La signorina Gentilin dell'omonima cartoleria
4 1 0
Materiale linguistico moderno

Busi, Aldo

La signorina Gentilin dell'omonima cartoleria

Abstract: Non c'è quasi nulla nella vecchia cartoleria della signorina Gentilin, a parte lei stessa, con il solito grembiule nero, il golfino modesto, la sciarpetta impeccabile. O forse qualcosa di più. Perché, a volte, con persone che hanno sempre fatto parte del nostro paesaggio, che abbiamo sempre distrattamente salutato, succede qualcosa di inaspettato, qualcosa capace di aprire un abisso da cui risalgono passioni dimenticate e sospetti insondabili.


Titolo e contributi: La signorina Gentilin dell'omonima cartoleria / Aldo Busi

Pubblicazione: Milano : Oscar Mondadori, 2002

Descrizione fisica: 69 p. ; 18 cm.

ISBN: 880450966X

Data:2002

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore)

Classi: 853.9 Narrativa italiana. 1900- (22)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2002

Sono presenti 10 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
03 - Villa Amoretti N BUSI TA-289925 Su scaffale Prestabile
04 - Cascina Marchesa N BUSI TB-289578 Su scaffale Prestabile
07 - Don Milani N BUSI TF-289258 Su scaffale Prestabile
08 - Italo Calvino N BUSI TH-290373 Su scaffale Prestabile
09 - Cesare Pavese N BUSI TI-291267 Su scaffale Prestabile
10 - Francesco Cognasso N BUSI TL-290596 Su scaffale Prestabile
11 - Dietrich Bonhoeffer N BUSI TM-291662 Su scaffale Prestabile
12 - Alessandro Passerin d'Entrèves N BUSI TN-291997 Su scaffale Prestabile
15 - Primo Levi N BUSI TV-288162 Su scaffale Prestabile
16 - Torino Centro N BUSI TZ-288696 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

"Invidia, la sua è pura invidia. Lei aspira alla mia perfezione una e trina e anche molteplice, ma mica c'è arrivato, lo crede soltanto, lei. Ci sono tante belle cose che si possono fare da soli coi multipli di uno. Una è scavarsi la fossa, molto più profonda del solito e senza esserne obbligati da nessuno, calarcisi dentro e poi prendere a scalarla con la punta delle unghie, e tornare in superficie: già fatto, grazie; ho provato anche a sostituire una fossa con un abisso, niente da fare: sono risalita anche da quello. Sono esercitata a farmi tutto da me, anche il mio becchino e il mio salvatore. Io sono una sepolta viva fra la gente, o meglio, mi sento viva in un camposanto di sepolti vivi. "

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.