando, il primo marzo 1936, l'imperatore Hailé Selassié, al comando del suo esercito, viene sconfitto a Mai Ceu e costretto all'esilio, sugli altopiani e nei villaggi dell'intero paese le donne e gli uomini etiopi organizzano una resistenza vittoriosa, combattendo battaglie il cui clamore rimanda agli epici scontri dell'Iliade. Tutto avviene secondo le regole talora cruente di una società feudale che vanta però un'antica indipendenza e una solida tradizione militare. Il re è salito su un treno che lo sta portando fuori dal suo paese, ma sui crinali dei colli appare il profilo conosciuto e amato del sovrano. È un inganno? Un miraggio? Forse è il potere dell'ombra, che restituisce ai sudditi fiducia e coraggio. Maaza Mengiste allestisce un doppio palcoscenico: sulle alture, agli ordini del nobile Kidane, si organizzano gli irriducibili combattenti etiopi, Aklilu, Seifu, Aster, Hirut, Fifi, la cuoca e innumerevoli altri; mentre sul terrazzamento a strapiombo sulla valle il colonnello Fucelli fa costruire la base italiana dove si fronteggiano opposte concezioni dell'onore e del coraggio, e si sperimenta con inquietante coerenza come una forma d'arte possa diventare un'arma. Nelle fotografie scattate da Ettore Navarra, il soldato ebreo cui viene dato l'ordine sadico e pornografico di immortalare esecuzioni e nudi femminili, leggiamo insieme talento e crudeltà, obbedienza e indifferenza a se stesso. Incrinate, l'una e l'altra, dal coraggio intelligente di Hirut, che si sottrae al ruolo di vittima del suo obiettivo per assumere quello di testimone e poi custode di un archivio d'immagini che raccontano la Storia e la rettificano.» (Anna Nadotti)

Bestiario nazista
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Mohnhaupt, Jan

Bestiario nazista : gli animali nel Terzo Reich / Jan Mohnhaupt ; traduzione di Claudia Acher Marinelli

Torino : Bollati Boringhieri, 2021

Abstract: Possono gli animali spiegare la bestialità del potere? In questo saggio, lo storico tedesco Jan Mohnhaupt scopre un capitolo trascurato della storia del nazionalsocialismo, quello degli animali nella vita quotidiana e nell'ideologia della dittatura. Fonti e documenti per lo più inediti raccontano il modo in cui la propaganda utilizzava gli animali per sostenere la superiorità ariana e fomentare l'odio razziale, fra uomini che diventano bestie, bestie assurte a uomini, animali padroni e animali schiavi. Le aberrazioni naziste vengono analizzate attraverso la lente di una categoria animale: dal lupo come principio totemico ai leoni di Göring, dai gatti «infedeli quanto gli ebrei» fino ai maiali dominatori, dai milioni di cavalli impiegati sul fronte orientale fino ai coleotteri utilizzati come arma bellica. Diari, manuali scolastici, riviste d'epoca mostrano la glorificazione dei bachi da seta, che dovevano sostenere la produzione tessile del Reich, e quella dei cervi, simbolo della primigenia foresta germanica, mentre pidocchi e pulci venivano raffigurati con i colori delle bandiere nemiche. Questo tema storiografico offre un'originale chiave di lettura che fa emergere aspetti poco conosciuti della persecuzione razziale. Mohnhaupt, inoltre, sfata il mito ancora in voga del nazismo come ideologia «animalista», portando alla luce le sue folli contraddizioni. In queste pagine, molto intense eppure mai scabrose, si dispiega tutta l'assurdità del potere insieme alle insidie, sempre in agguato, del suo linguaggio. Una riflessione che ci porta fino ai nostri giorni.

