Lucio Beltrami

Biografia

twitter: @zioluc
anobii e goodreads: zioluc

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Safari honeymoon - Jesse Jacobs

Una coppia di sposini fa luna di miele nella natura selvaggia di una "giungla", accompagnata da una guida. In realtà la giungla è una sorta di territorio alieno popolato da creature metafisiche, surreali, impossibili e spesso pericolose.
Jesse Jacobs si conferma autore dalla fantasia sfrenata e dallo stile grafico preciso. Non so se l'intenzione sia parlare del rapporto uomo-natura o altro, ma il risultato è un piacevole sogno-incubo che mostra una volta di più le potenzialità del fumetto sperimentale.

Un viaggio che non promettiamo breve - Wu Ming 1

Una cavalcata documentata, appassionata e partigianissima lungo l'avventura del movimento NO TAV, che da più di 25 anni si oppone alla realizzazione della linea AV Torino-Lione in Val di Susa finendo col diventare catalizzatore delle esperienze italiane di opposizione alle grandi opere, al "capitalismo selvaggio" e a certe tendenze antidemocratiche dello stato che si manifestano di quando in quando.

Premetto che non sono affatto NO TAV, anzi sono tendenzialmente a favore, se non fosse così difficile ignorare il modo con cui l'opera è stata imposta senza concertazione e portata avanti con repressione militarizzata supportata acriticamente e spesso dolosamente dalla politica e dalla stampa. E però se i progetti e le motivazioni dei promotori dell’opera hanno negli anni mostrato falle più o meno grandi, lo stesso si può dire delle controdeduzioni tecniche e ideologiche citate dai contestatori.

Per quanto mi riguarda uno dei motivi di maggiore interesse del libro è il permettere di far capire la peculiarità dei NO TAV valsusini: un calderone multiforme che in qualche modo unisce spirito della resistenza partigiana, lotte per i diritti civili, vittime della sindrome NIMBY, sacerdoti e fedeli cattolici, semplici cittadini, montanari idealisti, anarchici dei centri sociali e altro ancora. Il tutto in un clima di solidarietà, partecipazione, gioia e spirito di sacrificio che ne fanno una specie di laboratorio della partecipazione dal basso probabilmente difficile da replicare altrove.

Peccato che il libro lo racconti in maniera frammentata lungo più di 400 pagine rendendo il tutto un po' verboso per chi non sia veramente interessato, e soprattutto che la partigianeria di cui sopra non aiuti a prendere tutto quel che viene scritto per oro colato: la gioia che traspare quando si raccontano episodi in cui è stato possibile prendere in giro “le guardie”, osteggiare i “poteri forti” e più in generale riportare vittorie contro il nemico che è lo Stato, assieme al continuo collegamento con resistenze partigiane ai nazifascisti o lotte operaie contro i “padroni”, sono rivelatrici dell’ambiente di estrema sinistra bolognese da cui provengono i Wu Ming. Un idealismo tanto ammirevole quanto “comodo”, che permette di fare gli eterni contestatori senza sporcarsi le mani con la realtà.

Il senso di una fine - Julian Barnes

Breve romanzo scritto con prosa stupenda e ricco di illuminazioni psicologiche raccontate dal protagonista, autodichiarato uomo medio(cre). Non mi ha convinto l'affrettato finale con posticcia svolta choc.

[da qui in poi SPOILER!]

Peraltro mi sembra del tutto fuori luogo e improbabile il personaggio di Veronica quando pretende che il protagonista capisca la complicata situazione senza fornirgli il minimo indizio. Ho trovato davvero affascinante e risolutiva questa spiegazione di tale Matt secondo cui il protagonista sarebbe il vero padre di Adrian jr. e in seguito avrebbe rimosso la sua liaison con la madre di Veronica, ma il fatto che nel libro non ci siano tracce a supporto di questa lettura mi lascia molto scettico. (hide spoiler)]

Mox nox - Joan Cornellà

Umorismo senza parole, assurdo e spesso violento disegnato con stile che ricorda le illustrazioni per bambini. Un paio di grandi risate me le ha strappate, più spesso mi è sembrato poco riuscito ma nel complesso è simpatico e mi piace che esistano autori così.

Cromorama - Riccardo Falcinelli

Divulgativo e ricco di aneddoti (anzi praticamente costruito sugli aneddoti) ma preciso, completo e, quel che è più importante, portatore di una visione del colore moderna, libera dai miti incrostatisi nei decenni come quello che giallo e blu danno verde. Volete sapere perché non è così? leggete il libro!
Con un'appendice scientifica scarna ma indispensabile e soprattutto un apparato iconografico ricco, variegato, fantasioso e utilissimo: offre spiegazioni ma anche e soprattuto suggestioni.
L'ho preso in biblioteca ma lo comprerò presto.

