La donna di troppo
0 1 0
Risorsa locale

Pandiani, Enrico

La donna di troppo

Abstract: Zara Bosdaves era una poliziotta, ora fa la detective privata. Anche se pedinare mariti traditori non è proprio quello a cui aspirava ce la sta mettendo tutta per adattarsi al nuovo lavoro, ma non è facile per lei, una donna attiva che pratica aikido e sa dove e come colpire per far male.La svolta arriva quando le viene affidato l'incarico di indagare sul figlio scomparso di un importante industriale precedentemente morto in circostanze sospette. Zara dovrà fare i conti con torbidi affari di famiglia, con la violenza e il dolore, con uomini e donne senza scrupoli.Con questo romanzo, Enrico Pandiani si conferma un maestro del noir, disegnando una Torino crudele e inattesa, che di giorno seduce e di notte pugnala. E Zara, donna ruvida e passionale, è decisamente il suo personaggio più intrigante.


Titolo e contributi: La donna di troppo

Pubblicazione: BUR, 29/01/2014

EAN: 9788817071604

Data:29-01-2014

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: PDF/EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Soggetti:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 29-01-2014

Zara Bosdaves era una poliziotta, ora fa la detective privata. Anche se pedinare mariti traditori non è proprio quello a cui aspirava ce la sta mettendo tutta per adattarsi al nuovo lavoro, ma non è facile per lei, una donna attiva che pratica aikido e sa dove e come colpire per far male.La svolta arriva quando le viene affidato l'incarico di indagare sul figlio scomparso di un importante industriale precedentemente morto in circostanze sospette. Zara dovrà fare i conti con torbidi affari di famiglia, con la violenza e il dolore, con uomini e donne senza scrupoli.Con questo romanzo, Enrico Pandiani si conferma un maestro del noir, disegnando una Torino crudele e inattesa, che di giorno seduce e di notte pugnala. E Zara, donna ruvida e passionale, è decisamente il suo personaggio più intrigante.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Il problema del poliziesco alla “piemontese” è che non riesce a staccarsi da una connotazione profondamente provinciale. Non è tanto l’originalità delle vicende a essere chiamata in causa quanto una capacità espressiva che manca alla base della struttura narrativa. Dialoghi poco articolati, molto artificiali, caratteri di protagonisti che non decollano e rimangono attaccati alla pagina senza divenire mai veri personaggi dotati di credibilità. Questo racconto non fa eccezione.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.