Il demone a Beslan
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Tarabbia, Andrea

Il demone a Beslan : romanzo / Andrea Tarabbia

Torino : Bollati Boringhieri, 2021

Medioevo marinaro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Musarra, Antonio <1983- >

Medioevo marinaro : prendere il mare nell'Italia medievale / Antonio Musarra

Bologna : Il mulino, 2021

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Nel Medioevo, il Mediterraneo era un mare malnoto e inquietante. Nondimeno, gli uomini ne costeggiavano le sponde e lo attraversavano in ogni direzione. Un mondo viveva su e per il mare. Ma come? Con la sua documentata narrazione, Antonio Musarra riporta in luce ogni aspetto di quel Medioevo marinaro: la rete diffusa dei porti e degli attracchi; i mestieri centrati sull'attività portuale, pesca compresa; i diversi tipi di naviglio; la formazione degli equipaggi in pace e in guerra; l'organizzazione della vita quotidiana a bordo; le tecniche di navigazione e gli strumenti per orientarsi; la legislazione marittima; le battaglie, la pirateria. Per concludere con una panoramica della conflittualità mediterranea, e un approfondimento sulle navigazioni esplorative compiute nell'Atlantico.

L'acqua del lago non è mai dolce
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Caminito, Giulia

L'acqua del lago non è mai dolce / Giulia Caminito

Firenze ; Milano : Romanzo Bompiani, 2021

La poltrona della SS
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lee, Daniel <1983- >

La poltrona della SS : sulle tracce di una vita nascosta / Daniel Lee ; traduzione di Fiorenza Conte

Milano : Nottetempo, 2021

Apeirogon
0 0 0
Materiale linguistico moderno

McCann, Colum

Apeirogon / Colum McCann ; traduzione di Marinella Magrì

Milano : Feltrinelli, 2021

Abstract: Bassam Aramin è palestinese. Rami Elhanan è israeliano. Il conflitto colora ogni aspetto della loro vita quotidiana, dalle strade che sono autorizzati a percorrere, alle scuole che le loro figlie, Abir e Smadar, frequentano, ai checkpoint. Sono costretti senza sosta a negoziare fisicamente ed emotivamente con la violenza circostante. Come l'Apeirogon del titolo, un poligono dal numero infinito di lati, infiniti sono gli aspetti, i livelli, gli elementi di scontro che vedono contrapposti due popoli e due esistenze su un'unica terra. Ma il mondo di Bassam e di Rami cambia irrimediabilmente quando Abir, di dieci anni, è uccisa da un proiettile di gomma e la tredicenne Smadar rimane vittima di un attacco suicida. Quando Bassam e Rami vengono a conoscenza delle rispettive tragedie, si riconoscono, diventano amici per la pelle e decidono di usare il loro comune dolore come arma per la pace. Nella sua opera più ambiziosa, Colum McCann crea Apeirogon con gli ingredienti del saggio e del romanzo, e ci dona un racconto nello stesso momento struggente e carico di speranza.

Una donna in guerra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Costantini, Roberto <1952- >

Una donna in guerra : romanzo / di Roberto Costantini

Milano : Longanesi, ©2021

Sparta e Atene
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cantarella, Eva

Sparta e Atene : autoritarismo e democrazia / Eva Cantarella

Torino : Einaudi, 2021

Abstract: Una rilettura della rivalità tra due potenze del mondo antico che, nel corso dei secoli, sono diventate punti di riferimento per filosofi, politici, sociologi e rivoluzionari. Due città che, ancora oggi, rappresentano modelli di Stato ideali e contrapposti. Da un lato un ordinamento democratico, innovativo, aperto agli scambi e al commercio; dall'altro un mondo chiuso, conservatore, ispirato a valori di tipo militare in nome dei quali i cittadini accettavano con orgoglio le restrizioni delle libertà individuali. È così che sono sempre state descritte Sparta e Atene, ma come distinguere la realtà dalla rappresentazione? Dopotutto le due poleis erano nate dalla stessa cultura, parlavano la stessa lingua, onoravano gli stessi dei. Avevano combattuto fianco a fianco contro un comune nemico, i Persiani, prima di trasformarsi da alleate in nemiche. Partendo dal racconto di questo antagonismo, con un'attenzione speciale alle istituzioni sociali oltre che politiche - in particolare alla formazione del cittadino e alla condizione femminile -, Eva Cantarella approda al «riuso», operato da parte della cultura occidentale, di due sistemi che, di volta in volta, sono stati invocati tanto da chi aspirava a fondare uno Stato democratico, tanto da chi voleva dar vita a uno Stato autoritario, totalitario, tirannico.