Lo spinacio di Yukiko - Frederic Boilet

Una piccola storia d'amore, apparentemente autobiografica, narrata con grande leggerezza.
Il narratore, fumettista occidentale expat in Giappone, incontra la dolce Yukiko e intesse con lei una relazione. Il lettore vive la storia attraverso disegni apparentemente realizzati a partire da fotografie, quasi sempre in soggettiva, con l'intermezzo di pagine di agenda con schizzi e appunti.
Scopro che l'autore ha collaborato con Peeters e ha dato vita al genere del "nuovo manga", concetto che non mi è chiarissimo ma pare si riferisca a fumetti con storie quotidiane per adulti, cioè rivolte a un pubblico non solo adolescenziale, quindi non necessariamente erotiche, anche se qui le scene di sesso abbondano ma sono delicatissime.

In conclusione, piacevole lettura e molto interessante lo stile pseudofotografico.

Fantozzi contro tutti - Paolo Villaggio

Racconti brevissimi sul celeberrimo ragioniere, alcuni trasposti pari pari nei film, altri "inediti". Mi sono sembrati più cattivi rispetto alla versione cinematografica, ma anche piuttosto mal scritti. Indiscutibile il merito enorme di Villaggio per aver creato una immortale maschera tragicomica.

Gli anni dolci / Jiro Taniguchi ; un romanzo di Hiromi Kawakami ; traduzione dal giapponese di Vincenzo Filosa. Vol. 2 - Jirô Taniguchi

Fumetto tratto da un romanzo, ha belle atmosfere indefinite e sospese ma approfondimento psicologico scarso, e dopo un po' i quadretti con gli incontri tra l'anziano professore e la sua ex studentessa non hanno più niente da dire oltre ai menu dei ristoranti. Taniguchi sa far di meglio.

ps - il finale "magico" sembra sia stato aggiunto rispetto al romanzo. Sinceramente non ne ho colto il senso.

La passeggiata - Robert Walser

Data la reputazione di questo libretto devo essermi perso qualcosa, perché dopo esser stato conquistato dall'arioso incipit la prosa pomposa mi ha asfissiato togliendomi il piacere della lettura. Di certo notevole per l'elogio della camminata errabonda e per una certa aria postmoderna.

LTI - Victor Klemperer

Ebreo sposato a una tedesca "ariana", negli anni del terzo reich, Klemperer perde la casa e il posto di docente all'università di Dresda ed è costretto a lavorare come operaio, ma si salva dai campi di sterminio e dal bombardamento del 13 febbraio 1945 che rade al suolo la città.

In quegli anni fatali tiene un diario e raccoglie in questo libro (LTI, ovvero "Lingua Tertii Imperii", la lingua del Terzo Reich) i suoi appunti apparentemente distaccati di filologo che annota i mutamenti inflitti dal regime alla lingua tedesca: abbreviazioni, superlativi, vezzi, censure, enfasi, idiosincrasie.

Un testo molto interessante dal punto di vista linguistico e politico, ma ancor di più un libro emozionante e incredibile, che ben più di qualsiasi diario di Anne Frank o Schindler's list mi ha proiettato nel quotidiano della Germania nazista, tra resistenti, scettici, entusiasti e opportunisti: i colleghi, amoici e conoscenti di Klemperer, tutti personaggi estremamente reali e umani, molto più vicini e angoscianti degli anonimi SS cui anni di libri e film ci hanno abituati. Specialmente in questi anni di fascismi che rialzano la testa in Europa.

La crepa - Carlos Spottorno, Guillermo Abril

Il fotografo Spottorno e il giornalista Abril nel giro di 3 anni compiono 4 o 5 viaggi in corrispondenza di confini critici dell'UE: Melilla, il Mediterraneo di Lampedusa, la Grecia e i Balcani, la Polonia e la Finlandia. Insieme offrono un reportage che racconta di un'Europa unita in disgregazione e di profughi che accorrono attirati come falene dalla luce di libertà, pace e ricchezza che contraddistingue il vecchio continente.

Le fotografie sono tutte trattate graficamente per trasformarle in una sorta di vignette da fumetto, soluzione che consente di uniformarle anche se non offre spunti particolarmente interessanti, mentre i testi spingono un po' sul tragico (L'Europa è gli sgoccioli?) senza offrire vere motivazioni o approfondimenti, però la lettura è comunque emozionante e interessante. La fotografia finale dal confine russo-finnico è davvero memorabile.

Macerie prime - Zerocalcare

Per fortuna dopo aver letto la seconda parte posso correggere in positivo il giudizio: se restano fastidiosi i piagnistei dello Zerocalcare bambino trentenne che ha paura di crescere, e un po' poco centrata la storia parallela nel mondo postapocalittico, le storie dei suoi amici sono un cupo quanto convincente ritratto della pracarietà esistenziale di oggi. Il tutto nello stile esilarante del nostro.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

libro prenotato risulta inesistente

Buongiorno, il libro

"Il volto del tempo : sessanta ritratti di uomini e donne del XX secolo" / August Sander
bct.comperio.it/opac/detail/view/sbct:catalog:213080

è stato da me prenotato qualche settimana fa, ora risulta che non ne esistono copie. Cosa è successo?
Grazie.

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate