Storia di Tönle
4 1 0
Libri Moderni

Rigoni Stern, Mario

Storia di Tönle

  • Copie totali: 18
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Titolo e contributi: Storia di Tönle / Mario Rigoni Stern

Pubblicazione: Torino : Einaudi, [1978]

Descrizione fisica: 113 p. ; 20 cm.

ISBN: 8806342800

Data:1978

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Serie: Nuovi coralli ; 221

Nomi: (Autore)

Classi: 853.9 Narrativa italiana. 1900- (22)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 1978

Sono presenti 18 copie, di cui 1 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
04 - Cascina Marchesa N RIGO TB-65308 Su scaffale Prestabile
12 - Alessandro Passerin d'Entrèves N RIGO TN-180681 Su scaffale Prestabile
13 - Mirafiori N RIGO TS-224194 Su scaffale Prestabile
19 - BiblioVirle N RIGO TP-224194 Su scaffale Prestito locale
12 - Alessandro Passerin d'Entrèves N RIGO TN-150062 Deteriorato Non disponibile
01 - Civica centrale BCT 145.G.123 01-293342 Su scaffale Prestabile
03 - Villa Amoretti N RIGO TA-284067 Su scaffale Prestabile
04 - Cascina Marchesa N RIGO TB-283878 In prestito 08/02/2018
06 - Alberto Geisser N RIGO TE-284424 In deposito Prestabile
07 - Don Milani N RIGO TF-283842 Su scaffale Prestabile
08 - Italo Calvino N RIGO TH-284177 Su scaffale Prestabile
09 - Cesare Pavese N RIGO TI-284889 Su scaffale Prestabile
10 - Francesco Cognasso N RIGO TL-284313 Su scaffale Prestabile
11 - Dietrich Bonhoeffer N RIGO TM-285105 Su scaffale Prestabile
12 - Alessandro Passerin d'Entrèves N RIGO TN-284855 Su scaffale Prestabile
13 - Mirafiori N RIGO TS-283095 Su scaffale Prestabile
15 - Primo Levi N RIGO TV-282828 Su scaffale Prestabile
15 - Primo Levi N RIGO TG-283802 Su scaffale Prestabile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

La vacca, immobile sulle rive del Moor, guarda verso mattina. Forse, aspetta il sorgere del sole.

Tönle fa parte dell’Altipiano. Abita una povera casa di montagna, vive il suo tempo e la natura che lo circonda; vive la sua terra, che non è patria ma microcosmo schietto, semplice, concreto. Tönle è uomo di grande integrità morale, silenzioso, selvatico. Pastore e contadino. Contrabbandiere per necessità. Ogni inverno attraversa il confine, porta di là scarpe chiodate per gli uomini e vestiti per le donne, e di qua torna con acquavite, zucchero e tabacco. Scoperto e braccato, ferisce una guardia. Non gli resta che fuggire. Condannato a quattro anni vagola per le città austroungariche portando sulle spalle tanti mestieri e un solo pensiero. Così, a ogni inizio d’inverno, lascia tutto e torna alla sua casa, dalla donna che ama, madre dei suoi figli. L’amnistia gli consente di riprendere la vita abituale. Fino all’inizio della guerra e all’ignominia che porta con sé.
“… i signori, sia Italia sia Austria, sono sempre signori e per la povera gente, sia l’uno o sia un altro a comandare, non cambia niente. A lavorare toccava sempre a loro, a fare i soldati anche e a morire in guerra anche”.
I signori comandano, la povera gente ubbidisce. I signori li destinano al macello, li mandano a uccidere altri poveri cristi. E si muore. Per niente.
E poi la prigionia. E poi il ritorno. E poi la ricerca del suo piccolo mondo. E poi la sua pipa che porta alla bocca una volta ancora.
E mentre la vacca guarda verso mattina, io cerco quel ciliegio sul tetto, che c’era e non c’è più.

Scrittura pura, essenziale, onesta. Di quelle che non è facile trovare.
La “Storia” attraversata dalla “storia”, o viceversa. Dipende da quale punto d’osservazione si guarda. Mezzo secolo di vita è racchiuso in poco più d’un centinaio di pagine, evocative e pregne di significati. C’è molto Mario in Tönle, tanto che durante la lettura nel mio immaginario ne ha assunte le sembianze. Chissà, forse potrebbe essere la ragione per cui lo scrittore affermava che se Il sergente nella neve era il suo libro più importante, Storia di Tönle era il più bello.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.