I cambiamenti nel mondo tra 20. e 21. secolo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barbagallo, Francesco <1945- >

I cambiamenti nel mondo tra 20. e 21. secolo / Francesco Barbagallo

Bari ; Roma : Laterza, 2021

Una sirena a settembre
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De_Giovanni, Maurizio

Una sirena a settembre / Maurizio De Giovanni

Torino : Einaudi, ©2021

Abstract: Nella città della Sirena le cose non sono mai come sembrano. Una doppia sfida per Mina Settembre, l'irresistibile assistente sociale del Consultorio Quartieri Spagnoli Ovest. Accadono due fatti. Due fatti che appaiono chiari, eppure a Mina i conti non tornano. Un'anziana viene scippata, cade e finisce in coma. Sin qui nulla di strano, purtroppo; è la soluzione del caso, il modo in cui arriva, a non convincere. E convince poco pure il secondo episodio, una scena di povertà estrema mandata in onda da una televisione locale: un bambino che si contende del cibo con un cane fra montagne di spazzatura. No, a Mina i conti non tornano proprio. Così, con l'aiuto dell'innamoratissimo Mimmo Gammardella, il ginecologo più bello dell'universo, e a dispetto del suo caustico ex marito, il magistrato Claudio De Carolis, decide di indagare. Solo che deve stare attenta, perché di mezzo, in questa vicenda, ci sono parecchie sirene, e le sirene, si sa, incantano. Per fortuna, a far da guida tra inganni e malintesi, c'è la Signora, straordinario personaggio che attraversa tutto il romanzo, una delle invenzioni più poetiche nate dalla fantasia di Maurizio de Giovanni.

Vivida mon amour
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Vitali, Andrea <1956- >

Vivida mon amour / Andrea Vitali

Torino : Einaudi, 2021

Abstract: Anni Ottanta, in una cittadina sulle rive di un lago del Nord Italia, al confine con la Svizzera: un aspirante medico condotto si invaghisce di una misteriosa ragazza incontrata a una festa. Per un dottorino neolaureato, con le tasche vuote, dedicarsi a un corteggiamento serrato può risultare oneroso e parecchio frustrante. Soprattutto se la donna dei propri sogni si rivela un tipo complesso, una «bisbetica indomabile» refrattaria alla poesia, benestante ma poco incline a spendere e che regge l'alcol come un carrettiere. Ad aggiungere imbarazzi e malintesi, il nome della giovane non è ben chiaro: Viviana, no Vivìna, anzi Vìvina... Vìvida! Meglio evitare di pronunciarlo. Tra incontri carichi di aspettative - e che ogni volta sembrano trasformarsi in addii - costose peregrinazioni fra malinconici paesi lacustri, goffaggini e incomprensioni, per i due, tanto diversi, ci sarà un lieto fine?

Le vite nascoste dei colori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Imai Messina, Laura

Le vite nascoste dei colori / Laura Imai Messina

Torino : Einaudi, 2021

Abstract: Nero mezzanotte con una punta di luna, indaco che sa di mirtillo, giallo della pesca matura un attimo prima che si stacchi dal ramo: Mio sa cogliere e nominare tutti i colori del mondo. Ha appreso l'arte dei dettagli invisibili guardando danzare ago e filo sui kimono da sposa, e ora i colori sono il suo alfabeto, la sua bacchetta magica, il suo sguardo segreto. Aoi, invece, accompagna le persone nel giorno più buio: lui prepara chi se ne va e, allo stesso modo, anche chi resta. Conosce i gesti e i silenzi della cura. All'inizio sembra l'amore perfetto, l'incanto di chi scopre una lingua comune per guardare al di là delle cose. Ma il loro incontro non è avvenuto per caso. Laura Imai Messina torna al romanzo con una storia luminosa e potente come un talismano, che ha il dono di guarire tutte le ferite. Comprese quelle dell'anima.

