Includi: tutti i seguenti filtri
× Biblioteca 01 - Civica centrale
× Lingue Greco classico (fino al 1453)
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Tutto testo Libro parlato Prestito riservato agli utenti con disabilità di lettura
× Data 2004
× Paese Francia
× Lingue Francese

Trovati 1186 documenti.

Apocalisse di Giovanni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Apocalisse di Giovanni / introduzione, traduzione e commento di Daniele Tripaldi

Roma : Carocci, 2012

1: Ethnika anthropina
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Eulyros

1: Ethnika anthropina : liste di manoscritti greci (1848-1864) / Eulyros di Cefalonia

Bari : Edizioni di Pagina, 2012

Fa parte di: Artemidorus <pseudo->. Opere greche / Costantino Simonidis

Lettera sulla felicità
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Epicurus

Lettera sulla felicità / Epicuro ; a cura di Angelo Pellegrino

Torino : Einaudi, 2012

Abstract: L'uomo che vive con l'animo sereno è paragonato da Epicuro a colui che, al sicuro sulla terraferma, osserva con distacco il mare in tempesta. Questa è l'immagine epicurea della felicità, che ben rappresenta quale sia lo scopo ultimo della filosofia: procurare piacere all'uomo, allontanandolo dal mare in tempesta delle false ansie, dei timori e dei cattivi pensieri e, soprattutto, distogliendolo dalle acque agitate dei desideri irrealizzabili. Per afferrare il vero piacere, quello che porta alla felicità, non servono infatti chissà quali ricchezze: basta imparare ad allontanare la sofferenza e vivere del necessario. Saremo così liberi dai falsi bisogni, felici di ciò che abbiamo, capaci di affrontare la sorte e, nel caso arrivi di più, pronti ad apprezzarlo. La traduzione di Angelo Pellegrino, condotta con rigore filologico, è accompagnata da una puntuale introduzione ­ che ricostruisce la figura di Epicuro e il significato della sua opera ­ e da altri celebri testi epicurei, che sono stati sovente ripresi anche dalla mistica cristiana: le Massime Capitali, il Gnomologium Vaticanum Epicureum e la Vita di Epicuro.

Epitome: Spagna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Artemidorus <pseudo->

Epitome: Spagna : il geografo come filosofo / Pseudo-Artemidoro ; a cura di Luciano Canfora

Roma : Padova : Antenore, 2012

Abstract: La paternità del 'Papiro di Artemidoro': storia di un falso moderno. Del testo in lingua greca che qui viene presentato si è cominciato a parlare fra i papirologi nei primi anni Novanta, quando il manufatto apparteneva a un collezionista tedesco; nel 1998 Gallazzi e Kramer pubblicarono una prima dettagliata descrizione dell'oggetto che fu ritenuto risalente a un'epoca che va dal I secolo a.C. al I d.C e attribuito ad Artemidoro. Lo storico dell'arte Salvatore Settis ha altresì sostenuto l'autenticità del papiro. Lo studio di Canfora mette in luce in modo essenziale dei dati di fatto che impongono invece le due seguenti conclusioni: a) il cosiddetto papiro di Artemidoro è un falso moderno, costruito ovviamente con materiali antichi; b) l'autore del falso è Costantino Simonidis (1820-1890 circa). A giudizio di Canfora, occorre considerare due questioni. La prima è che il papiro non può essere di Artemidoro, come ritengono Gallazzi e Kramer, poiché lo impediscono una lingua greca molto lontana dagli usi e dal lessico propri del II/I secolo a.C. e diverse contraddizioni fattuali che possono essere spiegate solo alla luce di evoluzioni posteriori delle conoscenze geografiche. La seconda questione è che la cronologia del testo è molto tarda ed è incompatibile con il fatto che quello si trovi su un rotolo di papiro, una forma di libro che fu presto soppiantata dal codice di pergamena.

