Il patto sporco. Il processo Stato-mafia nel racconto di un suo protagonista
0 0 0
Risorsa locale

Di Matteo, Nino - Lodato, Saverio

Il patto sporco. Il processo Stato-mafia nel racconto di un suo protagonista

Abstract: La testimonianza del pm più minacciato d'Italia.Le verità che molti volevano nascondere."Chiediamoci perché politica, istituzioni, cultura, abbiano avutobisogno delle parole dei giudici per cominciare finalmentea capire... Un manipolo di magistrati e di investigatoriha dimostrato di non aver paura a processare lo Stato.Ora anche altri devono fare la loro parte."Nino Di Matteo "Volevo che nelle pagine di questo libro parlasse il magistrato,parlasse l'uomo, protagonista e testimonedi un processo destinato a lasciare il segno."Saverio Lodato Gli attentati a Lima, Falcone, Borsellino, le bombe a Milano, Firenze, Roma, gli omicidi di valorosi commissari di polizia e ufficiali dei carabinieri. Lo Stato in ginocchio, i suoi uomini migliori sacrificati. Ma mentre correva il sangue delle stragi c'era chi, proprio in nome dello Stato, dialogava e interagiva con il nemico.La sentenza di condanna di Palermo, contro l'opinione di molti "negazionisti", ha provato che la trattativa non solo ci fu ma non evitò altro sangue. Anzi, lo provocò. Come racconta il pm Di Matteo a Saverio Lodato in questa appassionata ricostruzione, per la prima volta una sentenza accosta il protagonismo della mafia a Berlusconi esponente politico, e per la prima volta carabinieri di alto rango, Subranni, Mori e De Donno, sono ritenuti colpevoli di aver tradito le loro divise. Troppi i non ricordo e gli errori di politici e forze dell'ordine dietro vicende altrimenti inspiegabili come l'interminabile latitanza (43 anni!) di Provenzano, la cattura di Riina e la mancata perquisizione del suo covo, il siluramento del capo delle carceri, Nicolò Amato, la sospensione del carcere duro per 334 boss mafiosi.Anni di silenzi, depistaggi, pressioni ai massimi livelli (anche dell'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano), qui documentati, finalizzati a intimidire e a bloccare le indagini. Ora, dopo questa prima sentenza che si può dire storica, le istituzioni appaiono più forti e possono spazzare via per sempre il tanfo maleodorante delle complicità e della convivenza segreta con la mafia.


Titolo e contributi: Il patto sporco. Il processo Stato-mafia nel racconto di un suo protagonista

Pubblicazione: Chiarelettere, 18/09/2018

EAN: 9788832961010

Data:18-09-2018

Nota:
  • Lingua: italiano
  • Formato: PDF/EPUB con DRM Adobe

Nomi:

Dati generali (100)
  • Tipo di data: data di dettaglio
  • Data di pubblicazione: 18-09-2018

La testimonianza del pm più minacciato d'Italia.Le verità che molti volevano nascondere."Chiediamoci perché politica, istituzioni, cultura, abbiano avutobisogno delle parole dei giudici per cominciare finalmentea capire... Un manipolo di magistrati e di investigatoriha dimostrato di non aver paura a processare lo Stato.Ora anche altri devono fare la loro parte."Nino Di Matteo "Volevo che nelle pagine di questo libro parlasse il magistrato,parlasse l'uomo, protagonista e testimonedi un processo destinato a lasciare il segno."Saverio Lodato Gli attentati a Lima, Falcone, Borsellino, le bombe a Milano, Firenze, Roma, gli omicidi di valorosi commissari di polizia e ufficiali dei carabinieri. Lo Stato in ginocchio, i suoi uomini migliori sacrificati. Ma mentre correva il sangue delle stragi c'era chi, proprio in nome dello Stato, dialogava e interagiva con il nemico.La sentenza di condanna di Palermo, contro l'opinione di molti "negazionisti", ha provato che la trattativa non solo ci fu ma non evitò altro sangue. Anzi, lo provocò. Come racconta il pm Di Matteo a Saverio Lodato in questa appassionata ricostruzione, per la prima volta una sentenza accosta il protagonismo della mafia a Berlusconi esponente politico, e per la prima volta carabinieri di alto rango, Subranni, Mori e De Donno, sono ritenuti colpevoli di aver tradito le loro divise. Troppi i non ricordo e gli errori di politici e forze dell'ordine dietro vicende altrimenti inspiegabili come l'interminabile latitanza (43 anni!) di Provenzano, la cattura di Riina e la mancata perquisizione del suo covo, il siluramento del capo delle carceri, Nicolò Amato, la sospensione del carcere duro per 334 boss mafiosi.Anni di silenzi, depistaggi, pressioni ai massimi livelli (anche dell'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano), qui documentati, finalizzati a intimidire e a bloccare le indagini. Ora, dopo questa prima sentenza che si può dire storica, le istituzioni appaiono più forti e possono spazzare via per sempre il tanfo maleodorante delle complicità e della convivenza segreta con la mafia.

Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.