Quel che resta di Baudrillard
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Latouche, Serge

Quel che resta di Baudrillard : un'eredità senza eredi / Serge Latouche ; traduzione di Fabrizio Grillenzoni

Torino : Bollati Boringhieri, 2021

Il sogno del cavaliere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rossi Precerutti, Roberto

Il sogno del cavaliere / Roberto Rossi Precerutti

Torino : Neos, stampa 2021

Diritto costituzionale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bifulco, Raffaele

Diritto costituzionale : estratto / Raffaele Bifulco

Torino : Giappichelli, 2021

L'inquinamento elettorale
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bruni, Pierpaolo

L'inquinamento elettorale : il mercimonio del voto con riferimento ai reati contro la pubblica amministrazione e alle collusioni politico-mafiose : aspetti penalistici / Pierpaolo Bruni

Torino : Giappichelli, 2021

Abstract: Il presente lavoro ha ad oggetto l’esame dei riflessi penalistici di quelle condotte che alterano e condizionano in modo patologico la libertà di espressione del voto democratico. In particolare quando il voto viene espresso a seguito di illecite forme di mercimonio o addirittura procacciato con modalità mafiose, si genera un gravissimo vulnus alla libertà di espressione della volontà popolare. Ed invero, allorché il pubblico ufficiale “si pone in vendita” nei termini anzidetti, il voto costituisce giuridicamente “utilità” ai sensi degli artt. 318 e 319 c.p., ipotesi quindi di corruzione ancora più grave del tradizionale scambio di danaro contro uno specifico atto amministrativo. Infatti, con riferimento alle collusioni qui in esame, si determina un asservimento costante e duraturo nel tempo della pubblica funzione rispetto ad interessi illeciti, talora mafiosi, antitetici rispetto all’interesse pubblico. Per tale ragione la scelta del titolo è caduta su “l’inquinamento elettorale”. Sono state esaminate, quindi, sotto tale profilo, gli aspetti penalistici afferenti accordi collusivi di corruzione codicistica, elettorale, i patti tra politici e le organizzazioni mafiose e le condotte di “estorsione e frode elettorale”. Ci si è infine soffermati sulla c.d. legge Lazzati che sanziona il divieto di svolgimento di propaganda elettorale per le persone sottoposte a misure di prevenzione e punisce, altresì, il candidato che di tale attività si avvalga. A tal proposito si è sottolineato come la norma, così come concepita, risulta essere di difficile applicazione.

Capacità del consumatore e funzionamento del mercato
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Barba, Angelo <1963- >

Capacità del consumatore e funzionamento del mercato : valutazione e divieto delle pratiche commerciali / Angelo Barba

Torino : Giappichelli, 2021

Abstract: La disciplina della concorrenza all'interno del mercato tutela e garantisce il diritto di iniziativa economica rimuovendo gli ostacoli che anche solo di fatto impediscono, restringono o falsano l' esistenza e la possibilità di funzionamento della capacità-potere di autodeterminazione (l'architettura della scelta). La disciplina delle pratiche commerciali sleali regola, invece, il concreto funzionamento della capacità-potere di autodeterminazione economica della persona. Tutela e garantisce la capability esistente, ossia la capacitazione in concreto della persona (soggetto) di assumere una consapevole decisione di natura commerciale, sia dal lato dell'offerta (impresa) che dal lato della domanda (consumo).