L'immaginario e il simbolico nell'uomo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Filippi, Francesca

L'immaginario e il simbolico nell'uomo : il commentario di Proclo all'Alcibiade primo di Platone / Francesca Filippi ; presentazione di Evanghélos Moutsopoulos

Milano : V&P, 2012

Abstract: Se, nelle parole di Hegel, ¡I Neoplatonismo rappresenta l'espressione più compiuta del pensiero antico e di tale espressione Proclo (412-485 d.C), successore di Platone alla guida dell'Accademia di Atene, ha elaborato la versione più raffinata, articolata e sistematica, nella dottrina proclusiana è la filosofia antica nella sua interezza a essere chiamata in causa, valorizzata nelle proprie acquisizioni fondamentali e rinsaldata in una visione unitaria e insieme multiprospettica del proprio oggetto speculativo. Nel Commentario all'Alcibiade primo il Diadoco tratta dell'essenza dell'uomo e dell'identità autentica che questi è chiamato a elaborare dando vita a un complesso processo di auto-costituzione, che si configura sempre nei termini di un itinerario di conversione dell'anima a se stessa e all'ipostasi che la determina. Con quest'opera Proclo recupera e radicalizza le tesi antropologiche dei propri predecessori, suggerendo un'interpretazione sorprendentemente attuale del Conosci te stesso: l'io autentico in cui l'uomo deve riconoscersi è l'esito della ricostituita relazione tra l'ordine dell'Immaginario, con cui l'anima umana coincide per essenza, e l'ordine del Simbolico, dal quale essa è determinata nel proprio statuto di coscienza riflettente. Presentazione di Evanghélos Moutsopoulos.

Iliade
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Homerus

Iliade / Omero ; traduzione di Guido Paduano ; saggi introduttivi di Guido Paduano e Maria Serena Mirto ; commento di Maria Serena Mirto ; illustrazioni originali di Luigi Mainolfi

Torino : G. Einaudi, 2012

Abstract: La traduzione dell'Iliade di Guido Paduano è uscita nel 1997 nella Biblioteca della Plèiade. Da allora i versi ben ritmati e calibrati (Giovanni Giudici) di questa versione hanno conseguito numerosi apprezzamenti. I grecisti hanno potuto lodare la fedele riproduzione dello stile epico omerico, comprensivo delle espressioni stereotipate, le formule fisse ripetute in situazioni analoghe che danno un senso cosi fortemente unitario al poema. Gli attori hanno potuto sperimentare la pronunciabilità di un linguaggio dalle sonorità mai troppo facili e dal ritmo incalzante. Non è un caso che la versione di Paduano sia stata scelta per la lettura integrale che è stata fatta nel 2007 a Roma in dieci serate nella Basilica Ulpia al Foro di Traiano, con alcuni fra i migliori attori italiani fra i quali Massimo Popolizio e Umberto Orsini. Dunque una versione relativamente giovane, ma già consacrata come classica e attuale nello stesso tempo. Viene qui riproposta in questo Millennio insieme al commento di Maria Serena Mirto (una grande impresa, sempre Giudici), che già l'accompagnava nella Plèiade. E con le sculture realizzate per l'occasione da Luigi Mainolfi, artista che proprio in questa collana aveva illustrato la versione di Paduano dell'Odissea, a costituire un dittico editoriale di consolidata affinità.

Ippia maggiore
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plato

Ippia maggiore ; Ippia minore ; Ione ; Menesseno / Platone ; a cura di Bruno Centrone ; traduzione e note di Federico M. Petrucci

Torino : G. Einaudi, 2012

Abstract: I quattro dialoghi che costituiscono la settima tetralogia di Platone, pur non essendo tra i più famosi, presentano molteplici motivi di interesse, L'Ippia maggiore indaga una nozione fondamentale, il bello (kalón), concludendo in maniera aporética. L'Ippia minore, anch'esso aporético, affronta temi socratici legati alla questione dell'involontarietà del male. Lo Ione, che vede protagonista un rapsodo interprete di Omero, tratta il tema della poesia come ispirazione divina e delle sue pretese di costituirsi come un'arte. Il Menesseno, orazione funebre per i caduti in guerra, costituisce, in quanto prestazione retorica, un unicum nel corpus platonico. In passato ridotti al rango di satire scherzose prive di contenuto filosofico, questi dialoghi sono stati variamente riconsiderati dalla critica nell'ultimo cinquantennio. Una valutazione adeguata della loro importanza dipende in gran parte dalla possibilità di inquadrarli nel complesso della filosofia platonica. A questo proposito entrano in gioco criteri ermeneutici relativi al modo in cui leggere Platone, su cui da sempre ha luogo lo scontro tra interpretazioni contrapposte. I dialoghi qui considerati risultano interessanti non solo per i loro contenuti strettamente teorici, ma anche in quanto elementi essenziali di un più ampio progetto, filosofico-pedagogico e letterario, in cui si dispiega compiutamente l'arte drammatica di Platone.

