Atlante delle mafie : storia, economia, società, cultura / a cura di Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Isaia Sales. 1
4 8 0
Materiale linguistico moderno

Atlante delle mafie : storia, economia, società, cultura / a cura di Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Isaia Sales. 1

Abstract: A cosa è dovuto il successo plurisecolare delle mafie italiane? E come mai viene definita mafia ogni violenza privata che ha successo nel mondo? L'Atlante delle mafie prova a rispondere a queste due domande. Partendo dalla messa in discussione dal paradigma interpretativo dell'esclusività della Sicilia nella produzione di ciò che comunemente si intende per mafia. Se un fenomeno, nato in Sicilia nell'Ottocento, ha avuto una così lunga durata, affrancandosi dalle condizioni storiche e territoriali che ne resero possibile la sua originaria espansione e proiettandosi così agevolmente nella contemporaneità (divenendo addirittura un modello vincente per tutte le violenze private del globo) non è utile continuare a descriverlo solo come un originale prodotto siciliano. Il modello mafioso, infatti, si è dimostrato riproducibile nel tempo e in altri luoghi, non più specifico solo della Sicilia e del Mezzogiorno d'Itajia. Con il termine mafia si deve intendere oggi un marchio di successo della violenza privata nell'economia globaiizzata. Con questa ottica, l'Atlante delle mafie passa in rassegna le qualità criminali che differenziano nettamente i fenomeni mafiosi dalla criminalità comune e da quella organizzata. Esse vengono sintetizzate in cinque caratteristiche: culturali, politiche, economiche, ideologiche e ordina-mentali.Secondo i curatori, si può ritenere mafia la violenza di relazioni, cioè una violenza in grado di stabilire contatti, rapporti, e cointeressenze con coloro che detengono il potere ufficiale, sia politico, economico e religioso, che formalmente dovrebbero reprimerla e tenerla a distanza. Perciò viene contestato ampiamente il luogo comune delle mafie come antistato, come antisistema. È stato, proprio questo luogo comune a tenere per anni in ombra il vero motivo del successo delle mafie. Mentre alcune forme di violenza e di contestazione armata del potere costituito si sono manifestate contro le leggi e contro la visione unitaria dello Stato (il brigantaggio nell'Ottocento, le rivendicazioni etniche-territoriali e il terrorismo politico nel Novecento) e perciò alla fine sono state sconfitte, le mafie hanno usato una violenza non di contrapposizione, non di scontro frontale, ma di integrazione, interna cioè alla politica e al potere ufficiate. Dunque, per mafia si deve intendere una violenza di relazione e di integrazione. In questa loro caratteristica consiste la ragione del loro perdurante successo.


Titolo e contributi: Atlante delle mafie : storia, economia, società, cultura / a cura di Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Isaia Sales. 1 / a cura di Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Isaia Sales

Pubblicazione: Soveria Mannelli : Rubbettino, 2012

Descrizione fisica: 458 p. : ill. ; 23 cm

EAN: 9788849834246

Data:2012

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2012

Sono presenti 1 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
01 - Civica centrale BCT14 C 612 1 01-434708 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Aspetterò fiduciosa, e non escludo di leggermi anche questo
Ciao

sarà mia premura appena avro terminato di leggere i vari libri in prestito, grazie ,ciao

lascio quasi sempre una recensione, se vai sul forum, dai titoli e dagli autori riconoscerai quelli che parlano di queste storie, credo di aver scritto almeno 100 recensioni, vai sulla prima pagina del forum e vedrai che mi trovi con facilità
per esempio il libro di Michele Santoro che ha per titolo "Nient'altro che la verità" è proprio da leggere...
Mi raccomando fammi sapere cosa ne pensi
Grazie, ciao

scusami ma come faccio a sapere che libri hai letto?Sapendo i libri leggerei le tue recensioni

La lista Lirio Abbate
Io non ci sto di Natale Giunta
R. Saviano "Zero zero zero" Impressionante è dir poco...
Michele Santoro (non ricordo il titolo)
Gli orologi del diavolo...
Se leggi le mie recensioni ne trovi di libri anche romanzati che trattano temi riguardanti la droga, le mafie, i nuovi commerci ecologici e via dicendo
Se leggi qualcosa, fammi sapere
anche Paolo Borrometi e Federica Angeli, mi hanno fatto scoprire cose che neanche ti immagini
ciao

purtoppo no se capita che lo trovi tu fammi sapere grazie ciao

D'accordo ma è del 2012!
Se conosci qualche titolo più recente, fammi sapere, per favore, questo tema mi interessa. Grazie, ciao

estremamente informativo

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.