Leggere Shakespeare a Kabul
5 1 0
Materiale linguistico moderno

Omar, Qais Akbar - Landrigan, Stephen

Leggere Shakespeare a Kabul

Abstract: Dopo un lungo viaggio in Afghanistan, l'attrice e regista Corinne Jaber decide di mettere in scena a Kabul Pene d'amor perdute di Shakespeare. Il primo scoglio che deve affrontare è il testo, non esistono infatti traduzioni in Dari dell'immortale poeta inglese. E poi bisogna trovare gli attori: sfilano davanti agli occhi di Corinne e dei suoi collaboratori persone dalle più diverse provenienze sociali, tutte disposte a rischiare, e molto, pur di realizzare un sogno. Ci sono anche le donne, consapevoli dei pericoli cui vanno incontro in un Paese in cui mai si è vista una donna sul palcoscenico insieme agli uomini. Grazie al coraggio e alla passione di tutti, in mezzo a mille difficoltà, Pene d'amor perdute prende forma, gli attori si rivelano geniali, e capiscono che il grande e lontano Shakespeare ha scritto una commedia afghana, tanto la sua ironia, la leggerezza e la poesia sono vicine alla loro cultura. Ma in che modo verrà accolta la commedia in un Paese dove guerra, violenza e discriminazioni sono all'ordine del giorno?


Titolo e contributi: Leggere Shakespeare a Kabul / Qais Akbar Omar, Stephen Landrigan

Pubblicazione: Roma : Newton Compton, 2013

Descrizione fisica: 310 p. ; 22 cm

EAN: 9788854152328

Data:2013

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: 3.0

Nomi:

Soggetti:

Classi: 823.92 Narrativa inglese. 2000- (22)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2013

Sono presenti 2 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
01 - Civica centrale BCT13 C 486 01-426048 Su scaffale Prestabile
03 - Villa Amoretti N OMAR TA-330210 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Kabul, primavera del 2005.
Tra palazzi fiabeschi-eburnei dilaniati dalle bombe e campi “rossoinfiore” un gruppo di attori cerca una soluzione per spezzare le catene dell’oscurantismo talebano.
La risposta è: il teatro-pensiero di Shakespeare.
Sarà un germogliare di scontri-confronti.
Consapevole. Avvolgente. Immaginifico.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.