3: La Costituzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

3: La Costituzione / morfologia e commento di Paolo Carafa, Mario Fiorentini e Ugo Fusco

[Milano] : Fondazione Lorenzo Valla : A. Mondadori, 2011

Fa parte di: La leggenda di Roma / a cura di Andrea Carandini ; traduzioni di Lorenzo Argentieri

Abstract: Attorno alle origini di Roma esiste una complessa, affascinante leggenda che l'opera della Fondazione Valla intende ricostruire su basi nuove. Essa si articola in quattro volumi (il primo uscito nel 2006; il secondo nel 2010; il quarto - La morte di Tifo Tazze e la fine di Romolo - previsto per il 2012) e offre al lettore un'ampia raccolta di fonti (annalistiche, antiquarie e poetiche; da Esiodo ai Padri della Chiesa) divise per mitemi o unità mitiche fondamentali, e analizzate comparativamente alla ricerca dei motivi canonici fissati dalla tradizione e di una stratigrafia del mito confrontata con gli scavi archeologici. Se il secondo volume, ripercorrendo le vicende del ratto delle sabine e della conseguente guerra romano-sabina, si concludeva con la riconciliazione fra i due popoli e la creazione di uno stato comune, il terzo volume è dedicato in maniera specifica e approfondita alla costituzione, che della vita comune è il fondamento: organizzazione civica ed esercito, divisione dei poteri e spartizione del territorio, e poi feste e costumi, riti, leggi e istituzioni che dagli eventi narrati traggono la loro origine.

Poeti greci
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Poeti greci : da Omero al 6. secolo d.C. / traduzione e introduzione di Vincenzo Guarracino

Milano : Dalai, 2011

Abstract: Epica, lirica, epigrammatica, satirica, elegiaca, tragica, comica, filosofica, la poesia dell'antica Grecia dispiega il ventaglio di tutte le sue possibilità e risorse espressive. Gli eroi e gli dèi di Omero e di Esiodo; i canti di guerra di Tirteo e l'irriverenza dissacratrice di Archiloco; gli amori e le passioni di Mimnermo e di Saffo; la convivialità di Alceo, Anacreonte e Asclepiade e la perizia di Stesicoro, Ibico e Callimaco; l'espressionismo di Ipponatte e la potenza di Simonide; i versi corali di Bacchilide, quelli arditi e sublimi di Pindaro e quelli filosofici di Pitagora, Empedocle e Parmenide, di Platone e di Aristotele; i personaggi tragici di Eschilo, Sofocle ed Euripide e quelli comici di Aristofane; i versi bucolici di Teocrito e di Mosco e quelli figurati di Simia e Dosiada; gli epigrammi sepolcrali di Leonida e di Crinagora, quelli amorosi di Meleagro, quelli erotico-conviviali di Marco Argentario e quelli efebici di Stratone; la raffinatezza di Anite, Proclo e di Paolo Silenziario. Renato Serra diceva che abbiamo onorato nei greci la parte migliore di noi stessi, fissandoli in una nuova neoclassicità; ma quello che oggi ci affascina di più della Grecia, ciò che ne fa una provincia del nostro mondo morale, è il paradosso della sua imperfezione, la sua sostanza enigmatica, quella che Dino Campana meglio di altri sembra aver colto nel sorriso arcaico ed eleusino della Chimera.

La rivelazione segreta di Ermete Trismegisto / a cura di Paolo Scarpi. Vol. 2
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La rivelazione segreta di Ermete Trismegisto / a cura di Paolo Scarpi. Vol. 2 / a cura di Paolo Scarpi

[Milano] : Fondazione Lorenzo Valla : A. Mondadori, 2011

Fa parte di: Hermes : Trismegistus. La rivelazione segreta di Ermete Trismegisto / a cura di Paolo Scarpi

Aristide
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plutarchus

Aristide ; Catone / Plutarco ; introduzione [a Aristide! di Emma Luppino Manes ; traduzione [di Aristide! di Claudia Mazzei ; note [a Aristide! di Simona Ciccone ; introduzione [a Catone! di Barbara Scardigli ; traduzione [di Catone! di Lucia Ghilli ; note [a Catone! di Chantal Gabrielli e Barbara Scardigli ; con contributi di Barbara Scardigli e Mario Manfredini

Milano : BUR Rizzoli, 2011

Fa parte di: Plutarchus. Vite parallele / Plutarco

Abstract: Il confronto tra Aristide e Catone, accomunati dall'essere diventati uomini politici esclusivamente per virtù e non per ricchezza, serve a Plutarco per uno scopo eminentemente morale: mostrare la lotta tra la virtù e il vizio per come si è manifestata nella storia delle vicende umane. Questo volume costituisce un ulteriore passo verso il completamento dell'opera di Plutarco in BUR.

