L'eleganza del riccio
3 11 0
Materiale linguistico moderno

Barbery, Muriel

L'eleganza del riccio

Abstract: Parigi, rue de Grenelle numero 7. Un elegante palazzo abitato da famiglie dell'alta borghesia. Ci vivono ministri, burocrati, maitres à penser della cultura culinaria. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all'idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Niente di strano, dunque. Tranne il fatto che, all'insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta che adora l'arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese. Cita Marx, Proust, Kant... dal punto di vista intellettuale è in grado di farsi beffe dei suoi ricchi e boriosi padroni. Ma tutti nel palazzo ignorano le sue raffinate conoscenze, che lei si cura di tenere rigorosamente nascoste, dissimulandole con umorismo sornione. Poi c'è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita (il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno). Fino ad allora continuerà a fingere di essere una ragazzina mediocre e imbevuta di sottocultura adolescenziale come tutte le altre, segretamente osservando con sguardo critico e severo l'ambiente che la circonda. Due personaggi in incognito, quindi, diversi eppure accomunati dallo sguardo ironicamente disincantato, che ignari l'uno dell'impostura dell'altro, si incontreranno solo grazie all'arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che saprà smascherare Renée.


Titolo e contributi: L'eleganza del riccio / Muriel Barbery ; traduzione dal francese di Emanuelle Caillat e Cinzia Poli

Pubblicazione: Roma : E/O, [2007]

Descrizione fisica: 321 p. ; 21 cm

ISBN: 9788876417962

Data:2007

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Autore) (Traduttore) (Traduttore)

Classi: 843.92 Letteratura narrativa francese. 2000- (22)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2007

Sono presenti 18 copie, di cui 5 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
04 - Cascina Marchesa N BARB TB-308623 Su scaffale Prestabile
07 - Don Milani N BARB TF-309718 In prestito 14/04/2021
15 - Primo Levi N BARB TV-315300 Su scaffale Prestabile
09 - Cesare Pavese N BARB TI-311486 In prestito
11 - Dietrich Bonhoeffer N BARB TM-313994 In deposito Prestabile
16 - Bianca Guidetti Serra N BARB TZ-304628 Su scaffale Prestabile
08 - Italo Calvino N BARB TH-312414 Su scaffale Prestabile
01 - Civica centrale CCNC BARB 01-360766 In prestito 20/04/2021
09 - Cesare Pavese N BARB TI-308343 Su scaffale Prestabile
01 - Civica centrale BCT 666.E.377 01-363247 In prestito
36 - Biblioteca della Scuola Holden Fronte del Borgo 843.92.BAR HOL-1688 Su scaffale Prestito locale
19 - BiblioSpazzi N MAUR ARQ-693 Su scaffale Prestito locale
09 - Cesare Pavese N BARB
(Ristampa: 2008)
TI-323272 In prestito
01 - Civica centrale CCNC BARB
(Ristampa: 2008)
01-461958 In prestito
03 - Villa Amoretti N BARB TA-339693 In prestito 03/08/2020
40 - Biblioteca del Circolo Unicredit di Torino N BAR UC-20836 Su scaffale Prestito locale
18 - Bela Rosin N BARB BEL-2481 In prestito
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Era da tanto che volevo leggere questo libro incuriosita dal successo riscosso ma sono rimasta delusa. A parte alcune scene magistralmente descritte il tentativo di inserire discorsi filosofici risulta pesante e poco integrato con la narrazione risultando fastidioso e arrogante. A mio giudizio testo sopravvalutato.

Toccante, filosofico, intelligente, fonte di ispirazione e meditazione. In una parola: un capolavoro.

Veramente un bel libro. I protagonisti offrono degli spunti interessanti di riflessione. Consigliato

Non ho letto il libro ma ascoltato l'audiolibro e mi è piaciuto molto.

Ho fatto fatica a leggerlo nella parte iniziale, ma poi diventa molto scorrevole! Mi è piaciuto

A me é piaciuto, lo stile é garbato e si legge tutto d'un fiato. Credo che valga la pena leggerlo!

veramente brutto, non sono nemmeno riuscita a finirlo

Arrogantemente saccente e comunque intellettualmente deludente, ma sempre "setosamente" fastidioso.

Lettura interessante, niente di più.

Sul finale a sorpresa sono d'accordo e lo trovo la parte più interessante e coinvolgente. Mentre durante tutta la prima parte del libro personalmente ho fatto un po' fatica a continuare a leggerlo.

Interessante, con finale a sorpresa!

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.