Il giorno di Moro
0 0 0
Risorsa locale

Cassitta, Giampaolo

Il giorno di Moro

Abstract: 9 maggio 1978. A Roma, in via Caetani, le Brigate Rosse consegnano al paese il corpo dell'onorevole Aldo Moro, dopo 55 giorni di prigionia. Da quel giorno l'Italia non sarà più la stessa.9 maggio 1978. Lo stesso giorno, il giorno di Moro, a Roma, nella zona della basilica di S. Paolo fuori le mura, avviene un duplice omicidio. Un ristoratore sardo viene condannato all'ergastolo con l'accusa di aver massacrato sua moglie e la sua bambina.Dopo quasi venticinque anni un magistrato di sorveglianza, Claudio Marceddu, ritrova, in carcere, Gianvittorio Loriga un amico conosciuto negli anni '70, quando entrambi lavoravano per una radio della sinistra extraparlamentare. Perché è in carcere? È un politico? Un assassino? Un pentito? Il detenuto, durante gli incontri in carcere gli rivela che il 9 maggio 1978 il sardo condannato all'ergastolo, non ha ucciso le sue donne e vi è una prova che non è mai stata analizzata: l'assassino aveva una spider rossa. Così, dentro un gioco di ricordi, Claudio Marceddu nella veste di magistrato di sorveglianza si muove tra Sassari, Roma ed Alghero, alla ricerca di una verità che si intravede sotto strane coincidenze.


Titolo e contributi: Il giorno di Moro

Pubblicazione: Fratelli Frilli Editori, 22/03/2014

EAN: 9788875631802

Data:22-03-2014

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 22-03-2014

9 maggio 1978. A Roma, in via Caetani, le Brigate Rosse consegnano al paese il corpo dell'onorevole Aldo Moro, dopo 55 giorni di prigionia. Da quel giorno l'Italia non sarà più la stessa.9 maggio 1978. Lo stesso giorno, il giorno di Moro, a Roma, nella zona della basilica di S. Paolo fuori le mura, avviene un duplice omicidio. Un ristoratore sardo viene condannato all'ergastolo con l'accusa di aver massacrato sua moglie e la sua bambina.Dopo quasi venticinque anni un magistrato di sorveglianza, Claudio Marceddu, ritrova, in carcere, Gianvittorio Loriga un amico conosciuto negli anni '70, quando entrambi lavoravano per una radio della sinistra extraparlamentare. Perché è in carcere? È un politico? Un assassino? Un pentito? Il detenuto, durante gli incontri in carcere gli rivela che il 9 maggio 1978 il sardo condannato all'ergastolo, non ha ucciso le sue donne e vi è una prova che non è mai stata analizzata: l'assassino aveva una spider rossa. Così, dentro un gioco di ricordi, Claudio Marceddu nella veste di magistrato di sorveglianza si muove tra Sassari, Roma ed Alghero, alla ricerca di una verità che si intravede sotto strane coincidenze.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.