La solita zuppa e altre storie
4 1 0
Materiale linguistico moderno

Bianciardi, Luciano <1922-1971>

La solita zuppa e altre storie

Titolo e contributi: La solita zuppa e altre storie / Luciano Bianciardi

Pubblicazione: Milano : Il Sole 24 Ore, 2016

Descrizione fisica: 78 p. ; 19 cm

Data:2016

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Contiene: La vedova Fineschi ; Alle quattro in piazza del Duomo ; La casa al mare ; Un occhio a Cracovia ; La solita zuppa ; Il peripatetico
  • Supplemento di: Il Sole 24 Ore

Nomi: (Autore)

Classi: 853.9 Narrativa italiana. 1900- (22)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2016
Contenuto (Area 0) (181)
  • Forma del contenuto: testo
  • Tipo di sensorialità: visivo
Mediazione (Area 0) (182)
  • Tipo di mediazione ISBD: unmediated

Sono presenti 3 copie, di cui 0 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
23 - Rita Atria N BIAN MAR-8583 Su scaffale Prestabile
25 - Natalia Ginzburg N BIAN GIN-5155 Su scaffale Prestabile
16 - Torino Centro N BIAN TZ-315179 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

   Negli anni Sessanta “La solita zuppa”, novella che dà il titolo al libro, fu motivo di processo.
Protagonista del racconto è una Milano dove tabù non è il sesso bensì il cibo. Scelto un piatto, gli si deve fedeltà. Quindi non c’è da stupire se dopo aver scelto il semolino, come fa il nostro eroe diciottenne, ci si trova poi un giorno in quel tal “bordello” in attesa che la “signora” s’affacci e annunci ammiccante “Eccole la sua fiorentina”.
Insomma, tanto scandalo destò “La solita zuppa” che Bianciardi e l’editore Massimo Pini furono chiamati al banco degli imputati per rispondere dell’accusa di oltraggio al pudore e vilipendio della religione di Stato.
A difesa dello scrittore si levarono voci eminenti, tra cui del Buono, Porzio, Eco*. Alla fine i due incriminati furono assolti.

“La solita zuppa e altri racconti” è un insieme di novelle con temi che vanno dal sesso al lavoro traduttivo.
Come sempre sarcastico e malinconico, sognante e disincantato. Irriverente e corrosivo. E carico di umana tenerezza. E non difettano l’onestà e la purezza che fanno la differenza, perché le parole hanno un peso specifico e le cose un nome preciso.
Ché il Luciano era così e così è il patrimonio letterario che ci ha lasciato.

P.S. Ti si legge, si sorride, talvolta si ride. Poi si smette, e ci si rende conto di quanta profondità ci sia fra le increspature narrative. Ed è chiaro perché non avrebbero dovuto applaudirti, ma incazzarsi.
Sai, leggendo “Adorno” ho pensato che sarebbe bello anziché far leggere “Cuore” di quel tal Edmondo, proporre il tuo racconto ai bambini. Perché l’Adorno che sottrae il pesce dalla cesta del padre sapendo che le buscherà, le porta alla povera madre del Chiavetta traditore della banda, e poi rivolgendosi al piccolo Diaccino spiega: “Hai capito Diaccino? Fare la spia è brutto, è roba da galera, ma la fame è anche più brutta. A scuola questo non te lo insegnano, ma se te lo dico ci puoi credere…” è una gran bella lezione di vita. Di quelle che non si scordano.
Manchi sempre. Ciao.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.