Fedone
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plato

Fedone / Platone ; a cura di Franco Trabattoni ; traduzione di Stefano Martinelli Tempesta

Torino : Einaudi, 2011

Abstract: Il grande filologo e filosofo tedesco Paul Natorp ha definito il Fedone un monumento a Socrate. Ma in realtà il Fedone, dialogo in cui Platone ricostruisce a modo suo l'ultimo giorno di vita di Socrate e le conversazioni intercorse in quest'occasione, è molto più di questo: è un monumento alla filosofia. È un invito rivolto a tutti gli uomini, accattivante nei modi ma perentorio nella sostanza, a incamminarsi lungo la via della ricerca, nella consapevolezza che la cura dell'anima, la preoccupazione affinché diventi saggia quanto possibile, è l'unico modo di vivere davvero rispettoso della natura umana, dei suoi desideri e dei suoi bisogni. Forse l'aspetto più stupefacente in quest'opera è proprio l'indissolubile intreccio tra vita e filosofia, espresso in modo esemplare dall'apparente contrasto fra il pathos esistenziale e drammatico del racconto e la grande mole di sottili e pacate argomentazioni (su cui la filosofia d'Occidente non ha mai smesso di meditare) che essa propone. La presente edizione contiene un testo greco corretto alla luce delle ricerche più recenti, una traduzione filologicamente precisa ma di scorrevole lettura, un'ampia introduzione, dove sono affrontati tutti i problemi più rilevanti che l'opera solleva, e un ricco apparato di note esplicative, in confronto costante con la letteratura critica più autorevole e aggiornata.

Fedro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Plato

Fedro / Platone ; traduzione e cura di Mauro Bonazzi

Torino : Piccola biblioteca Einaudi, 2011

Abstract: Celebre tra i dialoghi per la bellezza dei suoi discorsi e la potenza delle immagini, il Fedro contiene mirabilmente riuniti in sé i temi più importanti del pensiero di Platone. La discussione su eros, su cosa sia amore e cosa significhi amare, conduce infatti alla scoperta del desiderio, e l'analisi del desiderio permette poi di comprendere la natura profonda degli uomini che si realizza nell'amore del bene, del bello e della conoscenza. È in questo contesto che si chiarisce allora l'importanza delle dottrine dell'anima e delle idee, nonché della loro indissolubile relazione. Ed è sempre in questo contesto che si comprende la centralità della filosofia nella vita degli uomini. Perché è solo la filosofia, l'arte dialettica di condurre le anime verso la conoscenza, che ci può aiutare a completare il cammino di riscoperta di noi stessi. Un cammino impegnativo, sempre esposto al rischio del fallimento, che può essere felicemente concluso solo se si saprà evitare di cedere alle lusinghe di discorsi tanto allettanti quanto fuorvianti, riscoprendo l'unica guida davvero capace: la verità.

Santa Sofia di Costantinopoli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Procopius : Caesariensis

Santa Sofia di Costantinopoli : un tempio di luce (De aedificiis 1. 1,1-78) / Procopio di Cesarea ; a cura di Paolo Cesaretti e Maria Luigia Fobelli

Milano : Jaca Book, 2011

Abstract: «Simbolo del potere imperiale», «ottava meraviglia del mondo», «luogo tra terra e cielo»: con espressioni di questo tenore, nell'arco di tutto il Medio Evo cristiano, la basilica di Santa Sofia a Costantinopoli venne salutata e celebrata non solo come il culmine di una plurisecolare competenza tecnica e architettonica, ma anche come opera «di ispirazione divina», in virtù di uno speciale favore disceso dall'alto sull'imperatore Giustiniano (527-565), che la commissionò e la realizzò mentre il suo potere, centrato nella Nuova Roma sul Bosforo, si consolidava e preparava la sua espansione dalle Alpi al Nilo, dall'Eufrate al Danubio, alla penisola iberica. Il presente volume propone una restituzione appassionata, accademicamente impeccabile, ma fruibile per i non specialisti (anche grazie a un ricco apparato iconografico espressamente concepito per questo volume), del testo che Procopio di Cesarea, il massimo storico dell'epoca di Giustiniano, dedicò a Santa Sofia. La compenetrazione tra le competenze storico-artistiche e storico-filologi che dei due curatori del volume consente di godere appieno del testo procopiano in un fitto tessuto di raffinati rimandi letterari e di precise indicazioni per la visione diretta del capolavoro di Santa Sofia. Ancora oggi come nel VI secolo quella basilica «sfida l'osservatore» in una costante eccedenza della visione rispetto alla comprensione, che Procopio ha formulato per primo e per tutti, e che continua a rivelarsi come una sapienza insieme dichiarata e segreta.

Libro nono
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Pausanias

Libro nono : Beozia / Pausania ; introduzione, traduzione e note di Salvatore Rizzo

Abstract: Scritto nel II secolo d.C., durante la dominazione romana, il Viaggio in Grecia di Pausania è un'affascinante guida attraverso i monumenti, le opere artistiche e i luoghi del mondo greco classico. In questo IX volume, l'autore ci conduce attraverso la Beozia, tra i suoi santuari e le sue città che, un tempo prospere e potenti, erano ormai impoverite e del tutto decadute, quasi sopravvissute a se stesse. Nel rievocare le antiche imprese eroiche di Tebe, terribile antagonista di Sparta, e quelle di Orcomeno, celebrata dallo stesso Omero per ricchezze e prosperità, Pausania cita gli scrittori e i poeti antichi, da Eschilo a Esiodo. La traduzione rigorosa di Salvatore Rizzo è accompagnata da un ricco apparato iconografico e da una presentazione del volume, che chiarisce i metodi adottati dal Periegeta e l'ordine degli itinerari percorsi.

Tutte le tragedie
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Aeschylus - Sophocles

Tutte le tragedie / [scritti di] Eschilo, Sofocle, Euripide ; a cura di Angelo Tonelli

Milano : Bompiani Il pensiero occidentale, [2011]

Abstract: Frutto di oltre dieci anni di lavoro, questa edizione di tutta la tragedia greca con testo a fronte, la prima a essere realizzata interamente da un unico curatore, insieme poeta e filologo, consente di cogliere con sguardo unificante la fulgida stagione della tragedia ellenica che vide fiorire il genio creativo di Eschilo, Sofocle ed Euripide. Viene così restituita al lettore moderno, in tutta la sua feconda inattualità, una delle culminazioni dell'arte sapienziale e iniziatica del nostro Occidente, capace di riverberare la spiritualità orfeodionisiaca eleusina nella sua dimensione essoterica: in maniera esplicita, attraverso tragedie vistosamente iniziatiche come Baccanti, Oresteo, Alcesti, Edipo re ed Edipo a Colono; e in maniera indiretta, grazie alla forma apollodionisiaca dell'opera drammatica nella sua espressione scritta. Forma che a sua volta rinvia alla struttura stessa del théatron, che è luogo sapienziale in cui si contempla (theàomai) il gioco delle passioni con empatia e distacco. Con il greco a fronte i capolavori dei tragediografi a noi pervenuti brillano nella lingua in cui furono composti, e consentono di restituire con sufficiente approssimazione la phoné originaria in cui furono pronunciati: nel rito consacrato a Dioniso, alla luce del sole ellenico, sotto lo sguardo della collettività riunita nel nome del dio dell'ebbrezza e della contemplazione.

Gli Eleati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Zeller, Eduard - Mondolfo, Rodolfo - Reale, Giovanni <1931-2014>

Gli Eleati : da La filosofia dei greci nel suo sviluppo storico / Eduard Zeller, Rodolfo Mondolfo, Giovanni Reale ; aggiornamento bibliografico di Giuseppe Girgenti

Milano : Bompiani il pensiero occidentale, 2011

Abstract: II volume comprende la sezione su Senofane e sugli Eleati (Parmenide, Zenone e Melisso), che il grande storico tedesco del pensiero antico Eduard Zeller aveva dedicato alla Scuola italica all'interno del primo volume della sua Phlosophie der Griechen in ihrer geschichtlichen Enwicklung (sei volumi nell'edizione originale). Questo libro era comparso in italiano a cura di Rodolfo Mondolfo all'interno del progetto complessivo di traduzione della Filosofia dei Greci nel suo sviluppo storico ed era stato aggiornato da Giovanni Reale negli anni Sessanta. Viene ora ripubblicato con aggiornamento bibliografico completo fino al 2010 a cura di Giuseppe Girgenti.

Eleati
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Eleati : Parmenide, Zenone, Melisso : testimonianze e frammenti / a cura di Mario Untersteiner e Giovanni Reale ; presentazione di Giovanni Reale

[Milano] : Bompiani Testi a fronte, 2011

Abstract: Questo volume raccoglie i tre tomi usciti originariamente separati presso i tipi della Nuova Italia e contiene tutti i frammenti e le testimonianze della Scuola di Elea. Si tratta di un circolo filosofico sviluppatosi in Italia nel V secolo a.C, nel quale il maestro Parmenide, venerando e terribile, e i suoi due allievi Zenone e Melisso, condussero il pensiero umano sulla via luminosa dell'essere contro i sentieri erranti del nulla e del divenire. In questi frammenti, in un linguaggio poetico arcaico, ritroviamo l'origine dell'ontologia classica, ossia l'assoluta identità di essere e pensiero, e la negazione radicale di ogni molteplicità e mutamento, che sono solamente inganni dei sensi. Mario Untersteiner ha curato l'edizione di Parmenide e di Zenone, Giovanni Reale quella di Melisso. Le testimonianze e i frammenti sono accompagnati da un'introduzione filosofica, da un ricco commentario e da una bibliografia che integrano la corrispondente raccolta di Diels-Kranz nel volume sui Presocratici già comparso nella collana Il Pensiero Occidentale della Bompiani. Presentazione di Giovanni Reale.

Orfici
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Orfici : testimonianze e frammenti nell'edizione di Otto Kern / traduzione e note di Elena Verzura ; premessa e introduzione di Giovanni Reale

Milano : Bompiani Il pensiero occidentale, 2011

Abstract: L'Orfismo si diffuse in Grecia nel VI secolo a.C. come religione misterico-dionisiaca parallela alla religione pubblica olimpica. Il punto centrale della sua proposta dottrinale - contro la visione omerico-esiodea degli uomini intesi come mortali - è la credenza nelI'immortalità e nella reincarnazione dell'anima (o demone, un frammento del dio Dioniso intrappolato nell'involucro del corpo), con tutte le pratiche di purificazione che verranno poi riprese e ripensate dalla filosofia pitagorica e platonica. L'edizione classica di Kern del 1922, qui proposta integralmente con la prima traduzione italiana, raccoglie sia le testimonianze sia i frammenti della tradizione scritta, ma anche materiale archeologico, tratto soprattutto dalle laminelle auree che gli orfici ponevano sulle fronti dei defunti prima della sepoltura, Il volume è introdotto da un asggio di Giovanni Reale, che mette in luce l'importanza dell'Orfismo per la nascita del concetto di psyche nella successiva filosofia presocratica.

Epigrammi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Archias : Antiochenus

Epigrammi / Archia ; a cura di Fulvio Beschi

Milano : Oscar Mondadori, 2011

Abstract: Vissuto nel I secolo a.C., Archia di Antiochia è noto soprattutto per essere stato difeso da Cicerone in una causa in cui lo si accusava di aver goduto indebitamente dei privilegi della cittadinanza romana. Ed è proprio il grande oratore a darci le più preziose informazioni su questo poeta che egli fa assurgere a simbolo stesso della letteratura e della sua grandezza. Della cospicua produzione di Archia, comprendente anche almeno quattro poemi epici, pochissimo è rimasto: venticinque epigrammi sicuramente suoi e tre di attribuzione incerta riportati nell'Antologia Palatina e qui tradotti e commentati in modo autonomo per la prima volta. I ventotto componimenti sono comunque sufficienti per testimoniare al lettore l'ampiezza di temi e toni propria di questo genere poetico - che spazia dai versi erotici a quelli celebrativi e sepolcrali - e rivelano ricercatezza dei contenuti e un'eleganza formale soprattutto nella scioltezza del verso e nella fluidità linguistica e metrica.